SCANDAL - "Adventures in Babysitting". Recensione 7x05


La stagione finale della serie era iniziata bene. Olivia e Mellie avevano realizzato i loro sogni, fare la storia come prime donne al potere di una delle nazioni più forti del mondo. Con il proseguire della stagione, però, la serie è diventata statica e ripetitiva. Il tema centrale ormai è diventato Olivia e il suo delirio di onnipotenza.



Poco alla volta le persone che la circondano stanno vedendo la vera natura della ragazza, ma soprattutto si stanno ribellando al suo autoritarismo. Il primo a mettere in dubbio il suo comportamento è Fitz. Olivia dopo aver scoperto l’incontro tra il padre e Grant, decide di usare Eli come messaggero. L’uomo dovrà andare da Fitz e dirgli di abbandonare Washington come da accordo. L’ex amante della Pope, decide di non sottostare al dictat di Olivia e racconta a Mellie tutti i crimini di cui si è macchiata il Capo Gabinetto, dal suo insediamento in poi. Il Presidente degli Stati Uniti rimane sconvolta quando viene a conoscenza della morte di Luna Vergas e della ricomposizione del B 6-13 per mano di Olivia. 



Inizialmente Mellie rimane colpita dalle rivelazioni di Fitz, non esita a intimare ad Olivia di chiudere il B6-13, anche perché stufa della tendenza della donna a prendere decisioni importanti senza consultarla. La presa di posizione della donna in realtà non dura molto, come sempre cade nella trappola del fine che giustifica i mezzi. C’è da dire che il tempismo di Mellie di giocare sporco, non è stato dei migliori. La donna decide di aggirare le regole nel momento in cui Olivia sta avendo un attimo di umanità. Per la prima volta la Pope dopo aver consultato Fitz e Quinn è pronta ad agire nel modo corretto. Sarà Mellie ad offuscare quel barlume di umanità, per un semplice interesse personale. La donna vuole firmare l’accordo sul nucleare, per mettere a segno un altro risultato della sua presidenza e salvare nello stesso tempo il presidente del Bashran. Per questo motivo lascia che la Pope agisca come Commando per risolvere la situazione.


La Pope, non si è fatta troppi scrupoli a far saltare in aria l’aereo su cui viaggiava il presidente del Basharan con la nipote. Con la sua decisione Mellie ha autorizzato Olivia ad agire senza limiti, dandole pieni potere. Anche se questa poteva essere l’occasione ideale per porre fine allo strapotere della sua collaboratrice, ha preferito raggiungere i suoi obiettivi personali. Questo ha autorizzato Olivia a sconfinare nella vita di Mellie. Anche se abbiamo visto la Pope intromettersi più volte nella vita lavorativa e sentimentale dei Mellie, ora è arrivata a ordinarle come comportarsi con Fitz, manipolandola e a suggerendole le parole da usare con l’ex marito. Mellie esegue gli ordini di Olivia, anche se poi se ne pente subito tanto da bisbigliare a Fitz mi dispiace.


L’unico interessato a salvare Olivia da sé stessa, sembra essere proprio Fitz che è disposto a tutto pur di allontanare lo spettro di Commando dal suo animo. L’ex presidente infatti, si rivolge a Jake, il suo nemico in amore. Jake, non si fa impressionare dalle parole di Fitz, definendo la donna una causa persa. Fitz, nonostante il rifiuto dell’uomo decide di continuare la sua battaglia, non si arrenderà fino a quando la vecchia Olivia non ritornerà, sa benissimo che quella di ora non è la vera Olivia. Fitz non è l’unico che vuole interrompere la spirale in cui è caduta la donna. Anche Cyrus che in questa stagione lo vediamo più interessato all’amore che alla carriera, non cede ai ricatti della donna. Per il Vice Presidente il loro compito è servire il paese, l’America non vuole affrontare la guerra contro il Bashran, quindi lui non cede alle sue minacce. Anche Curtis si ribella all’autoritarismo della donna. L’uomo la lascia dicendole che a ricoprire il ruolo di Commando, si perde l’umanità.


Come proseguirà la stagione finale, a poche settimane dalla pausa invernale, non è chiaro, anche perché il promo della prossima puntata non è stato rilasciato, perché stanno rigirando alcune scene. La cosa certa è che la stagione è arrivata ad un punto morto è ha bisogno di uno scossone che riporti Olivia tra gli umani. Non ci resta che sperare di rivedere nuovamente Olivia indossare il cappello bianco.


 
Non perdere neanche una notizia! Seguici sulla pagina Facebook o sul nostro Gruppo o su Twitter.
 
Condividi su Google Plus

Articolo di Francesca Baranello

Posta un commento