THE WALKING DEAD - Recensione S06E15 East



Avete presente quelle giornate di festa dove tutto il mondo è felice, tutto il mondo si abbuffa,
tutto il mondo fa cose costruttive e sociali mentre tu non fai altro che pensare a quei 41 minuti di puntata che devi assolutamente vedere, e non perchè devi recensirla per il blog più bello del mondo, ma proprio perché non puoi farne a meno?
Ecco. Questa è stata una di quelle giornate. Ma poi, onestamente, se avessi passato il mio tempo a fare, che ne so, altro?! Se avessi evitato di vederla?! Non sarebbe stato meglio per tutti? Io per prima?! Mannaggia a me, mannaggia a Kirkman e mannaggia a tutto quello che lo riguarda! 

Regia: Michael E. Satrazemis
Sceneggiatura: Scott M. Gimple & Channing Powell
Adattamento televisivo: Channing Powell
Giudizio: 10/10 (soprattutto gli ultimi 5 minuti)

Mentre Daryl e Carol lasciano Alexandria, vengono inseguiti da Glenn, Michonne e Rosita il primo e da Rick e Morgan la seconda. Questo succede mentre a casa Maggie ci dà un taglio netto e si fa tagliare i capelli da Enid.
Carol è sempre dell’idea di non voler uccidere più nessuno ma si trova a doverlo fare, DI NUOVO, perché sulla sua strada incontra un gruppo di persone che vogliono informazioni (e presumibilmente farle del male) su Alexandria.
Sulla sua strada ci sono Morgan e Rick che si confrontano DI NUOVO sulla menata del ‘tutti
sono utili e ogni vita è importante’… Comunque, si dividono anche loro. Rick torna ad Alexandria e Morgan va a cercare Carol.
Daryl invece vuole assolutamente prendere Dwight (e ha ragione) ma lo fa mettendo a rischio se stesso e gli altri visto che, mentre si dividono per prendere strade diverse, Glenn e Michonne vengono catturati.
Mentre questi due sono legati come capretti, Daryl e Rosita provano a recuperarli ma Dwight li ha ‘fregati’ e spara a Daryl. L’unica cosa che vediamo noi è tanto sangue quel bastardo maledetto che dice ‘Andrà tutto bene’… Ecco Morgan. Dillo adesso che ogni vita è importante, mortacci tua!

Scusate ma quando c’è Daryl di mezzo divento l’ombra di una donna e mi avvicino più ad un camionista polacco che ad una femminuccia di Acilia (che già di per se…). Io so che non è morto. Lo so per due motivi: il primo è che sarebbe troppo scontato far morire lui e il secondo perché una morte del genere non la relegherebbero al pre-season finale ma gli dedicherebbero tutti e 65 minuti (escluse le pubblicità) dei 90 previsti per il season finale. Non perché lui se la possa tirare eh ma è il personaggio più amato della serie, non lo farebbero mai morire senza dargli davvero una morte degna di questo nome e credetemi, essere uccisi da un verme come Dwight non sarebbe degno per uno scarafaggio figuriamoci per Daryl Dixon.

Ma non ci focalizziamo su Daryl TANTO NON E’ MORTO parliamo piuttosto di questa moda del ‘non uccidere’… Carol, Morgan, bambini miei… AVETE ROTTO I COGLIONI! Nessuno vi tiene in vita. Se v’incontrano, vi uccidono. Semplice e lineare. Dovete tapparvi il naso e tornare a fare quello che è giusto. PROTEGGERE VOI STESSI E QUELLI CHE AMATE. Capisco il trauma, capisco tutto perché tutti vivremmo male l’idea di uccidere qualcuno, figuriamoci il farlo davvero.
Ma vi do un consiglio spassionato. Premete il grilletto e DOPO fatevi tutte le pippe mentali di cui avete bisogno per andare avanti. Pregate il vostro dio, accendete un cero in chiesa, fustigatevi e pentitevi. Ma solo DOPO esservi salvati la pellaccia! Smettetela con questa storia. Non potete sperare di salvarvi la vita in questo modo.

Rick, amore mio, tu non andrai mai a fondo. Non affogherai MAI perché per ogni vita che togli ne salvi almeno altre due e di persone sicuramente più utili all’umanità. Quante volte hai salvato il culo a tutti?! E tutte le persone a cui hai tolto la vita non valevano un’unghia incarnita di te e gli altri. L’unico problema è che quelli bastardi si moltiplicano come la muffa mentre voi, eroi veri, venite decimati di stagione in stagione e ‘sta cosa NON VA BENE.





Quello che mi chiedo io è perché per una volta, UNA SOLTANTO, non siano i nostri a rimetterci
la pellaccia? Perché non possono organizzarsi DAVVERO e vincere contro questo Negan senza rimetterci persone? Se è vero quello che dice Morgan, e cioè che ogni vita è importante, perché le nostre devono valere meno visto che OGNI ANNO sono almeno 3 i morti nelle nostre file?! Cominciamo ad essere diffidenti, a ragione tra l’altro, quindi non possiamo rimpinguare il numero di persone importanti. Io dico basta! Basta alle morti inutili di brave persone!!! Iniziamo a trucidare davvero questi Salvatori, diventiamo NOI i senza morale, per una volta e una soltanto! NON CE LA FACCIO PIU’ A PIANGERE I MIEI MORTI!

E con questa massima vi saluto ricordandovi il nostro ultimo appuntamento a lunedì prossimo, con tutto l’affetto e l’ansia di cui dispongo. Micaela.


SE VOLETE COLLABORARE CON NOI SCRIVETECI! - Collabora con noi!

Non perdere neanche una notizia! Seguici su Facebook e Twitter.
Condividi su Google Plus

Scritto da MiKyCaRtEr84

1 commenti:

barby ha detto...

carol invece non la condannerei del tutto: anche con la crisi di coscienza,rimane cazzuta e sa quel che va fatto. lei è del partito: non ti voglio far male ma se devo lo faccio. votate carol!!

sulla scena finale m'è preso tipo un infarto,DOPO COME TUTTI ho realizzato che è una trollata,ma sul momento ho urlato MACHECAZZZZ,dieci anni di vita. e ci voleva,la scorsa puntata dissi che mi ero troppo abituata all'ansia...seee xD ho rivisto il frame tipo 5 volte e lo prende alla spalla. io credo che con negan piangeremo lacrime amare e dovremo prenotare un cardiologo,tipo da ora. meglio prevenire.

a proposito,l'ho sognato stanotte jeffrey-negan,con la giacca di pelle,che mi seduceva....aaaaaa mi son svegliata rosicando!! ps: son risbucati i 4 lentisti-soap-operisti perculatori,che spasso che sono. mi stanno facendo innamorare dei richonne xD(i lentisti dico) comincio a godere anche io con le scene da soap xD ....