FEAR THE WALKING DEAD - Recensione episodio 2x08 "Grotesque"


Dopo non pochi mesi di attesa, ritorna la seconda metà di stagione di Fear the walking dead. Già i promo rilasciati ci avevano dato un'idea di quello che avremmo visto in questo episodio, eppure è riuscito comunque a sorprendermi!





S02E08
Titolo: "Grotesque"
Scritto da: Kate Barnow
Diretto da: Daniel Sackheim
Voto: 6/10



Mi ha sorpreso perchè mi aspettavo una puntata tutta azione e fermento, e invece è stato un episodio riflessivo che ci ha portato ad approfondire Nick e la sua condizione. E' l'unico dei protagonisti presente nella puntata: vediamo passo passo il suo viaggio attraverso il Messico alla ricerca di un posto dove i morti non sono considerati mostri. E forse riesce proprio a trovarlo grazie a Luciana e al suo gruppo che lo trovano, aiutano e accolgono.
Ma facciamo un passettino ancora indietro. Oltre a conoscere Nick nel presente, attraverso una serie di flashback approfondiamo il suo passato. Lo vediamo dapprima in un centro riabilitativo, in attesa che i suoi genitori vengano a trovarlo e lo aiutino a terminare in anticipo la sentenza. In questo
contesto ha luogo uno dei più bei monologhi della serie: Nick immagina che la sua fidanzata sia suo padre e le dice tutto ciò che pensa di lui. E' un padre assente, svogliato, sfuggente. Ciò però non
indora la pillola quando Madison gli confessa che è morto in un incidente stradale. Nick è sconvolto, forse proprio perchè non ha avuto occasione di vederlo un ultima volta, nonostante il suo comportamento. Come già ci aveva predetto Kirkman, in questa seconda parte di stagione, il filo conduttore sarà il rapporto con la morte. Nick in particolare ha avuto nella sua vita un rapporto di odio e amore con questo momento. Torniamo quindi alla sua tossicodipendenza, alla Chiesa e di nuovo alla scelta presente di convivere coi i morti. L'incedere della puntata segue l'incedere dello stesso protagonista, che come uno zombi avanza a tentoni, a fatica, per poi però riprendersi alla vista dell'oggetto del desiderio: nel caso preciso di Nick parliamo di acqua e cibo. Sensazionali le scene della pioggia e del cane, anche se quest'ultima in effetti è stata particolarmente d'effetto :O! 



Ancora una volta viene ribadito il concetto che ci sono due mondi che si incontrano/scontrano e non sono quello dei vivi e dei morti, bensì quello dei vivi che uccidono i morti e quello dei vivi che invece convivono con loro. I men in black della puntata che uccidono gli erranti, sono ritratti in modo abbastanza perverso (pensiamo alla scena del vecchietto ancora vivo che chiede loro dell'acqua ma finisce brutalmente ucciso) e la soluzione migliore che lo show sembra suggerirci è quella adottata da Nick, confondersi, convivere, essere compassionevoli. Io non me la bevo, penso ancora che quella di Nick sia una scelta malata, e
forse è davvero la sostituta dell'eroina
: ci ho pensato quando mentre cammina tra gli zombi comincia ad avere delle allucinazioni in cui gli erranti gli sussurrano "seguici, ti portiamo a casa, vieni con noi"... no, no, decisamente no! E' comunque un aspetto affascinante della serie e sono felice che venga approfondito sempre di più. 


Ora che Nick sembra aver trovato il suo posto ed essere sano e salvo, aspettiamo con ansia di vedere cosa è successo al resto del gruppo, quindi alla prossima recensione =D

Daria


Photo Credit: Tumblr, AMC 


Affiliate:



SE VOLETE COLLABORARE CON NOI SCRIVETECI! - Collabora con noi!
Stiamo cercando RECENSORI e newsers per AMERICAN HORROR STORY, EMPIRE, HOMELAND, LEGENDS OF TOMORROW, ORPHAN BLACK e le altre serie.


Non perdere neanche una notizia! Seguici su Facebook e Twitter.
Condividi su Google Plus

Scritto da Daria Schiavolin

2 commenti:

barby ha detto...

io adoro nick,malato o non malato xD... non credo sia diventato come celia,al massimo si',ha trovato un paliativo al posto della droga....in ogni caso,è anche un po'lucido,perchè ha capito che ci sono umani peggiori dei morti. lo voglio in TWD insieme a daryl,o abraham... uscirebbero fuori scenette epiche e puntate immense.
questa svolta individuale però mi fa tremare,io una puntata su travis e figlio non la reggerei...insomma,un conto è frank dillaine un altro è un attore qualunque e pure insopportabile xD. la scena in cui i morti gli parlano mi ha inquietato non poco O.O, grande kirkman,non serve azione adrenalinica continua per scioccare,almeno a me...

Daria Schiavolin ha detto...

Sono d'accordo, infatti spero in una puntata unica per i restanti membri del gruppo anche perché Nick dá senpre qualcosa in piú!
Ma sai he anche io ho pensato a un incontro con TWD? Sarebbe troppo interessante vedere i due gruppi che si incontrano...chissá, magari prima o poi la faranno una puntata crossover ;)
Per quanto riguarda il genio di Kirkman, rimane indiscusso. Il fatto delle puntate piú introapettive va un po' a gusto...a me passano piú lente delle altre ma se contengono, come in questo caso, scene forti e monologhi/dialoghi di un certo livello, riescono comunque a tenermi incollata allo schermo.