LEGENDS OF TOMORROW - Recensione 2x10 "The Legion of Doom"




Bentornati a bordo della nave su cui tutti vorrebbero fare un giro prima o poi (non sto parlando dell'Enterprise e nemmeno, per fortuna, del Titanic, sebbene il nostro Professor Stein ci abbia fatto un viaggetto in un'altra vita:)), ovvero la Waverider. Questa settimana la puntata si è incentrata molto sui cattivi, dopotutto i buoni esistono per merito loro, sennò contro chi combatterebbero?

I cattivi in questo caso sono "solo" tre ma si fanno chiamare "Legione", o meglio, sono gli altri che li chiamano così, sono un po'megalomani questi ragazzi, non trovate? I tre sono alla costante ricerca della Lancia del Destino, di cui abbiamo parlato in precedenza, perchè questa gli permetterebbe di riscrivere totalmente la realtà, e questo potrebbe comportare anche la cancellazione dalla storia delle Leggende. Il problema è che questo artefatto è diviso in pezzi (non sappiamo come e perchè) e una parte è stata portata via dalla Waverider quando Rip è scomparso nel nulla. 

Voi penserete che per scoprirlo basterebbe chiederlo a lui, ma purtroppo il ragazzo ha il cervello in panne e crede di essere uno studente di cinema, quindi bisogna trovare il modo per fargli tornare la memoria e la Legione non ha molta pazienza. Ma com'è iniziata questa "collaborazione"?Lo scopriamo all'inizio dell'episodio, quando, tornando indietro di 8 mesi, un depresso Malcolm Merlyn apprende dal notiziario che Damien Dahrk è stato ucciso da Arrow in Star City, ma evidentemente l'alcool, come sa bene Mick, può provocare forti allucinazioni. 


Per questo motivo vediamo apparire proprio il redivivo Darhk in compagnia di Eobard Thawne, il Reverse Flash, e sbeffeggiare il decadimento dell'ex Assassino, che ormai non fa più paura a nessuno ( e ci fa anche un po'pena devo dire). Malcolm non riesce a capire chi sia quel tipo che sembra un motociclista, giubbotto e guanti di pelle, e nemmeno come faccia a saere tante cose sul suo conto, e quindi Thawne si presenta affermando anche di venire dal futuro (tutto nella norma, no?) Interviene anche Darhk  che ironizza sulla sua morte affermando che il 2016 non è ( o non è stato, a seconda dei punti di vista) il suo anno migliore ma ha intenzione di dare una sistemata alla sua vita e chiede a Merlyn se anche lui vuole cambiare qualcosa.

Facciamo un salto temporale e torniamo al presente, dove ritroviamo i nostri tre amici al bar (il quarto è in arrivo, deve essersi perso mentre scappava da qualche prigione, eppure le mappe ce le aveva ...ben impresse, diciamo così), mentre cercano di capire come abbia fatto Rip a ridursi in quel modo, con la memoria tutta sballata. Ovviamente, secondo Thawne, la colpa è tutta degli altri due perchè hanno perso il medaglione di Longino, che era proprio l'oggetto che gli serviva per ritrovare la lancia (prevedo guai in Paradiso, ci vuole uguaglianza anche tra i criminali, non è che c'è chi lavora e chi poi si prende tutti i meriti eh), ma i suoi compagni lo accusano di essersela svignata nel bel mezzo dell'azione, per andare chissà dove (avrà un'amante in qualche epoca storica?) quindi non è giusto scaricare su di loro tutte le colpe del fallimento.

Evidentemente, al velocista non piace che si mettano in dubbio le sue capacità e i suoi ordini e finisce per discutere molto animatamente con Merlyn che però afferma di poter riportare a galla i ricordi di Rip con l'ipnosi, dato che nella Lega lo chiamavano "Il Mago" (faceva sparire molto bene i cadaveri) ? Nel frattempo però, il medaglione ce l'hanno le Leggende, cosa gli impedirà di capirne il funzionamento prima che il cervello dell'ex capitano torni a funzionare? Anche qui Eobard ha la risposta pronta: le istruzioni sono andate perse nel tempo e le Leggende sono degli idioti (si sono dimenticati che c'è anche uno storico tra loro?

Sulla nave intanto, i nostri eroi si interrogano su come riportare a casa Rip, trovare la lancia e scoprire anche il nome del velocista che, tra le altre cose, era responsabile della morte di Rex Tyler e del furto dell'amuleto stesso. Secondo Mick è semplice, basta scambiare l'amuleto con Rip, ma prima bisogna capire come funziona, ma non analizzandolo dal punto di vista mistico, ma da quello tecnologico. Il Professor Stein afferma di avere un collega in Central City in grado di aiutarli.

A quanto pare il fantastico trio non se la passa certo meglio, dato che l'ipnosi non ha funzionato, e Thawne ci tiene a rimarcare la sua sfiducia nei confronti degli altri due ( e meno male che li ha scelti lui di persona personalmente). Qui scatta la ribellione, Merlyn e Darhk vogliono rinegoziare le condizioni contrattuali (qualcuno avvisi Thawne che la schiavitù è finita da un pezzo) perchè sono stufi di essere trattati come bassa manovalanza e in più il velocista è di nuovo sparito, cosa che non rende il clima migliore). Ovviamente non si sono dimenticati del povero Rip, che è ancora legato alla sedia a cercare di capire cosa vogliono quelli da lui e perchè continuano a chiamarlo Trinità...ehm ...no, capitano, scusate.



Visto che con le buone (si fa per dire) non hanno ottenuto niente, Darhk decide di provare con le cattive (perchè finora abbiamo scherzato, vero) ? Rip continua a dire di non sapere nulla, il che per certi versi è anche vero, ma sfortunatamente non gli si può credere sulla parola, ci vuole una prova più tangibile diciamo, quindi Damien si improvvisa dentista e rimuove un dente con uno strano simbolo inciso sopra. Il nostro Signore del Tempo (non quello più famoso) ha impiantato nientemeno che un codice a barre di una cassetta di sicurezza in Svizzera proprio nel dente, e i tre compagni di merende pensano che lì si trovino i pezzi della lancia. Dopo aver dato ordini come al solito, Thawne scompare di nuovo e la cosa sta diventando irritante.

Ricordate la "collega" di Stein a Central City? In realtà è sua figlia, Lily, o meglio la figlia che ha avuto interagendo con la versione più giovane di se stesso che pensava troppo al lavoro. Non avrebbe voluto che gli altri sapessero della sua esistenza, ma la ragazza sembra l'unica in grado di scoprire i misteri dell'amuleto per cui decide di portarla sulla Waverider, tra lo stupore del resto del team, Jefferson per primo, dato che ha un legame mentale col professore per via di Firestorm e non si è mai accorto di niente. 

Lasciamo gli "idioti" alle prese con la povera Lily che ignora il perchè di tanto astio nei suoi confronti e torniamo a vedere come se la stanno cavando i due ex Assassini, che continuano ad avere divergenze su qualunque cosa, peggio dei bambini dell'asilo . Il loro obiettivo è entrare nella banca, grazie alle coordinate fornitegli "gentilmente" da Rip, ma sono in disaccordo sui metodi, infatti Merlyn vorrebbe fare le cose con calma, mentre a Dahrk non importa se qualcuno ci rimette la pelle (da quando i killer si farebbero degli scrupoli).

Le discussioni non mancano nemmeno sulla Waverider, dove si sta ancora discutendo sull'opportunità di coinvolgere Lily Stein nei loro affari, dato che la ragazza è essa stessa un'anomalia temporale e non si potrebbero fare eccezioni per scopi personali, altrimenti Sara avrebbe benissimo potuto uccidere Darhk quando poteva. Ovviamente non possono dire tutto questo alla ragazza e quindi si rimettono tutti al lavoro sia per trovare la lancia che per identificare il misterioso velocista.

Thawne è ancora disperso, diciamo così,  quindi agli altri due spetta il compito di portare Rip alla banca e intanto approfittano dell'atesa per interrogarsi sulle sparizioni di Eobard e sul perchè uno con quel potere debba aver bisogno "di un fallito e di un morto" per citare le sue stesse parole. Secondo Dahrk lui è stato reclutato perchè si conoscevano nel 2016, e crede che quelle domande siano solo un trucco di Merlyn per metterli l'uno contro l'altro ma Malcolm ribatte che in realtà loro non sono alla pari, dato che Thawne li tratta come burattini.

La cosa che tutti si chiedono, anche le Leggende che ancora non l'hanno identificato, sanno solo che viene dal futuro e come velocista può viaggiare nel tempo, è quale sia lo scopo del Reverse Flash in tutto questo. Nel frattempo che ci interroghiamo sul significato dell'universo (o su quando Captain Cold tornerà e li congelerà tutti, argomento che mi preme molto di più), Rip non riesce ad accedere alla sua cassetta di sicurezza, essendoci bisogno anche di una password, oltretutto stabilita da lui stesso quando era ancora in possesso delle sue facoltà mentali e quindi sono costretti per il momento a fuggire per non essere catturati.



Per fortuna un passo avanti è stato fatto, gli "idioti" , in particolare Lily e Ray, sono riusciti a collegare il medaglione a Gideon per poterlo analizzare, perciò si concedono un bicchiere di champagne, creato dalla nave stessa. A rovinare la festa però ci pensa Mick, che è pessimo a mantenere i segreti, e con una pessima battuta "cibo finto per una persona finta" le rivela il motivo per cui tutti si comportano stranamente con lei. La ragazza chiede spiegazioni al padre, che cerca di spiegarle che lei è nata dall'interazione tra le versioni più giovani dei suoi genitori (io ero rimasta alle api e ai fiori, ma forse questa versione è accettabile). La povera Lily non esisteva prima di questo evento, ma poi quando Stein l'ha "conosciuta" le ha voluto bene come se avessero passato tutta la vita insieme, in fondo chi può dire quale sia la realtà vera e quale l'anomalia?

Dalle schermaglie verbali passiamo a quelle fisiche, dato che Merlyn e Darhk, incapaci di risolvere le loro divergenze con le buone, hanno deciso di ricordare i vecchi tempi...con un bel duello, e continuerebbero fino alla morte se il povero capitano, che, ricordiamolo, è ancora legato alla sedia, in un attimo di lucidità, fa capire ai due contendenti, anche grazie alle sue ( o meglio del suo alter ego, se vogliamo chiamarlo così) conoscenze cinematografiche, che senza volerlo stanno facendo proprio il gioco di Thawne, ovvero mettersi l'uno contro l'altro. Se nessuno si fida dell'altro finiranno per rovinarsi a vicenda, Merlyn non cambierà il suo passato e Darhk non cambierà il suo futuro, se invece aiutano Reverse Flash a trovare la lancia, ognuno otterrà quello che vuole.



Lasciamo i due simpaticoni ai loro problemi e torniamo sulla Waverider a vedere se almeno lì le nuvole si sono diradate. La domanda è sempre la stessa: perchè un velocista, che può viaggiare nel tempo, ha bisogno di un artefatto per cambiare il suo destino? Finalmente Nate dà la risposta a questo dilemma, ovvero che Thawne non esiste (fantasma, zombie, proiezione astrale? Sono indecisa se chiamare i Ghostbusters, Rick e soci o le sorelle Halliwell o tutti e tre giusto per sicurezza). A quanto sembra, Eobard sarebbe stato cancellato dalla storia (non per sua volontà) quando il suo antenato Eddie (ricordate, il detective fidanzato con Iris West in Flash?) si è suicidato per impedirgli di fare ulteriori danni. Da quel momento il Reverse Flash ha cessato di esistere e il suo scopo, finalmente rivelato, è quello di tornare in vita se così si può dire.

A quanto pare però, il sacrificio del suo avo non è bastato a fermarlo, poichè Eobard è membro della Forza della Velocità ( qua sono tutti membri di qualcosa di importante, noi al massimo del Club del Libro). Finalmente, dopo tanto, il nostro velocista decide di ritornare proprio mentre il povero Rip è riuscito a liberarsi perchè gli altri due sono andati a fare un "prelievo". Purtroppo per loro rimangono delusi, perchè invece della lancia trovano una specie di dischetto, che si rivela essere un archivio di memoria, un "hard disk" che contiene i ricordi di Rip, che sfortunatamente vengono manipolati in maniera che il pover uomo non ricordi più chi era realmente. 

Con la ricomparsa, per l'ennesima volta, di Eobard, gli altri due possono finalmente affrontarlo per rivedere le clausole del loro contratto di collaborazione e capire finalmente dove va quando sparisce. Malcolm Merlyn ha indossato di nuovo i panni (in senso letterale anche) dell'Assassino, dopo il discorsetto di Damien sul fatto che fosse diventato un po'pigro. In questo momento il povero Reverse Flash è in svantaggio, perchè solo Merlyn conosce il codice per uscire dal caveau e se lo uccide, resterà intrappolato comunque con uno della Lega (non è Salvini, giuro).



A quanto pare, pur non esistendo sul piano fisico, il nostro velocista è ricercato da qualcosa che lo insegue da quando è scappato da Barry. Questa "cosa" è come un cane che fiuta la sua preda, può "sentire" la Forza della Velocità che protegge Thawne e quindi rintracciarlo per poi ucciderlo. Per impedire questo, lui deve continuare a fuggire, come un bandito con una taglia, ma in questo caso non credo che il suo inseguitore voglia dei soldi. Darhk e Merlyn ottengono quello che vogliono, faranno fuggire Eobard dal caveau solo se lui smetterà di trattarli come dei lacchè. Dopo che Reverse Flash accetta, Malcolm gli dice di avere la soluzione al suo problema, ovvero smettere di scappare, se non c'è movimento non c'è velocità e quindi nessuna traccia da seguire per "la cosa".

Ovviamente per uno abituato a correre, restare immobile nello stesso posto non è facile, ma se c'è in gioco la tua vita (anche se in teoria non saresti vivo) qualsiasi strada può esserti utile. Siccome gli amici si guardano le spalle (anche i criminali hanno un loro codice d'onore), non gli resta che seguire il loro consiglio, che si rivela giusto, cosicchè possono rinchiudere il killer nel caveau al posto loro, anche se non ci resterà a lungo. Alla fine scopriamo che il cacciatore è il Black Flash (non bastava il Reverse, vero?), ovvero un'entità che chiama a sè i velocisti quando muoiono,e dato che Thawne è stato cancellato, deve ritornare da dove è venuto, cosa che però Eobard non ha nessuna intenzione di fare.

Sulla Waverider, finalmente, Stein e sua figlia hanno un chiarimento, è vero che lui non voleva figli, ma nel tempo passato sulla nave ha imparato che spesso il tempo non ci dà quello che vogliamo, ma quello di cui abbiamo bisogno, quindi forse in quel momento loro due avevano bisogno l'uno dell'altra.

Tutto è bene quel che finisce bene direte voi, e invece no. Ricordate le "modifiche" alla memoria di Rip? Bene, a quanto pare avrebbe ucciso George Washington, il futuro primo presidente degli Stati Uniti. Questo vuol dire che gli USA saranno una repubblica, una dittatura, oppure Darhk ( lo vedo più come uomo di mente che di azione) si candiderà al suo posto? Quali ripercussioni avrà tutto questo, considerato che Damien stesso era stato nello staff del Presidente Reagan? Aspettiamo la prossima settimana per capirlo.

COMMENTI PERSONALI:

Martin e Lily Stein: Lo scopo principale delle Leggende è proprio quello di combattere le anomalie temporali, che metterebbero in pericolo la storia dell'umanità come noi la conosciamo, spesso facendo dei danni irreparabili. Facile a dirsi finchè non scopri di avere una figlia, che per di più ha preso tutto dal padre, soprattutto l'intelligenza (anche se poi non gli crede quando dice di essere la metà di Firestorm ma del resto sono troppe cose da metabolizzare per una persona. Credo che il professore avrebbe voluto dei figli nella sua vita "reale" ma poi si è perso nella carriera e quel desiderio è passato in secondo piano, magari senza che lui nemmeno se ne accorgesse. Ora che una figlia ce l'ha, non può cancellarla dalla sua vita come se niente fosse, dovrebbe ritornare di nuovo nel passato e rimettere le cose al proprio posto ma poi magari rischierebbe di fare cambiamenti peggiori. L'uomo si sente in colpa per non averle detto nulla sulla sua nascita, ma del resto, chi ci crederebbe? Non dovendolo più tenere nascosto al resto del team si sentirà di sicuro iù sollevato, speriamo che il loro rapporto si evolva.

Mick Rory: In questa puntata è stato particolarmente odioso, è "colpa" sua se Lily Stein sa di essere una specie di "errore" (o almeno è come si sente all'inizio). Da quando non c'è più Snart al suo fianco, Mick è diventato un ubriacone che non sa tenersi i segreti, per citare " Too much love will kill you" (lo so che storcerete il naso di fronte ad un tale paragone "he's just the shadow of the man he used to be", dov'è finito quello che voleva dare fuoco a tutto,che amavamo anche quando maltrattava tutti, che si è buttato in una rissa per difendere Sara? Ora sembra veramente l'ombra di sè stesso, si è rammollito, forse dovrebbe davvero tornare a fare il criminale, l'eroe ultimamente non gli riesce molto bene. Spero non rovinino il suo personaggio, Dominic e Wentworth erano i punti di forza dello show, mancando l'uno, ci perde anche l'altro. 

Per quanto riguarda il resto dell'equipaggio, essendo una puntata incentrata sui cattivi, non c'è molto da dire, forse l'unica nota positiva è stata la collaborazione di Ray con Lily, da scienziati quali sono, ci hanno messo poco a familiarizzare.

Rip Hunter: Il nostro povero capitano non se la sta passando molto bene, al confronto il flop del suo film era zucchero, ma non si perde d'animo, salvandosi la vita grazie proprio al suo "alter ego" che cita "Il buono, il brutto e il cattivo" per far capire a Merlyn e Darhk che litigare o addirittura fare un duello per stabilire chi di loro avesse ragione non serviva a nulla. Purtroppo tutto il lavoro fatto per non farsi rintracciare non è servito a molto, se prima era solo un regista fallito, o un ex Signore del Tempo col cervello in pappa (o un hippy, come lo chiama Darhk) dopo i cambiamenti fatti da Thawne ai suoi ricordi avrà sulla coscienza l'omicidio di un (possibile) futuro presidente. Ora non ci si accontenta più di voler cambiare la propria storia personale, ma addirittura quella di altre persone e, in questo caso, il destino di un'intera nazione, e senza nemmeno bisogno della lancia. Quando Merlyn ha detto che Rip era una risorsa per loro, non credo intendesse questo. Speriamo che il nostro capitano torni presto al comando o saranno guai per tutti.

Darhk, Thawne e Merlyn: Protagonisti indiscussi di questa puntata, nonostante siano dei criminali, hanno un qualcosa che non te li fa essere proprio antipatici. Molto divertente il siparietto iniziale in cui Dahrk e Thawne si presentano senza invito a casa del povero Malcolm, che forse pensa di aver bevuto troppo avendo appena sentito della morte di Darhk per poi ritrovarselo davanti. Effettivamente il nostro ex Assassino non se la passa molto bene, sono passati i tempi in cui poteva fregiarsi del titolo di Ra's al Ghul, e solo il nome bastava a seminare terrore tra i suoi nemici. Per fortuna ci pensa Darhk, prima con un discorsetto e poi con le maniere forti, a riportarlo agli antichi splendori, e e fargli ricordare chi era (in questo forse era meglio di no). Chiunque al loro posto ci avrebbe pensato due volte prima di mettersi contro uno che corre alla velocità della luce (non è Bolt), ma loro no, anzi, sfruttano le debolezze di Thawne per convincerlo che "il potere del trio coincide col mio" ...o forse quello era un altro telefilm? Comunque sia, devo ammettere che anche io avrei sudato freddo nel trovarmi davanti quella brutta faccia di Black Flash, pur sapendo che non poteva vedermi ( e per questo si era molto arrabbiato), se avesse fatto anche un singolo movimento sarebbe stato spacciato. In quel momento (ma solo allora) abbiamo provato quasi simpatia per lui, deve essere snervante doversi muovere in continuazione. Sicuramente non sarà l'ultima volta che dovrà sfuggire alle grinfie del mostro, a meno che non riesca ad impossessarsi della lancia.

In attesa del ritorno del criminale più...gelido della serie, ci aggiorniamo alla prossima puntata.

Un saluto alle nostre affiliate:








SE VOLETE COLLABORARE CON NOI SCRIVETECI! - Collabora con noi!
Stiamo cercando RECENSORI e newsers per EMPIRE, HOMELAND, LEGENDS OF TOMORROW, ORPHAN BLACK. ARROW, SUPERGIRL e le altre serie.


Non perdere neanche una notizia! Seguici su Facebook e Twitter.
Condividi su Google Plus

Articolo di Chiara F74

Posta un commento