DOCTOR WHO - Whoopi Golberg “Muoio dalla voglia di fare Doctor Who”.




La leggenda di Hollywood e Star Trek scalpita per un’avventura nel tempo e nello spazio.







Ha navigato attraverso lo spazio sulla nave spaziale Enterprise con il Capitano Jean Luc Picard, ma Whoopi Goldberg desidererebbe fare un viaggio attraverso il tempo e lo spazio nel Tardis con il Dottore.

“Spero sempre, quando vengo in Inghilterra, che la BBC mi dica “Hey vorremmo che tu facessi qualcosa con noi” Mi piacerebbe tantissimo” , ha detto sul “The Sun”, parlando del suo amore per la TV britannica.
“Voi avete una televisione di qualità differente in questo momento. Il modo in cui voi avete sempre fatto gli spettacoli è sempre  brillante e questo noi l’abbiamo finalmente capito”, ha spiegato l’attrice.
“Mi piace l’idea di fare le cose alla vostra maniera, fate alcune cose veramente divertenti come Black Mirror o, a dirla tutta, muoio dalla voglia di fare Doctor Who” 

E anche il dottore avrebbe fatto carte false per averla a viaggiare con lui, o almeno Matt Smith lo pensava nel 2011. “ Whoopi Goldberg  sarebbe una grande compagna, non è vero? Si, sarebbe meravigliosa” disse a quel tempo a BANG Showbiz.

Peter Capaldi sarà d’accordo? Dobbiamo solo aspettare e vedere.

Un saluto alle affiliate:

Le cose belle della vita sono a puntate Io sono il dottore! "doctor who" The day of the doctor Torchwho, doctor who e torchwood planet Multifandom is a way of life Series generations  Hello I'm the doctor, basically run!  An anglophile girl's diary Multifandom  Talk about telefilm Doctor Who Italy Mad Man with a Box Alex Kingston italy Drogati di telefilm Peter Capaldi italia Cinema movie and pop Gli attori britannici hanno rovinato la mia vita British Artists Addicted

SE VOLETE COLLABORARE CON NOI SCRIVETECI! - Collabora con noi!
Stiamo cercando RECENSORI e newsers per EMPIRE, HOMELAND, LEGENDS OF TOMORROW, ORPHAN BLACK. ARROW, SUPERGIRL e le altre serie.


Non perdere neanche una notizia! Seguici su Facebook e Twitter.
Condividi su Google Plus

Articolo di silvia di cola

Posta un commento