OUTLANDER - Intervista a Sam Heughan sulla seconda stagione




Breve intervista a Sam Heughan che ci parla di Jamie, di Claire e dell'attesissima seconda stagione di Outlander!











I fans di Outlander sono in trepidante attesa della seconda stagione e ieri, finalmente, è arrivato il trailer.
Abbiamo, quindi, chiesto a Sam Heughan, protagonista nei panni dell'aitante Jamie Fraser, di darci qualche anticipazione sui primi episodi che ci attendono in primavera.

“Jamie e Claire sono andati in Francia con una missione, che è sostanzialmente quella di cambiare la storia, di fermare la rivolta giacobita che poi ha portato alla famosa battaglia di Culloden in Scozia e che gli scozzesi hanno perso. Con essa, termina la cultura delle Highlands”, spiega Sam. 
“I due sono in missione, ma hanno ancora molto da fare a livello personale. Jamie è alle prese con un forte trauma dopo essere stato picchiato e violentato dal suo perfido nemico Black Jack Randall (Tobias Menzies); Claire è incinta. E’ un periodo complesso e pesante per loro, per tutto quello che ancora affrontano”.

Con l’aiuto del cugino di Jamie, Jared, un mercante di vino locale, la coppia viene gettata nel sontuoso mondo della società francese dove intrighi e feste abbondano. Alterare il corso della storia presenterà sfide che peseranno anche sulla loro relazione.

Cosa puoi dirci della personalità di Jamie?
“E’ un uomo piuttosto moderno per quel tempo, ma con il codice morale dell'epoca”, rivela Sam Heughan.
“Quando lo vediamo per la prima volta, ci troviamo di fronte ad un giovane uomo senza responsabilità, che prende distanza dai rapporti del passato, dalle cose che gli sono accadute nella vita e che lo portano di nuovo in Scozia. Poi, appare quella incredibile figura, Claire, che entra nella sua vita all'improvviso e tutto cambia”.


Claire (Caitriona Balfe) è un’infermiera sposata del 1945 che si ritrova misteriosamente trasportata indietro nel tempo fino agli aspri altipiani della Scozia del 1743, dove incontra Jamie e si innamora di lui.
Basato sui famosi libri fantasy di Diana Gabaldon e portato sul piccolo schermo dallo scrittore e produttore Ronald D. Moore, Outlander è diventato un caso sensazionale durante questo 2015, guadagnandosi una schiera di fans devoti che molti show possono solo sognare.

Per Sam Heughan, guardare Jamie crescere e maturare nel corso della storia è qualcosa di speciale.
“Ciò che mi piace del nostro show è che è in continua evoluzione. Tutto può cambiare da un episodio all'altro, per cui è difficile da classificare. Lo stesso vale per i romanzi di Diana: non sono drammi storici perché c’è molto di più in essi”.


Al centro della storia troviamo un personaggio molto forte, Claire, ma piano piano viene fuori anche la dualità di Jamie che è molto di più di un semplice interesse amoroso della donna e rende tutto intrigante. Dall’esterno, Jamie appare come il tipico guerriero delle Highlands, tosto, virile; ma, al suo interno, è un vero tenerone. Questi sono solo alcuni dei lati che Heughan sottolinea.


“Jamie è un uomo prestante, fisicamente presente, abile, ma ha anche una profonda intelligenza emotiva. E’ ben educato, ha vissuto in altri paesi, ha viaggiato molto, parla diverse lingue, è un uomo completo. Eppure, è allo stesso tempo ingenuo, giovane ed innocente”.

                                                                                                            Lidia Lyn

                                                             http://www.goldderby.com/ e http://www.etcanada.com/







ATTENZIONE! Stiamo cercando collaboratori che ci aiutino con le news di: Empire, Supergirl, Arrow, The Flash, Hawaii Five-0, Game of Thrones, Homeland, Fear the Walking Dead e Legends of Tomorrow.

Non perdere neanche una notizia! Seguici su Facebook e Twitter.
Condividi su Google Plus

Scritto da Lidia Lyn

0 commenti: