11.22.63 - Stephen King parla della genesi del romanzo

11.22.63

Il 22 novembre 1963 un evento tragico sconvolse gli Stati Uniti. John F. Kennedy veniva ucciso a Dallas. 

Stephen King, il maestro del brivido, da tempo aveva intenzione di scrivere un romanzo che parlasse di quell'evento e di come ha cambiato l'America.


11.22.63 - I promo (tradotti) della nuova attesissima miniserie targata Abrams e King!

Qui sotto trovate un video (tradotto) dove Stephen King ci racconta come e quando ha deciso di scrivere questo romanzo e perché ha accettato la sfida del "viaggio nel tempo".

Questo video è del 2011, stesso anno di pubblicazione del romanzo.






In realtà ho provato a scrivere questo romanzo nel 1973, quando insegnavo alle scuole superiori, A quel tempo il titolo era Split Track. Ho scritto, credo, 14 pagine e basta. Sono contento, ora, guardando indietro, di non averlo fatto, di non essere andato oltre a quel tempo, perché nel 1973 la ferita era ancora troppo fresca, erano passati solo 10 anni. E ora stiamo andando verso il mezzo secolo, nel 2013 saranno 50 anni dall'assassinio di Kennedy e penso che sia passato abbastanza. 



I viaggi nel tempo sono davvero complicati, e complicati è una parola gentile, ed è qualcosa da cui sono stato alla larga per molti dei miei lavori, perché ho visto molti scrittori, migliori di quanto io potrò mai essere, fallire con le storie sui viaggi nel tempo. 

Quello che Jake dovrebbe fare nel passato è impedire l'assassinio di Kennedy, che sarebbe un grande cambiamento che, credo, le persone di oggi non capiscano a pieno, come questo evento fosse per le persone degli anni 50/60/70. Come è stato l'11 settembre, ha cambiato tutto.

E' successo quasi per caso, quindi c'è un reale impeto a scrivere questo libro per dire: "bene, se questo cambiasse, cosa succederebbe? Puoi cambiare il passato?"




ATTENZIONE! Stiamo cercando collaboratori che ci aiutino con le news di: Empire, Supergirl, Arrow, The Flash, Hawaii Five-0, Game of Thrones, Homeland e Legends of Tomorrow. Per Hawaii Five-O ci servono anche RECENSORI.

Non perdere neanche una notizia! Seguici su Facebook e Twitter.
Condividi su Google Plus

Scritto da Anna Galimberti

0 commenti: