THE FLASH - Recensione episodio 4x12 "Honey, I Shrunk Team Flash"


"Ho scoperto chi sei veramente. Tu sei Flash!"


E' un nuovo giorno per il Team Flash ma senza Flash, ora è solo Team.
Cecile mentre parla con Joe si rende conto di saper leggere nel pensiero, allarmati si rivolgono a Caitlin, che dopo averla visitata la tranquillizza dicendo che non c'è nessuna traccia di materia oscura e che il bambino che ha in grembo non è un metaumano (o per meglio dire, la bambina), i suoi sono solo poteri temporanei dati dalla gravidanza.
Cisco non le crede, ma Cecile dopo aver indovinato tutti i numeri pensati dal ragazzo ed anche il nome del suo Pokèmon preferito (Bulbasaur), lo snobba. 
Comunque io rimango fedele a Pikachu.

Il dottor Wells riprende i ragazzi, perché loro sono lì a giocare ad indovina cosa sto pensando con Cecile, mentre Barry è rinchiuso in una cella ingiustamente e DeVoe raccoglie allegramente le margheritine del suo giardino.
Vai Harry, fatti sentire, porta l'ordine in questo schifo.

Tutti sono preoccupati per Barry: chissà cosa sta passando in prigione. Aspettate un momento... gioca a poker? Cosa? A quanto pare se la sta spassando. Gli stessi tipi che fino a qualche giorno prima lo volevano ammazzare, ora sono i suoi avversari a poker. Che ironia. Inoltre Barry utilizza i suoi poteri per vincere. Ti piace vincere facile eh?
Ragazzi l'aria del carcere non gli sta facendo un buon effetto. Però devo dire che quella tutina non gli sta poi così male.
Da notare la frase: "Sarai anche grosso, ma non hai la faccia da poker". Poker Face! Basta, troppi ricordi!


Durante una litigata, Barry scopre che Grand'Uomo (David Ratchet), è in prigione perché ha sparato ad un uomo disarmato. Decide quindi di affrontare la questione per capire come mai suo padre gli ha salvato la vita. David gli fa leggere un articolo di giornale e il ragazzo, da bravo scienziato forense, si accorge che le prove del caso non sono sufficienti per giudicarlo colpevole. L'uomo conferma la sua innocenza ed afferma di essersi trovato nel posto sbagliato al momento sbagliato. Il vero colpevole ha l'aspetto fisico simile al suo.

Nel frattempo a Central City, l'edificio più sicuro della città viene rimpicciolito e messo nel taschino di un uomo. Diciamo che non era poi così sicuro. 
Joe, Cisco e un'emozionatissima Cecile (che sente le voci ovunque), indagano sul caso. Tramite dei filmati, individuano un uomo che fa comparire una macchina dal nulla. Eta Beta è tra noi.
Diciamocelo, chi non vorrebbe avere una macchina tascabile pur di non dover sprecare tempo per cercare il parcheggio!

Barry, che come fa notare Wells, da quando sta in prigione non ha mai chiesto nulla, dice ai ragazzi di indagare sul caso di Ratchet e trovare elementi validi per farlo scagionare. Nel frattempo, trovano anche informazioni su Eta Beta, che a quanto pare ha un "nome da fumetto" talmente particolare che Cisco e Ralph scommettono sul suo nomignolo. 
Joe, Cisco e Ralph vanno ad interrogare l'uomo che al momento delle presentazioni, fa vincere la scommessa all'uomo elastico.


Successivamente Cisco nota che nella casa ci sono moltissimi modellini dettagliati, mentre Joe vede una foto che ritrae l'uomo mentre sfodera i muscoli. I ragazzi fanno due calcoli e capiscono che Eta Beta è anche il tipo che assomiglia a Grand'Uomo. Toh, ma che coincidenza! Due casi in uno! Questa cosa sta diventando troppo frequente.
L'uomo capendo di essere stato beccato scappa, e per seminare i ragazzi, rimpicciolisce Ralph e Cisco, facendoli diventare degli omini della Lego.


Ai Laboratori STAR i ragazzi indagano sul fuggitivo, e scoprono che il giorno in cui Barry ha fatto ritorno dalla Forza della Velocità, un uomo ha rubato un carico di Stella Nana destinati a Ray Palmer. Questo ha permesso al rapinatore di acquisire i poteri mentre l'autobus veniva investito dalla materia oscura.

Nel frattempo Joe e Cecile passano un periodo di crisi, dati i nuovi poteri della donna. I due vanno da una terapista, la stessa di Barry ed Iris... andiamo, fate sul serio? Joe blocca i poteri di Cecile con un elefante rosa, ha paura di risultare debole negli occhi della sua amata. Dopo un discorso da pazzoide fatto da Cecile  però i due ritornano in buoni rapporti.

Ad Iron Heights, Barry spiega a Ratchet che i suoi amici stanno lavorando sul caso, l'uomo non gli da fiducia, i ragazzi che dovrebbero salvarlo sono gli stessi che non scagionano Barry. Diglielo! Bei amici!
Successivamente il ragazzo inizia a dargli delle speranze: il vero colpevole del suo caso è stato trovato ed in un Flash schiocco di dita lui uscirà di prigione.
Il direttore, osservando le intenzioni di Barry, lo ammonisce. Gli spiega che creare false speranze ad un detenuto è rischioso, perché in caso di insuccesso, si va in contro ad una fine orribile. Secondo l'uomo, tutti i detenuti sono dei mostri.
Con questo vuoi dire che anche Barry è un mostro?


Ai laboratori, i due omini della Lego giocano nel Lego World, in attesa di ritornare normali. Il dottor Wells per farli tornare normali ricorre al bazooka di Cisco, trasformandolo in un bazooka ingranditore grazie all'ausilio della Stella Nana. Wells lo punta sui due Lillipuziani, ma il raggio emesso non ha alcun effetto, anzi, ha destabilizzato le loro cellule ed ora i due ragazzi hanno le ore contate. Successivamente l'uomo capisce che l'unico modo per far ritornare normali i suoi amici è quello di farli ingrandire da Eta Beta stesso. 

I ragazzi rintracciano il fuggitivo, che si trova in un aerodromo mentre cerca di aggiungere un nuovo modellino alla sua collezione, e lo raggiungono con lo scopo di farsi colpire. Eta Beta però capendo il piano, decide di  difendersi con dei mezzi di trasporto lanciandoli a caso come sacchi di patate.
I ragazzi passano quindi al piano B. Wells cerca di attirare l'attenzione sparandogli, l'uomo di conseguenza contrattacca colpendolo con il raggio riducente, peccato che attaccati alla sua maglia ci sono Cisco e Ralph che una volta colpiti ritornano normali.

Finalmente Eta Beta viene arrestato, ma decide di non rilasciare nessuna confessione a favore di Ratchet. Barry dispiaciuto comunica la notizia all'uomo, che stranamente non si arrabbia, anzi, gli dice che non deve preoccuparsi, perché quella poca speranza che ha provato è stata gradita. 
Il ragazzo, che ha un cuore d'oro, ascoltando il consiglio di Joe, decide di utilizzare i suoi poteri per portare Ratchet a Jiaju, un posto in Cina dove l'uomo voleva andare una volta scarcerato.
Obama, dai una medaglia a questo ragazzo!


Wells riflette sui casi, e nota che ci sono troppe coincidenze. Finalmente qualcuno lo ha capito! Ipotizza quindi che tutte queste reazioni a catena rientrano nei calcoli di DeVoe, ed è determinato a scoprire il suo piano.

E proprio mentre pensi che questa puntata di Flash sia stata abbastanza calma, ecco il...
COLPO DI SCENA!
Il direttore comunica a Barry di aver installato una telecamera appositamente sulla sua cella, ed ora sa chi è veramente. Sa che lui è Flash! WHAAAAAT?
E non è tutto, gli confessa di aver drogato il suo amatissimo budino in modo tale da renderlo indifeso. TUTTI i detenuti sono dei mostri, anche Barry.
Questo tipo ha messo K.O. Barry con un budino! Ma di che cosa stiamo parlando!
Il direttore pezzo di cacca fa portare Barry in una cella studiata apposta per i metaumani. Ma il bello non finisce qui, perché ecco un altro...
COLPO DI SCENA!
L'uomo chiama niente pò pò di meno che Amunet! Whaaaat? Davvero lo state facendo?
Le comunica di aver un pezzo grosso fra le mani e vuole fare affari con lei.


Cioè ragazzi lo schifo totale a pochi minuti dalla fine! Non ero pronta, cavolo! Ricevere due colpi di scena così dopo una puntata statica. Vogliono far prendere un colpo alla gente? Ci stanno riuscendo!

Uscite la 4x13 immediatamente!

Ecco il promo della prossima puntata:


 
Ti sei perso le recensioni delle altre puntate?
 
Recensione ep. 4x01 "The Flash Reborn" / 4x02 "Mixed Signals"
Recensione ep. 4x03 "Luck Be a Lady"



Non perdere neanche una notizia! Seguici sulla pagina Facebook o sul nostro Gruppo o su Twitter.
 
Condividi su Google Plus

Articolo di Viviana Malerba

Posta un commento