THE FLASH - Recensione S02E15, "King Shark"


Un gradito ritorno ed un abnorme colpo di scena avranno luogo in questo nuovo episodio di The Flash, la miglior serie di genere supereroistico al momento sulla piazza. Siate pronti a perdere la vostra mascella.

L'episodio è stato scritto da Benjamin Raab e Deric Hughes e diretto da Hanelle Culpepper.

Giudizio: 5/10

Jay è stato rapito da Zoom poco prima che la breccia si chiudesse, e sfortunatamente Harrison Wells non può riaprirla. La, a questo punto certa, morte di Jay ha un effetto molto negativo sul team, in special modo su Kaitlyn. Dopo un po' di tempo si palesa finalmente (almeno per Barry) una nuova minaccia: il Re Squalo è tornato, e per abbatterlo servirà anche la collaborazione di Diggle.



Wally sembra non avere molto in simpatia Barry, già abbattuto per le recenti perdite; i vari tentativi di avvicinarli falliscono, poiché Wally, che sta lavorando al progetto per un motore, lo trova "troppo perfetto". Cisco, inoltre, è preoccupato perché crede che gli ultimi lutti renderanno Kaitlyn Killer Frost anche su questa Terra. L'unica che ottiene risultati positivi è Jesse, che convince il padre a poterlo aiutare nei suoi progetti.
Nel frattempo, il Re Squalo aggredisce Barry a casa sua, avendo seguito la scia bioelettrica che si è lasciato indietro; fortunatamente, riesce ad indossare in tempo i panni di Flash ed a scacciarlo.
In seguito, con l'aiuto di Wells riescono a trovare un modo per intrappolarlo, ingannando la sua capacità di rintracciare le persone tramite la bioelettricità: Barry riesce poi a stanarlo, lanciandogli una saetta contro.
Terminata questa breve crisi, Barry viene a patti con sé stesso e decide di mettersi in prima linea per la caccia a Zoom.

Nel finale, lo stesso Zoom rientra nella sua tana, spaventando il prigioniero mascherato, con in braccio il cadavere di Jay Garrick. Dopo averlo lasciato a Terra, si toglie la maschera, rivelando di essere Hunter Zolomon e aggiungendo "beh, questo complica le cose".




Sono molto deluso.
Sono davvero molto deluso.
L'episodio in sé è stato molto noioso, ma la rivelazione finale rivela la totale mancanza di fantasia da parte degli sceneggiatori. Per una volta che potevano affrancarsi dal fumetto e ciononostante non far arrabbiare gli appassionati, hanno invece deciso di fare l'opposto. E' una decisione che narrativamente non aggiunge nulla a questa serie, rendendo mesi e mesi di elucubrazioni.
Cosa concluderanno, con questa novità?
Per altro, mi trovo nuovamente a criticare, a quindici episodi di distanza, l'utilizzo di Kaitlyn. Il suo modo di reagire ai lutti continua a sembrarmi strano ed eccessivamente artefatto. Nel primo caso, rimase lontano dagli STAR Labs per quattro mesi, per poi tornare al lavoro e dire a Barry che non lo incolpava. Ora sembra aver risolto il dramma della sua morte in pochi giorni, arrivando anche a ridere e scherzare; curioso, per una ragazza che è nota per la sua freddezza.
Il rapporto tra Wally e Barry, invece, mi sembra molto scontato. Wally detesta Barry perché non viene dal suo mondo, perché è il tipico "studioso ragazzo bianco" e lui è uno stereotipato "nero del ghetto". Già hanno giocato la carta razziale, ora quella del "compromesso tra ceto basso e ceto medio" (scusate, abbiamo interrotto la recensione di The Flash per portarvi un saggio sull'ordinamento della società): spero solo che ora non si arrivi allo scontato momento in cui Wally inizierà ad ammirare Barry quando scoprirà che è il Velocista Scarlatto.
Mi complimento, comunque, con la realizzazione del Re Squalo. Certo, è stato caratterizzato come una lattina, ma se non altro, pur sembrando posticcio, è stato decentemente realizzato al computer.
Certo, magari potevano evitare di farlo doppiare nello stesso modo di Zoom.


E con questo è tutto, The Flash torna il 22 marzo, con il debutto di una nuova velocista, Trajectory!


Salutiamo gli amici di Arrow e The Flash Italia, Arrow and the Flash Italy, The Flash Italian Fans, Snowstorm Like fire and IceThe Flash Italy, You make me emotional, Grant GustinTelefilm Lovers, Il Criticatore di Telefilm, Series Generation, Fantasy Italia,  Telefilm, film, music and more, Serie TV la nostra droga, Wentworth Miller ItaliaWentworth Miller Italian fansIncondizionato amore per le serie TV.   


SE VOLETE COLLABORARE CON NOI SCRIVETECI! - Collabora con noi!

Non perdere neanche una notizia! Seguici su Facebook e Twitter.
Condividi su Google Plus

Articolo di Klaus Heller

Posta un commento