THE 100 - Recensione 3.11 "Nevermore"


Uno dei migliori episodi della stagione, signori e signore. Finalmente siamo tornati leggermente alle origini, sperimentando nuovamente tutto ciò che ha legato inizialmente i nostri 100. Sono davvero entusiasta di questo episodio.




L’episodio ricomincia con l’ennesimo confronto tra Bellamy e Octavia. Ovviamente è difficile per Octavia ritornare a fidarsi di suo fratello, ma ho apprezzato molto questo confronto. Era questo quello che doveva accadere la scorsa settimana, non quella scena di violenza inutile che ci è stata riservata. Bellamy andava confrontato in questo modo, cercando di fargli capire cosa ha sbagliato.


Ad ogni modo, mi dispiace troppo della posizione di Octavia: sente di non appartenere, sente di non essere neanche più parte della famiglia dei 100 e questo mi rende davvero triste. I 100 sono una famiglia e spero che questa stagione serva per portare nuovamente in tutti loro la consapevolezza che funzionano meglio tutti insieme.

Vediamo una piccola reunion, sempre leggermente scombussolata dal punto di vista delle relazioni: Jasper sta soffrendo tantissimo e incolpa ancora Clarke e Bellamy per tutto ciò che è successo, giusto da un certo punto di vista, ma ormai il passato è passato. La serie verte proprio sul confronto tra giusto e sbagliato e quest’episodio ci ha dato ulteriore conferma.
Tutti i conflitti sono stati messi da parte, però, per Raven: la nostra piccola grande guerriera soffre continuamente, ma riesce sempre a sopravvivere fortunatamente. Mi è piaciuto il confronto che ha avuto ALIE con tutti i personaggi perché ha fatto uscire qualcosa da ognuno di loro: Clarke deve ancora avere la possibilità di piangere Lexa e Jasper deve ancora affrontare la morte di Maya in modo giusto, quindi abbiamo visto loro due reagire al lutto male affrontato. Bellamy, d’altro canto, cerca di resistere a tutto ciò che viene detto perché sa di esserne colpevole, cavolo si capisce tantissimo dalla sua resistenza. Lui SA di aver combinato un casino con tutto ciò che ha fatto all’esercito dei Grounder, lui SA di aver ucciso tutte quelle persone a MW, cavolo pensa addirittura di aver ucciso sua madre ed è convinto che lei non sia fiera di lui e di qui bisogna capire che non c’è nessuna persona che odia Bellamy più di quanto lui odi se stesso ed è davvero un peccato che lui provi queste cose per se stesso. Lui ha cuore, lui è istintivo e prima agisce e poi riflette e questa è una cosa che ha sempre fatto e sulla quale deve lavorare, ma è pentito e spero riesca a riprendersi.

“there are no good guys”

L’unico momento in cui lui sente di dover risponde è il momento in cui viene contrapposto a Clarke e a ciò che prova per lei e ciò che provava per Gina. Noi – da telespettatori – non abbiamo avuto la possibilità di vedere quanto Gina significasse per Bellamy, ma questa scena da un minimo assaggio di quanta confusione ci possa essere stata nella testa di Bellamy in quei tre mesi di pausa che noi non abbiamo avuto la possibilità di constatare.

Dopo questa accusa, si riprende a parlare dell’esercito e Nylah entra nella stanza per confrontare Bellamy e questo porta ALIE a scoprire il nascondiglio della gang. Prima che tutto ciò accada, però, riescono a risolvere la situazione: è impressionante quanto Bellamy e Clarke riescano a funzionare insieme e a capirsi l’uno con l’altra e lo si nota proprio in quella scena. Nel momento in cui Clarke afferma che le avrebbe consegnato l’A.I. 2.0, tutti sono sconvolti e si fermano, ma Bellamy approfitta della situazione per bloccare il “bracciale” al polso di Raven  e questo solo guardando Clarke. Hanno questa capacità di capirsi che li rende così pari, così affini che è questa la ragione per la quale dovrebbero stare insieme e no, non parlo di uno stare insieme in senso romantico o cose del genere, parlo di uno stare insieme in senso di leader, in senso di eguali e in senso di essere migliori. Quando collaborano, vincono. 

Inoltre, sono tutti così intelligenti da riuscire a sopravvivere e portare Raven in salvo, anche Clarke - che subisce un piccolo trauma quando Jasper cerca di distruggere l’A.I. - riesce, in un momento di difficoltà, a risolvere la situazione. Raven è salva, finalmente. Io proporrei una petizione per proteggere la nostra piccolina da ulteriori sofferenze perché non se le merita. Ma d’altronde, ora, ha finalmente la sua famiglia con se e quindi possiamo partire da qui.

Monty, però, si ritrova a dover uccidere la propria stessa madre: una storia scritta leggermente con i piedi, in quanto avrebbe potuto tranquillamente buttarsi su di lei e salvare Octavia.Credo sia stata inserita semplicemente per creare suspense, per aggiungere qualcosa al brodo e per far capire ad Octavia che lei sarà sempre la famiglia dei 100 e che Monty sacrificherebbe la sua stessa madre per loro. Scritta leggermente con i piedi, comunque.

Raven, nel frattempo, sa per quale motivo è necessario il secondo A.I.: solo tramite quello è possibile distruggere ALIE. Not that much of a surprise, ma alla fine qualcosa di logico che porta tutti ad affrontare la situazione insieme.

“We survive together”

Ed ho adorato il fatto che tutti si siano scambiati un cenno: Octavia inizia con Monty, per sancire quello che si sono detti precedentemente, Octavia e Bellamy, mettono da parte tutto ciò che è successo per affrontare la battaglia insieme, Raven e Clarke, per confermare una pace tra le due e infine, come per confermare l’operazione, tra Bellamy e Clarke, i due leader del gruppo, coloro che hanno sempre preso insieme le decisioni. Sono pronti, da questo momento si è insieme e si combatte insieme.

Piccole considerazioni: fin’ora credo sia stato il miglior episodio della stagione, davvero bellissimo e ne sono molto contenta. Per l’ennesima settimana, KUDOS a Bob Morley che continua – a livello di performance – a mantenere in piedi questa terza stagione. Sono contenta da questo punto di vista.


Grandissima performance anche da parte di Lindsey Morgan, che si è dimostrata meravigliosamente brava. Il modo in cui ha interpretato ALIE è stato magistrale, bravissima. E vale ugualmente grande menzione a Eliza Taylor che continua ad essere meravigliosa.
Menzione speciale anche a colei che interpreta Alie, Erica Cerra, che ha dimostrato di essere davvero bravissima, nella sua freddezza nell’interpretare ALIE.

Mi è mancato veramente Murphy in questo episodio, voglio sapere come sta a seguito di quello che è successo. E voglio anche sapere di Marcus Kane. Ma credo lo scopriremo nel prossimo episodio. 




SE VOLETE COLLABORARE CON NOI SCRIVETECI! - Collabora con noi!

Non perdere neanche una notizia! Seguici su Facebook e Twitter.
Condividi su Google Plus

Scritto da Isabel

0 commenti: