AGENTS OF SHIELD - Recensione dell'episodio 4x19 "All the Madame's Men"


Daisy riesce a fuggire dal Triskelion ma ha tutta l'Hydra al suo inseguimento mentre Coulson è costretto ancora una volta a prendere le redini dello Shield.

Scritto da Brent Fletcher
Diretto da Vincent Misiano

Voto: 8/10

[SPOILER]


L'episodio di questa notte mette palesemente in scena la messa in ordine di tutte le caselle per la chiusura della stagione (speriamo non della serie). Abbiamo nuovamente uno sguardo sul mondo reale con AIDA e il russo che stanno tenendo al sicuro i corpi dei rapiti ma solo fino a che il loro piano non sarà completato. Di che piano si tratta?

Andiamo con ordine partendo dalla fine. Il discorso in tv di Coulson assume tutta una serie di sfumature interessanti. Coulson è l'unico che non ha subìto totalmente il lavaggio del cervello del framework avendone già avuto esperienza con il progetto TAHITI e continua a fidarsi di Daisy e Simmons seguendo con naturalezza il suo istinto, come dimostra nella scena con Ward all'inizio, dove afferma di confidare nelle capacità di Daisy per seminare l'Hydra.


Nel discorso - che forse è un call back ad inizio stagione quando May gli dice che dovrebbe essere lui a rappresentare lo Shield in tv - Coulson prima ripete il famoso discorso fattogli da Fury che avevamo già sentito alla fine della prima stagione e poi, con fermezza, dichiara di essere un agente dello Shield, affermazione che ha segnato il personaggio lungo tutto la serie (e oltre, considerando il MCU nella sua interezza). In pratica, una citazione del discorso Captain America in The Winter Soldier.




Coulson rientra con organicità nel suo ruolo ora che Mace è morto e lo Shield ha bisogno di un nuovo leader. Inoltre, importante come dichiari di essere non solo un professore di storia, non cancellando interamente, quindi, la sua identità nel framework che comunque fa parte della sua personalità ed esperienza, visto che il padre era un insegnante di storia a sua volta e che lui stesso al college aveva cominciato a studiare per diventarlo.


E Coulson è sempre lui anche con May nel momento in cui prima la protegge da Mack che la tiene sotto tiro non fidandosi di lei e poi, prima della trasmissione, quando lei gli sistema la cravatta ed entrambi hanno un senso di déjà vu. Coulson non ricorda tutto ma si muove seguendo le sue intuizioni e sensazioni ed ora May sta imparando a fare lo stesso.


Daisy ha riconquistato i suoi poteri e l'alleato di cui si parlava nella sinossi alla fine si è rivelato essere May. Le due donne fuggono insieme dall'Hydra e ritrovano la complicità di un tempo con May che si assume tutta la responsabilità della morte di Mace ma tenta di rimediare con il filmato della sua morte che scuote le coscienze.



Su questo punto da notare come Daisy tenti di convincere Coulson a lasciar perdere tutto e cercare la via di fuga dal framework perché una volta tornati nel mondo reale, tutto ciò che sta accadendo non avrebbe più importanza ma Coulson giustamente afferma come per riuscire a fuggire ci sia bisogno di rallentare la corsa dell'Hydra e vi riesce battendoli sul loro terreno.


Arriviamo al piano di AIDA: come in un gioco di specchi (non a caso il progetto si chiama Looking Glass....) AIDA sfrutta Fitz nel framework per poter avere un corpo vero nel mondo reale (alla Ultron). In pratica, tutto il framework è solo un enorme progetto per tornare alla realtà completamente emancipata da Radcliffe. Simmons lo scopre riconoscendo il progetto che potrebbe essere la chiave per rivedere Ghost Rider nel finale di stagione mentre da vedere se la possibilità di costruire un vero corpo possa essere applicata a tutti. Infatti, il fandom chiede a gran voce il ritorno di Trip o Ward nel mondo reale ma la cosa non credo sia possibile perché c'è necessità di un cervello che sia stato mappato da un originale. Chi non è stato mappato è solo una proiezione algoritmica e statistica costruita sui ricordi di chi, invece, è stato mappato. In pratica, Radcliffe e Agnes potrebbero tornare (se della donna esistesse un back up del cervello), Trip e Ward no, a meno che non si voglia creare una proiezione che non sarebbe comunque la vera persona.


A questo riguardo, la serie in questo episodio offre una sorta di assoluzione a Ward che, a mio parere, poteva anche non esserci perché il personaggio è stato interessante solo nel momento in cui si è rivelato spietato e crudele e far vedere come il suo comportamento sia stato determinato da un singolo momento, sembra un po' riduttivo.
Così come è maggiormente interessante il Fitz malvagio che, a questo punto, potrebbe essere l'indiziato principale per non voler tornare nel mondo reale visto che sembra essere quello più cambiato di tutti e legato in maniera morbosa a AIDA.


Da notare come il breve ritorno al mondo reale ci faccia vedere di nuovo il russo e la storyline che sembrava essere stata precocemente abbandonata - la sua vendetta su Coulson - ritorna qui con forza, prima con l'uomo che cerca di accoltellarlo e poi, vedendo che non può farlo, rassicurandosi con AIDA che potrà ucciderlo appena la loro missione sarà terminata.
Nel promo sentiamo Simmons urlare che Coulson morirà e potrebbe essere qualcosa legato a questa storia visto che nel prossimo episodio si dovrebbe tornare nel mondo reale, con Simmons che ha capito dove sono tenuti i prigionieri e il russo che ha intercettato lo Zephyr One in un gioco di gatto e topo su chi arriverà prima all'altro.


E anche questa settimana, AoS ci offre un riferimento critico alla politica statunitense contemporanea:



Alle prossime news! 


SE VOLETE COLLABORARE CON NOI SCRIVETECI! - Collabora con noi!

Stiamo cercando RECENSORI e newsers per EMPIRE, HOMELAND, LEGENDS OF TOMORROW, ORPHAN BLACK. ARROW, SUPERGIRL e le altre serie.

Non perdere neanche una notizia! Seguici su Facebook e Twitter.
Condividi su Google Plus

Articolo di Barbara Maio

Posta un commento