REIGN - Recensione del season finale!


La terza stagione di Reign è giunta al termine e il vuoto tipico di ogni season finale che si rispetti sta già facendo capolino nel mio stomaco. Ripercorriamo insieme i momenti più salienti della puntata!




S03E18
Titolo: "Spiders in a jar"
Scritto da: Laurie McCarthy
Diretto da: Deborah Chow
Voto: 10/10

Proprio quando sembrava che questa serie non avesse più nulla da dirci e da darci, ecco che ci ha stupiti ancora una volta con una serie di colpi di scena che nessuno si aspettava, o almeno io! Ma procediamo con ordine: ho deciso di scrivere questa recensione in modo lineare, senza divisione tematica. Solitamente lo faccio perchè recensisco mentre sto vedendo l'episodio ma non potevo fare lo stesso con questa 3x18. I season finale vanno assaporati tutto d'un fiato, quindi eccomi qui con un commento sempre a caldo ma molto più viscerale e leggermente a posteriori rispetto al solito. Comunque sì, avete letto bene, ho dato un 10 a questo episodio, proprio perchè non me lo aspettavo così d'effetto, audace, sorprendente... mi ha stupita!

Partiamo con l'aspetto che mi è piaciuto meno (poi il resto andrà tutto in salita): Bash e la sua connessione con il magico e il soprannaturale... ora viene fuori che è un Nostradamus 2.0 in potenza: ha deciso di unirsi ai druidi per trasformare in atto questa sua capacità di veggente. E' stata molto bella però la scena in cui promette a Mary di tornare nel momento esatto in cui lei avrà più bisogno di lui, quindi a malincuore lo lasciamo andare con la convinzione che ritornerà e farà, si spera, grandi cose. Ho molte aspettative su questo personaggio, ma ogni volta ne resto delusa purtroppo! Quindi non vedo l'ora che in qualche modo si riscatti. La sua storia ha avuto un percorso altalenante: momenti di gloria e momenti di totale apatia. Mi auguro che questa esperienza ce lo riporti più forte e capace di prima e che ci sorprenda.

Veniamo ora al primo colpo di scena di questa puntata: il ritorno di Gideon. Aaawwww il mio piccolo cuore shipposo ha cominciato a battere all'impazzata quando l'ho visto. Lui e Mary si sono finalmente ritrovati, anche se in una situazione difficile e precaria, in cui si dovrebbero fronteggiare come nemici. Ma tutto questo non li spaventa e colgono diverse occasioni per stare insieme. Ritengo che il suo sia uno dei migliori personaggi della serie: amo in particolare il fatto che non si lascia corrompere da niente e da nessuno, nemmeno dai suoi sentimenti. Riesce
ad essere leale e fedele al suo Paese e alla sua regina, ma anche al suo cuore amando Mary per la persona che è. Si schiera ma rimane neutrale, risponde al suo dovere ma senza abbandonare la speranza che le cose possano cambiare. Entrambi devono rispondere ad un qualcosa di più grande di loro, sono disposti a fare dei sacrifici e a mettere in secondo piano i loro sentimenti pur di restare fedeli ai propri propositi. Sono genuini, coraggiosi, passionali, veri... e credo che quando un personaggio ti trasmette questa sensazione, è perchè ha raggiunto lo scopo: essere credibile (cosa che ad esempio Claude, secondo me, non riesce mai ad essere... o almeno non ci è riuscita finora). 

A proposito di Claude, è giunto il momento di parlare di Leith. Prendiamoci solo una riga di pausa per tirare un bel respiro e racimolare un briciolo di coraggio per commentare la vicenda. Leith è stato ferito. Ripeto: Leith è stato ferito. Ha provato a rimettersi in piedi aggrappandosi all'immagine di Claude che si prepara per le nozze: sì Catherine ha dato il suo benestare, pioveranno rane blu dal cielo per tutta la quarta stagione... difatti vediamo che la sfiga ha colpito il povero soldatino che ci lascia così, nel dubbio: è morto? Si riprenderà? E' solo ferito? Secondo me c'è lo zampino dell'imortacci sua dell'ex di Claude. Fattostà che i cavalieri rossi hanno capito l'inganno ordito per smascherarli e probabilmente, ancora una volta, la faranno franca!

Al contrario non abbiamo dubbi riguardo la morte di Lola
Worst scene dell'episodio
Non ho mai apprezzato il suo personaggio, lo sapete, ma la fine che ha fatto mi ha veramente sorpresa e mi ha anche fatto piangere [ecco! Adesso andiamo in massa dai produttori e li picchiamo!]. La scena in cui Narcisse si ribella alle guardie e Lola gli dice di badare a John... straziantissima! I miei feelings in quel momento si sono riversati tutti nella larime, non ce l'ho proprio fatta a trattenermi raga. Si sapeva che non poteva averla scritta Mary quella lettera, e per un momento ho pensato che l'avesse scritta proprio Elizabeth per testare fino in fondo la lealtà di Lola nei suoi confronti. E invece, grazie a James, scopriamo che dietro a tutto questo c'era quel subdolo figlio di buona gnagna di Knox! [scusate gli intercalari scurrili di oggi ma per il season finale tutto è
concesso, right?]. E' il peggior personaggio di sempre, forse anche peggio di Henry, il che è tutto dire. Vuole trasformare la Scozia in una democrazia, istituire un parlamento, tutti intenti giusti ma che sta perseguendo coi modi sbagliati. Anche James però fa la sua parte eh, è vero che sta al fianco di Mary e non appoggia Knox del tutto, però questa faccenda di tenere il piedino reale in due scarpe non mi sconquiffera per niente! E' stato però molto affascinante il suo discorso riguardo Elizabeth e Mary:
Sono come due ragni in un barattolo: non possono coesistere, non possono permettere che l'altro sopravviva. Ma, qualche volta, c'è bisogno che qualcuno agiti quel barattolo per bene.

Intanto in Francia... Charles viene ritrovato e comunica subito alla madre che non può e non intende più essere re. La sua giovane età e la paura per quanto accaduto coi cavalieri rossi, qui è emersa a gran voce! Ma Catherine ha ragione: non si può scegliere se essere re o no, non ci si può tirare indietro. Questo discorso lo porta a farsi dichiarare maggiorenne (anche se ha solo sedici anni) per togliere alla madre ogni potere. Secondo voi Queen C si fa intimorire da un sedicenne? Certo che no: ecco che invita a palazzo il figlioletto Henry, successore di Charles nella linea dinastica. Sarà in grado, quest'ultimo, di governare la Francia senza la guida della madre? O ben presto dovrà implorare il suo aiuto? 

Ultima ma prima in tutti sensi: Mary, la protagonista assoluta di questo esplosivo finale.
Il miglior personaggio dell'episodio: "praticamente perfetta sotto ogni aspetto!" [esatto, come Mary Poppins]. Il suo discorso al popolo scozzese, il modo in cui ha affrontato Knox riaprendo la cappella del castello, il discorso finale riguardo al distruggere la cugina:
Smantellerò il suo potere, pezzo dopo pezzo. Ogni decisione che prenderò: chi osteggerò, chi appoggerò, chi sposerò... avrà come fine ultimo la conquista del suo trono. Il suo Paese, l'Inghilterra, un giorno sarà mio!
Tutto ciò che ha fatto in questa puntata è degno di elogio. Mary ha dimostrato nuovamente di essere scaltra, altruista, compassionevole, combattiva, autoritaria, sensibile. E' la donna che personalmente vorrei essere: darei qualsiasi cosa per avere il suo coraggio e la sua forza di fare ciò che è necessario.


Credo sia lampante il fatto che ho AMATO questo season finale, e con un po' di magone eccomi qui per i saluti e i ringraziamenti finali. Non so se e quando Isabel ritornerà ad occuparsi di Reign, ma fino ad allora la sostituirò io e devo dire che mi dispiacerà molto abbandonarvi in questa avventura. Ma non pensiamoci adesso! Voglio ringraziarvi per aver letto le mie recensioni per questa stagione, spero di avervi tenuto in buona compagnia. Fatemi sapere se anche a voi è piaciuto questo finale, cosa vi aspettate dalla prossima stagione, cosa avreste cambiato,... tutto quello che volete! Per quest'anno abbiamo finito con le recensioni, ma rimanete sintonizzati sul blog per non perdervi gli aggiornamenti che ci saranno da qui alla quarta stagione!
Daria.


Photo credit: The CW
Affiliate: 


SE VOLETE COLLABORARE CON NOI SCRIVETECI! - Collabora con noi!

Non perdere neanche una notizia! Seguici su Facebook e Twitter.
Condividi su Google Plus

Scritto da Daria Schiavolin

0 commenti: