AGENT CARTER - Recensione della season finale 2.10 "Hollywood Ending"



"Jarvis, hai appena investito una donna con la mia auto!"
"Lo so, signore."
"E' stata due volte nominata all'Oscar!"

Risate, suspense e colpi di scena all'ultimo secondo...ecco cosa ci ha riservato questa ammaliante season finale di Marvel's Agent Carter!


VOTO: 9

SCRITTO da: Chris Dingess (storia), Michele Fazekas e Tara Butters (sceneggiatura)

DIRETTO da: Jennifer Getzinger
"Hollywood Ending" - Trama: I secondi scorrono veloci tra Jack che intima a Samberly di sistemare l'interruttore per la bomba e Peggy e Daniel che gli urlano di non farlo. Mentre Peggy punta la pistola a Jack, alle loro spalle si verifica come una piccola esplosione. Recatisi all'interno, Peg, Daniel e Jack trovano Wilkes tornato finalmente se stesso: sembra che con l'esplosione della scorsa settimana, Jason abbia definitamente espulso la Zero Matter. Jason non è l'unico sopravvissuto: anche Whitney è viva e ha anche assorbito la restante Zero Matter. Scappati all'esterno della struttura, il gruppo viene salvato dal puntualissimo arrivo di Jarvis e Howard, che investono miss Frost.
(Scommetto che l'unico abituato a barare e rubare nonostante la sua genialità sia proprio tu, Howard.)
Ovviamente, Whitney non si è fatta nulla e tornata a casa Manfredi inizia un nuovo progetto per aprire nuovamente il portale. Anche Manfredi si è accorto che la sua premurosa (?) e amorevole (??) "faccia d'angelo" (???) non è più la stessa da quando la Zero Matter è entrata in gioco e infatti, seguendo il suggerimento della sua "nonna", si reca a casa Stark durante la colazione per chiedere aiuto. Howard è quasi più preoccupato per il barattolo di senape che della pistola puntata contro Jarvis. Ma a quanto pare Joe Manfredi e Howard Stark sono compagni di sauna, quindi è tutto un falso allarme. Chiacchierando, Peg&Co. vengono a sapere del nuovo piano della Frost per riaprire la crepa. Grazie a un'idea burlona di Howard, il gruppo vorrebbe battere la Frost rubandole i progetti. 
Grazie a uno stratagemma di Manfredi che finge di aver bisogno delle doti di miss Frost, Daniel e Peggy fotografano tutto il lavoro della donna (e Daniel, per rallentarla, le corregge pure un calcolo), per poi fuggire dalla finestra. Wilkes, Samberly e Stark comprendono il piano di Whitney: creare un macchinario che metta in contatto la nostra dimensione e quella di contenimento della Zero Matter.
Preparato il "generatore di crepe" anche grazie a Rose e Jack (!) passato finalmente dal lato giusto della Forza, il piano viene messo in atto: la crepa si apre senza problemi, e Whitney ne risulta immediatamente attirata. Durante le ordinazioni per la cena la sera prima, Jack ne approfitta per dare una sbirciatina alla borsa del viscido Vernon (pace all'anima sua!) dove trova la spilla, che in realtà è una chiave, che Jack mostrerà ad Peg durante l'attesa per l'arrivo della Frost. Howard la colpisce con il cannone gamma, la Zero Matter fuoriesce da lei per ritornare nel suo mondo. Ma i problemi non sono finiti: la crepa diventa instabile, qualcuno dovrà tirare la leva sul dispositivo per chiuderla. E
mentre tutto discutono su chi debba avere l'incombenza, Daniel, legatosi a un palo della luce, comincia a girare la leva finché la situazione inizia a precipitare tra il cavo che si stacca, Daniel che rischia di essere risucchiato e...i pensieri equivoci di Howard accorso in aiuto di Peg. A salvare la situazione è il sempre meraviglioso Jarvis, che suggerisce di usare la macchina volante di Stark e il nucleo del cannone e far esplodere il tutto all'interno della crepa. Con la Frost definitivamente sconfitta e rinchiusa nel covo dei matti, Wilkes ottiene un nuovo lavoro da Stark, Ana torna finalmente a casa, un po' indispettita dal fatto che Peggy voglia andarsene via senza salutare e... Jarvis sempre pronto a portare Peggy ovunque desideri e la porta...beh...da Daniel e due finalmente (!!!) si baciano (halleluja!!!). A quanto pare Peg ha la sua ragione per rimanere nella Città degli Angeli, e Jack? E Jack per motivi ancora ignoti si prende un proiettile in pieno petto a causa del fascicolo segreto sulla Carter. Quale sarà il destino del capo Thompson???

Wow!!! Che season finale! Mi è piaciuto ogni singolo secondo! Marvel's Agent Carter ha dimostrato ancora una volta di non avere nulla da invidiare a Marvel's Agents of S.H.I.E.L.D. E spero che esattamente come per l'anno scorso, questo sia solo un saluto temporaneo. La Carter si merita decisamente la terza stagione, nonostante gli ascolti non particolarmente brillanti. Bisogna tenere conto di tutte le variabili, e quest'anno AC ne ha dovute affrontare tante di avversarie tra Pretty Little Liars, Teen Wolf, The Flash, Chicago Fire, iZombie e new entries come Shadowhunters, The Shannara Chronicles, Chicago Med e chi più ne ha più ne metta. Sembra roba da poco perché a molti potrebbero non piacere, ma sono comunque avversarie con cui AC ha dovuto fare i conti. Spero che di questo si tenga conto.

Whitney Frost aka Madame Masque è finalmente decaduta. Per premurosa (?) e amorevole (??) "faccia d'angelo" (???) niente prigione, me destinazione ricovero dei matti, come abbiamo potuto constatare a fine episodio. E' stata comunque una villain d'eccezione, bellissima, forte e ossessionata dal potere. L'insaziabile voglia di potere o come direi io, di POWAH ha portato alla rovina questo personaggio. 


E' proprio vero che quando i geni si uniscono, i cattivi non hanno scampo! Dopo averlo richiesto a gran voce, Howard è finalmente rimpatriato nella Città degli Angeli. Personalmente ne ho sentito la mancanza in questi episodi, fino... al momento della sua battuta... nei confronti di Peggy. Altro che sconfiggere i cattivoni di turno. Per Howard Stark i problemi veri della vita sono ben altro: "Abbiamo finito la senape." oppure "Te l'ho detto allora e te lo dico adesso, in una sauna  non si sta in mutande" oppure ancora "Voglio che tu sappia che in questo momento non sto avendo idee deplorevoli su di te!".
Oh, Howard, non cambi proprio mai! 


Comunque il suo aiuto (e quello del suo compare di sauna Joe Manfredi) sono stati determinanti per la realizzazione del piano per sconfiggere Madame Masque. Profondo ammiratore delle menti geniali, ammette addirittura che amare miss Frost non sarebbe poi tanto male, se non fosse matta da legare... Sicuro di non essere tu il matto, Howard?


p.s. La macchina volante??? Di già!?

Jarvis e i Jarvis sono MERAVIGLIOSI. Punto.
Edwin Jarvis ha salvato la situazione questa settimana e l'ha anche fatto con classe. Il tutto è iniziato con lui che appare sulla scena investendo Whitney Frost (mia cara, ti saresti meritata anche di peggio visto quello che hai fatto ad Ana!) e poi nelle battute finali dell'episodio tra una macchina volante e un nucleo di un cannone gamma riesce addirittura a chiudere una crepa dimensionale, salvando il mondo dalla Zero Matter.




Ana Jarvis finalmente rimpatria a casa dall'ospedale ed è indispettita dal fatto che Peggy voglia levare i tendaggi senza salutare. "Dove sono le maniere, signorina Carter?" 
Mica ti han cresciuta in un ovile o in un pollaio, neh!
Parlando seriamente, capisco l'afflizione di Peggy. Da quando è arrivata il pericolo è piombato in casa Stark/Jarvis e Ana ne è rimasta vittima. E non è stato un danno passeggero, purtroppo. Ma Ana è davvero una donna forte e in tutto questo cerca comunque di vedere il bicchiere mezzo pieno: è viva, a casa, ed insieme ad un uomo meraviglioso che adora. 


p.s. Il saltello di Jarvis che pare, tipo, un bambino di 4 anni? AHAHAHAHAHAH

Wilkes ha finalmente finito di rompermi le uova nel mio paniere.
Dopo una, a mio avviso, patetica imitazione di Hermione Granger, Casper Cioccolatoso ha rimediato un nuovo lavoro a Malibù. Povero lui. Malibù, che disgrazia.


Strano ma vero anche Jackie si è reso davvero utile scoprendo il segreto della spilla, contribuendo a fermare Lady Psycho e aiutando Peg a salvare il suo futuro marito Daniel. Grazie, grazie.
Peccato che per una volta che la fa giusta, che sta dal lato giusto della Forza tutto ciò che rimedia è di essere sparato.


Morto, non è morto. O almeno così spera. Quando avremo la nostra terza stagione forse potremmo far luce su cosa sia realmente accaduto a Jack e perché. 

E mo veniamo al sodo perché mi sono rotta di rimandare.



Fino alla fine mi avete fatta aspettare, brutti attori cattivi! 
Dopo ben 2 STAGIONI e 18 EPISODI, 2 tentativi andati a male, finalmente, il limone Cartousa!
Si dice che la terza volta sia quella buona!
Reazioni dalla platea?



CAN YOU HEAR ME SCREAMING???????????????????


Sempre lì, io, ad aspettare uno straccio di limoncino tra questi due che manco ci speravo più! Terminata la sua avventura nella Città degli Angeli, sembra che Peggy non abbia motivi per rimanere. Finchè quel SANTO uomo-cupido di Jarvis non le fa notare che forse anche se a New York ha tutta la sua vita, qui a Los Angeles c'è il suo cuore.

A volte per rimanere in un luogo non ti servono motivi... a volte ne basta uno solo. <3



E' stato un onore essere qui con voi anche quest'anno a commentare le avventure di Peggy Carter e quindi ci diamo appuntamento al prossimo anno con la season 3, perché io a questo punto, ora che il bello è iniziato, pretendo di vedere i miei Cartousa spaccare tutti i letti di Los Angeles! 

xoxo mie/miei dolci Agents


Un saluto alle affiliate:

SE VOLETE COLLABORARE CON NOI SCRIVETECI! - Collabora con noi!


Non perdere neanche una notizia! Seguici su Facebook e Twitter.
Condividi su Google Plus

Articolo di sissi br.

0 commenti: