THE WALKING DEAD - Conosciamo meglio King Ezekiel


Entertainment Weekly ha intervistato Khary Payton, ovvero l'ultima aggiunta al cast di The walking dead, il quale è il volto di King Ezekiel, leader di Kingdom. Khary sembra molto a suo agio nei panni di questo personaggio e ci racconta del suo casting, di Shiva, dei paralleli con il fumetto e molto altro ancora. 


Come sei riuscito ad ottenere questo ruolo? Come è stato tutto il processo di casting per te?
"Onestamente il processo è stato molto semplice. Mi hanno dato un monologo di 4-5 pagine quindi sono stato in uno stato di clausura per tipo 72 ore per memorizzare il tutto. Il casting non è avvenuto di fronte ai produttori o al regista, ma è stato registrato su nastro perciò ero solo io e il responsabile del casting. Ho sentito una certa connessione con questo personaggio. Ho sempre detto che quando ti trovi in questo giro di affari, ricevi moltissimi rifiuti. Ci sono persone che ti dicono di no e tu devi rialzarti, ripulirti e ricominciare, e mi è sembrato che Ezekiel rispecchiasse alla perfezione questo senso di speranza. In questo settore devi rimane speranzoso. Devi andare avanti e riprovare, non importa quante volte ti abbiano detto di no. Le tue opinioni devono oscurare tutta la negatività che potrebbe riversarsi sulla tua strada. Durante un apocalisse zombie è molto facile lasciarsi andare, ma Ezekiel non è una di queste persone: combatte con tutto ciò che ha per rimanere speranzoso e felice. E' questo ciò che amo di lui".

Sapevi che stavi interpretando Ezekiel o ti hanno tenuto nascosta l'identità del personaggio?
"E' stato molto facile scoprirlo. Sapevo che stavo facendo un'audizione per The walking dead, ma nel copione avevano cambiato il nome del personaggio e scambiato la tigre con un leone ma, insomma, non ci voleva di certo un detective per capire di chi si trattasse"

Amo il fatto che abbiano cambiato la tigre con un leone, come se questo potesse depistare le persone.
"Quando l'ho letto sui margini sono rimasto un attimo perplesso. Non c'era una prefazione e il personaggio semplicemente ha cominciato a parlare del suo leone. Quindi mi ci sono volute un paio di altre riletture per rendermi conto della situazione. E alla fine ho detto 'ok devo fare qualche ricerca'" 

Quanto conoscevi lo show e/o i fumetti prima di ottenere la parte?
"Non ho mai letto i fumetti, ma per qualche anno ho visto lo show con mia moglie. Ci
siamo avvicinati alla serie forse 3 o 4 anni dopo che è iniziata, perciò abbiamo fatto una maratona delle prime tre stagioni e siamo diventati dei fan sfegatati da allora. Poi sono stato impegnato con la preparazione per il casting e sono rimasto indietro con la seconda metà dell'ultima stagione, di conseguenza ho dovuto sbrigarmi a recuperarla per vedere come andava a finire. Adoro davvero la connessione che le persone hanno con la serie. Non sono un tipo da grande apocalisse zombie, ma penso che la recitazione e la sceneggiatura dello show siano eccezionali. Ho avuto modo di lavorare con Lennie James e Melissa McBride sul set, e i loro personaggi [Morgan e Carol] e le loro performance sono davvero due dei motivi per cui questo show mi ha stregato. Sono davvero grato di averli avuti come mentori e che mi abbiano introdotto a questo mondo".

Sei andato a vedere Ezekiel nei fumetti oppure ti sei tenuto lontano da quella versione per concentrarti sulla sua incarnazione televisiva?
"Ho dato un'occhiata al fumetto, ma solo per farmi un'idea del suo mondo eccetera. Non mi sento di doverlo seguire per filo e per segno. Non mi preoccupa il discostarmene. Penso che sia comunque utile prendere diverse informazioni su Ezekiel, un po' da qui e un po' da lì, anche se poi dovesse rivelarsi essere completamente diverso dal fumetto. E' un altro dei motivi per cui amo questo lavoro amico, è meraviglioso".

Come vedi Ezekiel? Parliamo del personaggio, perchè è sicuramente un tipo interessante quando lo incroci per la prima volta sulla tua strada.
"Lui cerca di non farsi coinvolgere troppo da ciò che lo circonda. Il suo compito è mantenere la gioia, e ciò che era una festa prima, rimane tale anche in questo contesto. Amo anche il modo in cui vede gli zombie: per lui non sono persone affette da una particolare malattia fisica, ma sono semplicemente degli esseri umani a cui è stata rubata tutta la gioia. Lui è una delle poche persone che sono riuscite a mantenere la propria gioia. E' questa la differenza fra i vivi e i morti. Se tu sei vivo ma lasci che la tua gioia ti venga portata via, non sei poi così diverso dai morti che vagano per le strade. Ha sviluppato questa particolare filosofia di vita vivendo in questo mondo apocalittico che trasforma le persone in ciò che non sono".

Sappiamo che Carol e Morgan arriveranno a Kingdom. Cosa ne farà di loro due?
"Questa è una bella domanda. Io penso che lui veda del potenziale in loro perchè capiscono il suo modo di vivere e di diffondere il suo messaggio di gioia e luce in un momento di oscurità. Considera Kingdom come un faro, e se lo si usa nel modo giusto, ti impedisce di schiantarti sugli scogli".

Parliamo di Shiva. So che state facendo un gran lavoro con gli effetti speciali e gli animatronics [robot molto simili alla realtà]. Com'è per te lavorare con questo tipo di supporto?
"E' un altro meraviglioso modo che ho a disposizione per liberare la mia immaginazione. Per quanto mi riguarda, Shiva è tanto reale quanto le persone che mi circondano. Non penso a lei come ad un supporto meccanico. Tutto ciò che so è che per me è reale. Ho fatto molti videogiochi e doppiaggi in cui non avevo nulla davanti a me, dovevo immaginarmi tutto, quindi non importa quanto simile sia
alla realtà, perchè nella mia mente è reale"

Parlami di cosa significa Shiva per Ezekiel e in che modo lui si serve di lei.
"Shiva è l'inizio e la fine di Ezekiel. E' il motivo per cui lui non ha perso la speranza quando questo nuovo terrificante mondo ha avuto inizio. E' questa meravigliosa ed unica creatura che si trova nel mezzo di un mondo molto, molto scuro e per lui rappresenta quanto sia importante essere diversi in questo contesto. E' la sua costante e, ogni volta che la guarda, gli ricorda quanto di bello e meraviglioso ci può essere nel mondo. Lei ha iniziato per essere la sua protettrice ed ora la situazione si è rovesciata, ed è diventata come questo gigantesco simbolo con cui Ezekiel sente di avere un legame di parentela e un senso di protezione. E quindi in un certo senso è la sua fine, è il suo tutto. Penso che Shiva sia un nome appropriato perchè lei è davvero sacra ai suoi occhi". 


SE VOLETE COLLABORARE CON NOI SCRIVETECI! - Collabora con noi!
Stiamo cercando RECENSORI e newsers per EMPIRE, HOMELAND, LEGENDS OF TOMORROW, ORPHAN BLACK


Non perdere neanche una notizia! Seguici su Facebook e Twitter.
Condividi su Google Plus

Scritto da Daria Schiavolin

0 commenti: