THE FLASH - Recensione S02E18, "Versus Zoom"



The Flash V Zoom - Dawn of Speed.
Chiamiamo pure così, questo episodio, in cui vedremo il nostro Barry Allen finalmente combattere il nemico che lo sta tormentando dall'inizio della stagione. Dopo aver scoperto la vera identità del velocista nero, Barry si sta impegnando per diventare veloce abbastanza da sconfiggerlo; ma ciò basterà?

L'episodio è stato scritto da Joe Peracchio e Dave Kob e diretto da Stefan Pleszczscynski.
Giudizio:  5/10



Dopo aver assistito al passato di Hunter Zolomon, che da bambino venne abbandonato in un orfanotrofio dopo che suo padre uccise sua madre sotto i suoi occhi, arriviamo ai giorni nostri, con Barry che raggiunge finalmente la velocità di Zoom e decide di recarsi su Terra-2 per affrontarlo, trovando però il rifiuto di Wells. Barry suggerisce di usare i poteri vibrazionali di Cisco per raggiungere l'altra dimensione, ma quando questi sta per creare un portale, si rifiuta di completarlo e scappa.



Nel frattempo, Iris comincia a pensare che Barry sia l'uomo per lei, mentre Joe decide di far abitare Wally a casa sua. Cisco spiega che ha paura, nel caso riuscisse a controllare i suoi poteri, di diventare come Reverb, il sé stesso malvagio di Terra-2. Barry gli ricorda però che lui è una persona onesta, e convinto da ciò, decide di aprire un portale. Prima di iniziare l'operazione, Wells scopre che esiste un Hunter Zolomon su Terra-1, e spiega che su Terra-2, Zolomon è un serial killer, che venne colpito dall'esplosione dell'acceleratore di particelle, trasformandosi nel velocista noto come Zoom.
Più tardi, Cisco apre il portale, ma Zoom spunta fuori da esso e sfida Flash in velocità. Dopo un lungo combattimento, Barry riesce inizialmente a bloccarlo, ma questi scappa e riflettendo su come "la famiglia sia una debolezza", rapisce Wally, costringendo Barry a dargli la sua velocità in cambio della vita del giovane.


Flash decide di accettare, e poco più tardi avviene lo scambio. Durante i preparativi, Hunter rivela che il Jay che hanno visto morire è un sé stesso preso da una linea temporale diversa, e che venne convinto a prendere parte a questo piano, in modo che potessero entrambi guarire dall'avvelenamento da Velocity 6. Tuttavia, il piano non andò come previsto, e Garrick venne ucciso.
Poco dopo, Flash fa dono della sua velocità a Zolomon, che guarisce dalla malattia che lo sta uccidendo. Subito dopo, tenta di uccidere Barry, ma viene fermato da Caitlyn, che viene quindi rapita dal velocista oscuro.




E' difficile giudicare questo episodio.
Sin dall'inizio, ho trovato assurda l'idea che Zolomon fosse Zoom, sebbene si mantenesse fedele ai fumetti. La spiegazione che Zolomon ci dà, nel corso dell'episodio, è per altro non poco piena di falle.
Come avrebbe fatto a prendere il sé stesso da una linea temporale differente? Wells non dice sempre che addirittura incontrare il proprio sé del passato può portare ad incredibili paradossi?
L'episodio è godibile, ci fa dono di un interessante confronto tra i due velocisti, ma non riesco a fare a meno di pensare a questo intreccio così chiaramente fallace. Già in precedenza gli sceneggiatori ci avevano deliziato con l'enorme buco di trama che è la presenza dell'Anti-Flash nella seconda stagione, ma avevo provato a chiudere un occhio. Ma errare è umano, perseverare è diabolico.
Inoltre, perché rapire Caitlyn a questo punto? Ormai la velocità l'ha ottenuta, perché rapirla? Considerando che siamo in un programma "teen", dubito che la risposta sia "per abusare di lei".

Vorrei davvero poter dare un giudizio positivo a questo episodio, perché mi ha divertito, ho apprezzato la gestione di Wally (finalmente non anonimo come al solito), e Teddy Sears fa veramente paura, come Hunter Zolomon. Oltre a ciò, rimane la questione dell'uomo con la maschera, che pare sia qualcuno che Barry non immaginerebbe mai. Ma proprio non riesco a volgere lo sguardo lontano da questi evidenti errori.
Anche Cisco (di cui pare debba apparire presto il fratello, Armando, in versione Terra-2), non mi ha convinto. Il suo ragionamento sembra davvero campato per aria: perché lui, che si è sempre comportato correttamente, dovrebbe diventare cattivo solo per aver sviluppato appieno i suoi poteri? Forse sono solo io che pretendo troppo senso da una serie che, chiaramente, non si prende troppo sul serio. Ma fare un po' più attenzione alla sceneggiatura non è particolarmente difficile: occhi e cervello li possediamo tutti.

Ah, e tra l'altro, ma dov'è finito Hartley Rathaway?


Non c'erano particolari riferimenti ai fumetti di cui non avessi già parlato. The Flash torna la prossima settimana, a presto!


SE VOLETE COLLABORARE CON NOI SCRIVETECI! - Collabora con noi!

Non perdere neanche una notizia! Seguici su Facebook e Twitter.
Condividi su Google Plus

Scritto da Klaus Heller

0 commenti: