HOW TO GET AWAY WITH MURDER - Was She Ever Good at Her Job? Recensione 4x04


La quarta puntata di How To Get Away With Murder, intitolata “Was She Ever Good at Her Job? non smette di stupirci. In questa puntata, come nelle precedenti, ci sono stati numerosi i colpi di scena come anticipato dallo Sneak Peek.




Annalise è immersa totalmente nel suo lavoro, l’unica certezza a cui poter aggrapparsi. La donna decide di dare vita ad una Class Action contro Virginia Cross, capo della pubblica difesa. La Keating ha bisogno di soldi per affrontare la causa, quindi chiede a Soraya Hargrove, preside di facoltà di assumerla, per sdebitarla di averla messa in difficoltà.


Anche se contrariata, Soraya accetta la consulenza legale di Annalise, che lavorerà in team con gli avvocati della Caplan & Gold per riottenere la custodia dei figli. Quando la donna arriva trova Michaela nuova tirocinante dello studio. E’ la prima volta che le due si incontrano da quando Annalise ha lasciato i suoi studenti liberi di andare per la loro strada. Il confronto tra le due è duro. Michaela chiede ad Annalise di abbandonare il caso, perché la loro vicinanza è tossica. La ragazza ora ha iniziato una nuova vita con un nuovo mentore, Tegan, e non vuole ritornare indietro per colpa di Annalise. La Keating non rinuncerà mai al caso, il problema è solo suo. La ragazza ha un disperato bisogno di ritrovare una madre nelle donne che incontra sul suo cammino perché la sua è stata assente.



Uno dei punti centrali dell’episodio, è l’arrivo dei padri di Connor, con cui il ragazzo non parla. Per colpa del caming out del padre biologico, la madre ha avuto un esaurimento nervoso. Connor è convinto che il padre rivuole indietro i soldi della retta ora che il ragazzo ha lasciato gli studi. In realtà il padre rappresenta un punto di rottura per Connor. L’uomo conosce bene il figlio e la necessità di indipendenza, per questo non capisce perché ha deciso di sposare Oliver. Il ragazzo non è adatto a lui e alla sua voglia di evasione. Anche se Connor rifiuta le parole del padre, si rende conto che non sono del tutto sbagliate e inizia a mettere in dubbio la sua relazione.


Bonnie nel frattempo, sta avendo i primi contrasti con il suo capo Denver. La donna ha deciso di assumere come tirocinante Laurel. L’uomo è sospettoso nei confronti della ragazza che indaga sul collegamento tra lui e il padre. Laurel scopre che il dipendente della Antares, che si è suicidato, in realtà compare tra i finanziatori della campagna elettorale di Denver per diventare procuratore generale. La ragazza è convinta che dietro quel nome ci sia il padre. E’ il pagamento per aver insabbiato l’omicidio di Wes. Laurel chiede aiuto a Michaela l’unica in grado di accedere ai file. La ragazza inizialmente rifiuta, poi decide di aiutare l’amica, ma per non farsi scoprire chiede ad Oliver di hackerare la mail dello studio in cui lavora.



Frank continua ad avere un ruolo marginale. Lo vediamo davanti all’appartamento di Annalise con una valigia piena di soldi. L’uomo sa che la donna sta mettendo in piedi una Class Action e che ha bisogno di soldi. Annalise li rifiuta e caccia via Frank, quelli sono i soldi dei Mahoney per colpa dei quali ha perso il bambino. Successivamente lo vediamo in auto con Laurel. La ragazza per allentare la tensione, cede al fascino dell’ex compagno.



Importante nella puntata è la scena nello studio di Roa. La scena getta ulteriori ombre sulla serie. L’uomo sta registrando degli appunti vocali in cui dice che Annalise si rifiuta di parlare della morte di Wes e che questo è un bene per lui. Questo fa pensare che Roa conoscesse Wes prima della sua morte anche se non di persona.



La puntata si conclude con il consueto flash forward, questa settimana davvero significativo. Vediamo Isaac confortare una Michaela in lacrime in ospedale. Preso dalla ragazza rifiuta la chiamata di una paziente, Julie Barden, che in realtà è Bonnie. Nel frattempo la donna si reca sulla scena del crimine all’interno dello studio Caplan & Gold. Qui nota subito una macchia di sangue nell’ufficio di Tegan e alzando lo sguardo vede Oliver.


Il quarto episodio, ci porta su una nuova scena del crimine. Chissà se c’è un collegamento tra ciò che è successo nella stanza d’albergo di Annalise e quella alla Coplan & Gold. L’unica cosa che sappiamo è che Oliver è coinvolto nel crimine avvenuto nello studio, mentre Bonnie è coinvolta in entrambi. Resta da capire il ruolo di Laurel, Michaela, Frank e Isaac che si trovano tutti in ospedale al capezzale della ragazza che ha perso il bambino. Speriamo che la prossima puntata riesca a chiarirci almeno parte dei dubbi. 

Un saluto agli amici di: Serie tv conceptTelefilmiamoMultifandom is a way of lifeMultifandom» A fangirl thing.Le regole del delitto perfetto ItaliaHow to Get Away with Murder • Italia •Every Fandom has a storySubtitles On Demand

Collabora con noi!
Stiamo cercando autori per news e recensioni di The Flash, Legends of Tomorrow, Supergirl, Arrow, American Horror Story, Agents of S.H.I.E.L.D., Inhumans, Jessica Jones, The Punisher, Iron Fist, Daredevil, The Defenders.

Inoltre newsers per The Originals, Vikings.
È richiesta un'ottima conoscenza della lingua italiana e una buona conoscenza della lingua inglese.
SCRIVETECI! contatti@lostinaflashforward.it


Non perdere neanche una notizia! Seguici sulla pagina Facebook o sul nostro Gruppo o su Twitter.
 
Condividi su Google Plus

Articolo di Francesca Baranello

Posta un commento