THE SHANNARA CHRONICLES - Recensione 1x10 "Ellcrys"



Bene, eccoci giunti all'ultima recensione di questa serie tv, caratterizzata da molti alti e bassi e che, a mio parere, ha confermato in questo season finale la sua mediocrità e il suo potenziale inespresso. Dopo questa ultima puntata è il momento di tirare le somme e iniziare a pensare ad un'eventuale seconda stagione, anche se il futuro della serie sembra incerto. Ma andiamo con ordine.


S01E10: Ellcrys

Scritto da: April Blair, Evan Endicott, Josh Stoddard
Diretto da: Brad Turner

Scrivo questa recensione con un po' di tristezza, perché questa serie all'inizio mi aveva convinta davvero parecchio e speravo molto in un season finale che desse una vera speranza per il futuro e chiudesse in modo degno una serie dalla qualità altalenante, ma purtroppo non mi è sembrato affatto così. Certamente quest'ultima puntata ha avuto dei meriti e degli elementi interessanti, ma, come temevo, è stata troppo veloce e costellata di errori che hanno ridotto di molto il pathos anche quando la sorpresa e la sofferenza avrebbero dovuto essere praticamente scontate.



Cominciamo dalla parte che secondo me avrebbero potuto sfruttare molto meglio: la trasformazione di Amberle. L'evento in sé era un'occasione davvero ottima per conferire drammaticità all'episodio, infondo si tratta del sacrificio di una protagonista che abbiamo imparato ad amare e che fino in fondo non era sicura del proprio destino, dell'addio ai suoi affetti e al ragazzo di cui è innamorata, del sacrificio della sua vita, che avrebbe dovuto essere appena agli inizi, in nome della salvezza del mondo. Un grande topos del fantasy. Proprio per questo mi chiedo il perché di certe scelte degli autori, a cominciare dalla rivelazione compressa in cinque minuti all'inizio dell'episodio, così da annullare la sorpresa finale, e più o meno ridotta a "questo è il tuo destino, devi sacrificarti, anzi, se non vuoi non farlo, però se non lo fai finisce il mondo". Insomma, va bene che il succo del discorso sia quello, ma sul discorso in sé si poteva lavorare molto di più. Mi è piaciuto che la rappresentazione dell'Ellcrys fosse Amberle stessa, ma avrebbero potuto sfruttare di più la cosa, anche solo facendoci vedere l'evoluzione del rapporto tra la ragazza e l'albero, l'accettazione dell'inevitabile, la lotta interiore, insomma, lo sviluppo del personaggio. Amberle è rimasta praticamente uguale a se stessa ma questo season finale ci ha mostrato che di spazio per l'evoluzione ce ne sarebbe stato eccome, solo che è stato trascurato!

Anche il momento della trasformazione stessa mi ha molto delusa: lei e Wil entrano nella sala e non hanno nemmeno il tempo di dirsi addio, Amberle gli rivela il suo destino, vengono interrotti dal Dagda Mor e lei approfitta del momento per entrare nell'Ellcrys. I tempi narrativi qui sono completamente sbagliati, secondo me, e levano un sacco di pathos alla scena. Così come la trasformazione. Non dico che avrebbero dovuto fare chissà cosa, capisco che siano effetti speciali complessi, ma io mi aspettavo che Amberle si trasformasse nell'Ellcrys fisicamente, o che almeno si fondesse con essa. Una scena del genere avrebbe espresso molte più emozioni, sarebbe stata molto più dolorosa da guardare e il sacrificio dell'eroe deve essere doloroso, anche se viene accettato, anche se è per il bene superiore, si tratta comunque di un sacrificio! Non si può ridurre ad una luce che circonda la ragazza e poi l'albero per magia rifiorisce.  Mi dispiace, ma questa parte per me è proprio un gigantesco no, un sacrificio che riesce a trasmettere così poco ha qualcosa di molto sbagliato; è stato più drammatico il momento in cui Eretria riapre il Fuoco di Sangue e quello in cui rimane indietro a combattere i troll, due scene brevi ma ben scritte, piuttosto che la grande rivelazione dell'intera serie.

Anche la parte di Wil non mi ha convinta per niente. Sorvolerò sulla terrificante canzone che fa da colonna sonora alla cavalcata perché credo di non aver mai sentito niente di così brutto, altra nota negativa in una serie che aveva avuto finora delle belle musiche, mi domando cosa si siano fumati gli autori; sorvolerò anche sul fatto ci fossero dei cavalli spuntati fuori dal nulla e sul fatto che ci abbiano messo circa un giorno e mezzo a tornare quando ci erano volute settimane per arrivare, ma, ragazzo mio, esprimila un'emozione! A parte la faccenda delle pietre che non è stata spiegata per niente e che miracolosamente si sono trasformate in un cannone laser ammazza-demoni, la ragazza che dici di amare si è appena sacrificata per salvare il mondo un paio d'ore dopo che stavate progettando il vostro futuro insieme, come fai a fartela passare in minuti dieci? Non hai avuto nemmeno il tempo di dirle addio! La scena finale con Allanon per me è stata un completo nonsense, avrebbe dovuto odiarlo, o almeno avercela con lui. Non fraintendetemi, io capisco bene Allanon, e poi parleremo anche di questo, ma Wil non avrebbe dovuto. Ha appena scoperto che lui sapeva tutto, che ha scelto di non rivelarlo, che è stato indirettamente la causa del sacrificio di Amberle, come può passarci sopra in quel modo? Avrebbe potuto aver senso con un personaggio diverso, ma per come è stato caratterizzato Wil è completamente assurdo. Alla fine, del trio di protagonisti, l'unica ad aver avuto una vera evoluzione è stata Eretria e di questo mi dispiace davvero molto.

Allanon invece, come sempre, mi è piaciuto molto: un personaggio fedele a se stesso, sapevamo che aveva dei segreti e finalmente abbiamo scoperto quali fossero e l'ottima recitazione di Manu Bennet è riuscita a trasmettere le emozioni giuste, spero proprio che, nel caso di una seconda stagione, vedremo ancora questo personaggio. Anche Ander mi è piaciuto, la sua storyline, sebbene un po' frettolosa, è riuscita a rimanere coerente e a mostrare un personaggio interessante con un buon potenziale di evoluzione. Bandon invece mi ha proprio delusa; finora mi era piaciuto molto, ma questo suo improvviso passaggio al lato oscuro, senza nemmeno capire se sia stata la sua indole o l'influenza del Dagda Mor, solo per avere un villain per un'eventuale seconda stagione è stato davvero fatto male. Come ha fatto a fuggire da un palazzo pieno di guardie e rubare la spada? Davvero, Ander, licenzia l'intero esercito e trova qualcun altro, perché ad Arborlon siamo al ridicolo!

Per quanto riguarda le scene di azione invece devo dire qualcosa di positivo in mezzo alle critiche: è vero che invece di due eserciti ci siamo trovati a vedere solo delle schermaglie con pochissime persone, ma la scelta degli ambienti e delle inquadrature secondo me ha aiutato molto a dare l'idea che quelle scene fossero solo una parte della battaglia. Di sicuro avrei preferito delle scene più epiche, con due eserciti immensi che si scontrano, ma il budget televisivo non è uguale a quello cinematografico, quindi sarebbe stato irrealistico aspettarsi qualcosa a pari del Signore degli Anelli e con quello che avevano a disposizione a mio giudizio hanno fatto bene. Anche gli effetti speciali dei combattimenti magici sono stati all'altezza, migliori di quelli di molte serie tv, quindi da un punto di vista tecnico non ho niente da dire e mi sono goduta abbastanza le scene di combattimento.

Un altra cosa che mi ha lasciata un po' perplessa è stata la scena d'amore tra Wil e Amberle. Non che io non la capisca, infondo la povera ragazza sta per sacrificarsi per il bene di tutti, è anche comprensibile che voglia dire addio alla persona che ama, però non sono sicura che una grotta circondata da demoni sia esattamente un posto che incita al romanticismo, soprattutto se consideriamo il fatto che fuori infuria la battaglia e molti dei tuoi stanno morendo per permetterti di arrivare a compiere il tuo destino. D'altra parte era abbastanza evidente che prima o poi sarebbe successo, quindi sceglierò di sorvolare sul contesto decisamente poco adatto e mi limiterò a pensare che un piccolo momento in cui pensare a se stessa lo possiamo anche concedere alla povera Amberle. Dopotutto non è certo questa la parte fatta peggio di questo ultimo episodio.

A questo punto non mi resta che fare una valutazione complessiva. Purtroppo mi vedo costretta a confermare le mie impressioni dell'altra volta: una serie che avrebbe avuto un sacco di potenziale ma ha scelto di rimanere mediocre. Avevano un mondo affascinante, una storia semplice ma dal grande potenziale drammatico, dei personaggi che avrebbero consentito una bella evoluzione, bei costumi, belle scenografie e discreti effetti speciali ma hanno scelto di non sfruttare fino in fondo nessuno di questi elementi. I primi episodi promettevano davvero bene, erano riusciti ad inserire alcuni elementi teen all'interno di un mondo affascinante senza però disturbarlo, sarebbe bastato proseguire in quella direzione. Hanno sprecato demoni come il Reaper in favore di nemici molto meno interessanti e parte di una trama circolare destinata ad esaurirsi in puntate caratterizzate dallo stesso schema narrativo. Hanno trascurato l'evoluzione di Amberle e Wil, i personaggi che avrebbero avuto molti elementi su cui lavorare, in favore di un triangolo amoroso nemmeno troppo ben sviluppato. Hanno lasciato sullo sfondo un mondo allo stesso tempo fantasy e post-apocalittico, con magia ed elementi moderni senza sfruttarli quasi per niente. Purtroppo tutto questo ha impedito alla storia di decollare, generando una serie carina e scorrevole ma niente di più.


Quello che dispiace è che sarebbe bastato evitare alcune ingenuità narrative e avere il coraggio di osare un po' di più, di distaccarsi dai classici temi teen per lasciare più spazio all'epica fantasy, di sfruttare meglio un mondo affascinante e pronto a narrare storie e la serie avrebbe potuto essere molto di più. Sì una storia di amore e di amicizia, ma anche di crescita personale e accettazione delle responsabilità, circondata da un mondo vivo e pronto ad offrire ostacoli, salvezza e spunti di riflessione. Non so se sperare in una seconda stagione, perché se da una parte hanno un sacco di elementi su cui lavorare per costruire qualcosa di bello, dall'altra sappiamo come gli sia mancato il coraggio di farlo in questa, quindi, se si farà, spero che la produzione impari dai propri errori e riesca a sfruttare tutto quello che questa volta ha trascurato. 

Voi cosa ne pensate? Vi è piaciuta la serie e sperate in una seconda stagione? Se dovessero decidere di continuare con la saga di Brooks questa volta toccherebbe a "La canzone di Shannara", quindi i protagonisti cambierebbero, ma l'ultima scena lascia aperta anche la possibilità di una seconda stagione basata su una storia originale. Sinceramente spero che questa eventualità non si verifichi, perché raramente va a finire bene, ma immagino che solo il tempo ce lo saprà di dire. 

Per quest'anno è tutto, arrivederci, forse, all'anno prossimo, con le avventure nel magico mondo delle Quattro Terre.

Come sempre, un saluto alle affiliate:



SE VOLETE COLLABORARE CON NOI SCRIVETECI! - Collabora con noi!

Non perdere neanche una notizia! Seguici su Facebook e Twitter.
Condividi su Google Plus

Articolo di Venere B.

Posta un commento