MR. ROBOT - Rami Malek, Christian Slater e gli altri ci parlano della seconda stagione





E' una mattina d'inizio estate a Brooklyn e i progressi per la seconda stagione di Mr Robot hanno avuto una battuta d'arresto. La ragione? Difficoltà tecniche, in questo caso un cavo ribelle, che cade a proposito, considerato che la serie parla proprio di tecnologia e connettività vista attraverso gli occhi del mago dei computer Elliot Alderson (Rami Malek).

Una volta riniziate le riprese, un piccolo esercito di responsabili del marketing e della pubblicità si mettono in fila per osservare, somigliando più alle fans affascinate che fanno diventare la serie un cult, che a degli stanchi impiegati del network. Malek li vede e, in contrasto col suo personaggio meditabondo, è veloce a coinvolgerli e a tentare uno scherzo. "Avete sentito del nostro show? " dice con un sorriso scaltro. "Oggi gireremo la scena dell'omicidio".

Naturalmente scherzava, perchè qui i segreti sono mantenuti con smisurata ferocia. Non che ogni punto della trama, per quanto oscuro, non sia da prendere in considerazione. Nella prima stagione, Elliot ha guidato la fsociety, un gruppo di hacker clandestini che include anche sua sorella, Darlene (Carly Chaikin) nell'invasione digitale delle E-Corp (meglio conosciuta come Evil Corp, una potente multinazionale. Come dei Robin Hood che scrivono codici, hanno compromesso i server e cancellato enormi quantità di debiti dei consumatori, contribuendo involontariamente a molte morti.

La premiere ha luogo un mese dopo, con le strutture finanziarie che devono raccogliere i pezzi. "Il sistema di credito bancario sono ad un punto morto, ed è un sistema che si basa sul denaro contante", dice il creatore Sam Esmail. "Il network della E-Corp è giù e inutilizzabile, vedremo cosa succederà quando tutti i servizi su cui facciamo affidamento crolleranno. 

Almeno abbiamo avuto un chiaro avvertimento. Nei momenti di chiusura del finale della prima stagione, Whiterose (BD Wong) , un imperscrutabile hacker transgender, ha fatto un infausto riferimento all'incendio di Roma. "Era di sicuro una premonizione" afferma Esmail . "Ci stiamo confrontando con la Roma di oggi".

Oltre a questo, vale anche la pena notare che anche se Mr Robot prende di mira l'avidità delle corporazioni e coloro che possiedono l'1% , l'essenza del suo messaggio va ben oltre il regno di Occupy Wall Street. Molto di quello che guida la rivoluzione è la rabbia e la frustrazione di dove sia arrivata  la società , e il tema del giorno è volersi connettere gli uni con gli altri e sentirci come non possiamo" , dice Esmail. "Il punto principale di questo show è proprio la solitudine. "


Per Elliot, quel senso di isolamento è sempre molto presente specie ora che ha scoperto che Mr Robot (Christian Slater) non è la mente della fsociety ma l'anarchico spirito del suo defunto padre, un prodotto della sua immaginazione danneggiata che continua a dargli ordini e non smetterà per chissà quanto altro tempo. "C'è molto tumulto mentre cerca di venire a patti con la consapevolezza che lui e Mr Robot sono la stessa persona", dice Malek.

Nel tentativo di zittire il suo autoritario alter ego, Elliot ha traslocato dal Manhattan’s Lower East Side al Queens, dove sta vivendo un esilio autoimposto, sia dalla tecnologia che da altro, con sua madre (Vaishnavi Sharma). "Lei aveva tracciato dei confini molto stretti quando era bambino e pensa che lui abbia bisogno di tornare a quel regime", dice Malek. "Sta creando delle routine per impedire a Mr Robot di infiltrarsi nel suo mondo". (Le new entry Craig Robinson da The Office e il rapper Joey Bada$$  sono diventati i suoi nuovi compagni). 

Quanto pagherà Elliot nella sua scommessa per un'autonomia psicologica? "Entrambi cercano sempre di dimostrare chi è il capo" , dice Slater, facendo intendere che non c'è furia all'inferno che possa uguagliare un Mr Robot ignorato. "Non c'è modo che il mio personaggio possa essere imbavagliato".

Come se non bastasse, presto Elliot potrebbe combattere contro un altro tipo di libertà quando l'agente dell'FBI Dom DiPierro (Grace Gummer) inizia ad investigare sull'attacco. "Fuori dal cancello, lei ne fa la sua missione per trovare risposte", dice la Gummer. E come molti giocatori nel suo distorto universo, Dom ha sempre molte sorprese nella manica. "Lei è un po'pazza, incasinata e molto amichevole", dice la Gummer.

Lo stesso si può dire di Angela (Portia Doubleday), la cotta di Elliot e amica di lunga data (entrambi hanno avuto un genitore ucciso per colpa dei loschi affari della E-Corp) che si trova bene nel suo ruolo di PR per la compagnia che ha giurato di distruggere. "Tu non sai di episodio in episodio quando sarà sedotta dal lato oscuro, farà un grande cambiamento, e niente sarà come speravo", dice la Doubleday. 

Molto spesso durante il suo cammino si troverà ai ferri corti con la sua ex alleata Darlene, che è passata alla guida della fsociety in assenza di suo fratello. "Darlene è molto estrema, una tipa corri o muori" , dice la Chaikin, " ma mentre osserva le conseguenze delle sue azioni, dovrà decidere tra ciò che è giusto e ciò che è sbagliato".

Come per il nuovo obiettivo della fsociety, i telespettatori dovranno rivalutare le loro aspettative. "Non ci sarà una formula procedurale, tipo quale nuovo attacco fare", spiega Esmail, che dirigerà tutti e 12 gli episodi di questa stagione, cosa rara in tv. "Questa storia era stata concepita all'inizio per essere un film, e seguiremo la struttura originale. Lo considero come se fosse il secondo atto."

Fino adesso, seguire il suo istinto è servito molto ad Esmail, dato che Mr Robot ha vinto diversi premi (incluso un Golden Globe come miglior serie drammatica) ed è stato addirittura paragonato Breaking Bad. Ma non lo  direste mai dalle battutine che avvengono dietro le quinte tra Malek ed Esmail. Un pezzo ricorrente: adottare finte personalità per guadagnare delle fiacche recensioni. (Malek dice "Ho amato i primi due episodi di Mr Robot" ed Esmail risponde cortesemente "Va bene").

Quando più tardi chiedo a Rami perchè lui ed Esmail si lanciano frecciatine nonostante l'indiscutibile successo, Malek si fa circospetto. "Siamo molto autoironici, questo è prezioso per noi, sappiamo bene dove siamo, perciò allentiamo la pressione buttandoci a vicenda giù dal piedistallo. Qualcosa che non avviene spesso, e che può andare via in un battito". O in questo caso, con la sola battuta di un tasto.


Fonte: Tv Insider 


Un saluto alle affiliate:

SE VOLETE COLLABORARE CON NOI SCRIVETECI! - Collabora con noi!
Stiamo cercando RECENSORI e newsers per EMPIRE, HOMELAND, LEGENDS OF TOMORROW, ORPHAN BLACK

Non perdere neanche una notizia! Seguici su Facebook e Twitter.
Condividi su Google Plus

Scritto da Chiara F74

0 commenti: