TWIN PEAKS - Twin Peaks è tornata, ma non per compiacervi



Avete ritrovato volti familiari, ma non è più la città immersa nei boschi che conoscevate.

Tra i molti scioccanti elementi del “nuovo” Twin Peaks, il più sconvolgente è il suo stile visivo.
La morbida e sgranata qualità delle prime stagioni, i suoi toni caldi, le tonalità anni 50 e le luci in stile soap-opera sono quasi del tutto spariti. Ora, 26 anni più tardi, la pellicola è stata rimpiazzata dalla limpida fotografia digitale.Le immagini hanno preso tinte meno luminose e con varie sfumature grigie.
Ma, lontano dal tentativo dei trucchi usuali che segnano l'arte cinematografica comune alla tv di prestigio, Twin Peaks trasuda meticolosità nella sua tavolozza visiva.

Il regista, David Lynch, ha girato questi nuovi episodi con le stesse impostazioni delle prime stagioni, soltanto la tecnologia è cambiata, il look è stato aggiornato, e già questo ci può dare qualche indizio su dove potrebbe portarci Twin Peaks nel 2017.

Le prime due ore di Twin Peaks: The Return, andato in onda con incredibili aspettative la scorsa notte, inizia con una scena tratta dalle prime serie.
“Ci rivedremo tra 25 anni” dice Laura Palmer all’ Agente Cooper nella stanza rossa della Loggia Nera, e dopo una sigla d'apertura accompagnata dalla musica di Badalamenti, ritorniamo nel mondo di Twin Peaks.
Lo percepiamo diverso, ed è giusto sia così. Il tempo è passato e Lynch non è intenzionato a ignorare la cosa.


L'impostazione visiva ricorda molto le sperimentazioni di Lynch nel suo ultimo lungometraggio, Inland Empire.
Il sonoro e l’immaginario inquietante di quel film e dei cortometraggi che Lynch ha finora prodotto sono adesso presenti in Twin Peaks.
Lo stile da soap-opera surrealista e fantasy delle prime stagioni ci sembra rassicurante a confronto.
Lynch si è spinto in una nuova dimensione dell’horror, consapevole della tecnologia della sua camera e della tecnologia che porta sullo schermo. Un mondo, un tempo caratterizzato dalla pellicola sgranata e un pizzico di nostalgia, viene ora ripreso con una piega elettronica, e come Lynch inizia a esplorarlo di nuovo, le sue rigide e moderne strutture sembra come se debbano crollare.
Per una serie che potrebbe rappresentare poco più che un’ altra reunion, Twin Peaks: The Return è senza dubbio indifferente dall’appagare il suo pubblico.
Lo stile digitale è solo un segnale, anche il resto dello show risulta atipico.
 Mentre la serie riprende dal finale cliffhanger della seconda stagione, con l’Agente Cooper intrappolato nella loggia nera e il suo doppleganger libero nel mondo esterno, Lynch e il suo co-creatore Mark Frost non rispettano le aspettative degli spettatori che volevano rivedere la loro città falegnamesca preferita e i suoi personaggi.

Ritroviamo comunque questi personaggi. La prima nuova scena della serie, dopo la sigla di apertura, mostra il Dr. Jacoby; e per tutte le prime due ore, i personaggi spaziano dall'Agente Cooper, a Shelley e James e Ben e Jerry Horne; persino Laura, Leland e Sarah Palmer fanno la loro comparsa. È presente anche la signora ceppo, ci viene mostrata durante le telefonate con il vice sceriffo Hawk.


Ma insieme a queste facce conosciute (di cui molto ci dovrà venir mostrato ancora) Lynch ha messo insieme un nuovo numeroso cast che include alcune facce famose. Ashley Judd è presente, e così anche Jennifer Jason Leig.

Nel frattempo, nel Sud Dakota, Matthew Lillard viene arrestato per un efferato omicidio. Infatti, non è stato solo il cast è allargarsi.
Questo ritorno a Twin Peaks sconfina dalla sua originale località. Non ci sono solo scene in Sud Dakota ma alcune sono persino ambientate a New York.
Una ripresa dall’alto dei grattacieli di New York di notte è quasi come un apparizione sconvolgente nel mondo di Twin Peaks, più di quanto avrei potuto immaginare.
Il doppleganger di Cooper ora vagabonda in giro, è a tutti gli effetti un criminale, porta una giacca di pelle e buffi capelli lunghi quasi ridicoli. Cosa stia combinando non è del tutto chiaro, se non che stia cercando di evitare di ritornare nella Loggia Nera, ma dovrà certamente uccidere molte persone lungo la strada.


La trama di Lillard è maledettamente spaventosa, stupida e strana, e il modo in cui si interseca con il doppleganger è intrigante e sorprendente.
Nel frattempo, a New York, un ragazzo siede in una stanza e osserva una grossa scatola di vetro aspettando che accada qualcosa, e quando qualcosa finalmente accade, è uno dei momenti più inquietanti degli anni della tv , come solo David Lynch poteva offrirne.

Interminabili viaggi nella Loggia Nera, con le sue tende rosse gli strani luoghi e l’evoluzione del braccio portano un surreale terrore.
Nuove località e nuovi personaggi riempiono la storia in modo quasi disordinato, ma in qualche modo ordinato allo stesso tempo. Cosa abbiano a che fare le varie trame l’una con l’altra è qualcosa che tutti cercano di indovinare a questo punto, ma questo non è il punto da cui cominciare.
Come per le serie precedenti, il significato potrebbe essere ricercato nelle atmosfere. Con 16 ore a disposizione, Lynch ha molto spazio per muoversi con quelle ambientazioni, ma dall’inizio è chiaro che il suo interesse negli orrori del male hanno preso una piega più moderna e tecnologica.
In queste due prime ore almeno, lo show ha presentato uno estraniante ritorno a un mondo familiare sconvolto dal passare del tempo.

Sembra diverso, lo sentiamo diverso e questo è più che spaventoso, ma farci provare queste emozioni è esattamente ciò che David Lynch voleva.



Fonte:Esquire 



Come sempre, un saluto alle nostre affiliate:




SE VOLETE COLLABORARE CON NOI SCRIVETECI! - Collabora con noi!
Stiamo cercando RECENSORI e newsers per EMPIRE, HOMELAND, LEGENDS OF TOMORROW, ORPHAN BLACK. ARROW, SUPERGIRL e le altre serie.


Non perdere neanche una notizia! Seguici su Facebook e Twitter.
Condividi su Google Plus

Articolo di Cristina F.

Posta un commento