GOTHAM - "Cose Che Esplodono, Tutto Nella Norma" Recensione dell'episodio 4x10 "Things Go Boom"


Le cose esplodono nel nuovo episodio di Gotham “Things Go Boom” e non solo letteralmente come la macchina del Pinguino e la sede delle Sirene, ma le carte vengono scoperte e a esplodere sono anche i legami tra Sofia Falcone, il Pinguino e Jim Gordon, in un preludio che non potrà che portare a una guerra nel sottobosco criminale di Gotham.


La vera identità del Professor Pyg è svelata, ma non sappiamo ancora cosa lo abbia effetivamente portato a diventare ciò che è oggi, e nonostante sia confinato dietro le sbarre di Arkham, non cessa di essere pericoloso, e lo scoprono a loro spese gli altri detenuti.
Le Narrows si stanno assestando sotto il dominio di Lee. Ancora non so dove vogliano portare il suo personaggio (insomma, che ritorni insieme a Jim una volta per tutte e che se ne vada) ma svela a Ed il segreto per tornare a essere l’Enigmista, sapevamo dal promo che avrebbe fatto dei passi avanti per recuperare il suo intelletto e così è stato.
L’ultimo episodio di Gotham, prima del mid season finale risulta però un po’ più sotto tono rispetto ai precedenti, certo non era semplice reggere il confronto con il nono episodio e la cena del Professor Pyg che ha dato a "Let Them Eat Pie" un taglio più crudo e più splatter.
Questa puntata, invece, si concentra più che altro su complotti e intrighi mentali che però mi sono risultati un po’ banali e mi hanno fatto storcere il naso. Non sono incoerenti o mal fatti, ma non sono riusciti a coinvolgermi, né a sorprendermi.
Naturalmente la guerra tra Sofia e Oswald è ancora tutta da giocare ed è soltanto all’inizio, perciò non si può ancora giudicare.


“Things Go Boom” è, un po’ come altri episodi, di passaggio, un prologo per ciò che dovrà avvenire, purtroppo però, l’inizio del conflitto risulta poco epico e nell’episodio  non ci sono particolari guizzi che mi hanno tenuto avvinta, probabilmente perché era da tempo che ci aspettavamo uno scontro diretto tra Sofia e Oswald (gli autori si stanno tenendo il meglio per il mid season finale?).
Lei, il Pinguino e Jim sono le figure al centro dell’episodio, tutti e tre che cercano a modo loro di mantenere e ottenere il potere sulla città,  in una lotta che è diventata corale. 
Sofia ha calato la maschera della ragazza innocente e il bacio a Jim si è rivelato una sua ennesima mossa per controllare Oswald. 


Tutte le mosse del Pinguino e di Jim sembrano  guidate da lei e dimostra di conoscere a fondo tutti gli uomini che lavorano per Oswald. Si è dimostrata capace, ma non so quanto potrà durare il suo personaggio, perché alla fine, tutte le sue mosse sono state bloccate e ha fallito. Ha provato a tenere Jim dalla sua parte, ma non c’è riuscita e il detective dopo aver provato a rimandarla a casa dal padre, non vuole avere più nulla a che fare con lei.  Ha cercato di colpire Oswald attraverso Martin, una sua grande debolezza, ma anche lì, il Pinguino è stato più lungimirante di lei, che era per altro decisa a uccidere un povero bambino solo per dimostrare al padre il suo valore. Viene da chiedesi fino a che punto Sofia sia disposta a spingersi.


L’unico vantaggio di Sofia, ora si rivelano essere le Sirene, diventate sue alleate, più o meno. Sì, perché non so quanto la loro alleanza possa funzionare, considerato che le Sirene si sono ritrovate forzate in questa collaborazione. Potrebbe essere un gruppo di bad ass girls esplosivo, pronto a dominare la città e a farsi rispettare o l’ennesima sòla e per il momento purtroppo propendo per la seconda ipotesi, perché se Sofia tutto sommato ha e aveva un buon piano e si è dimostrata in gamba fino a qui, le Sirene continuano a brancolare nel buio. Sembra che gli sceneggiatori le usino come jolly quando non sanno cosa inserire. Dovrebbero essere estremamente capaci, anche più di Sofia, eppure cadono da un datore di lavoro all’altro, senza riuscire a essere indipendenti e a farsi valere. Sembra che non riescano a andare avanti nel mondo criminale senza l’appoggio di qualcuno, prima il Pinguino, ora Sofia, ed è un peccato perché avrebbero un sacco di potenziale che viene mal speso. Se non altro, mi sarebbe piaciuto che l’alleanza delle Sirene con Sofia fosse costruita e gestita meglio, perché non era una cattiva idea in sé, ma l’hanno sviluppata male per ora e Le Sirene continuano a fare troppo da contorno.
Essendo stato per altro un episodio poco d’azione, non le abbiamo viste nemmeno combattere, tanto per dire.

 

Chi ne esce tutto sommato bene, è invece il Pinguino e il suo personaggio. Nonostante fosse in svantaggio, Oswald è riuscito a vincere la battaglia, ha eliminato ogni sua debolezza, pronto per la guerra che si dovrà scatenare. Si era già notato come il legame tra Oswald e il piccolo e inquietante Martin fosse forte e sincero, e di quanto lo stesso Oswald abbia bisogno di qualcuno che gli voglia bene, è più forte di lui. Eppure per uno come lui , avere un legame affettivo potrebbe rivelarsi una debolezza.  Avevo detto che Martin sarebbe stato o la rovina o la chiave per la vittoria di Oswald e non mi sono poi tanto sbagliata. Proprio per questo pensavo avesse davvero deciso di eliminare davvero il piccolo, sarebbe stata una mossa spietata e avrebbe segnato un evoluzione non da poco per il personaggio.
Ma il cuore di Oswald è restio a congelarsi del tutto (è ammirevole che dopo tutte le amicizie andate in malora lui ci creda ancora comunque) e finge la morte del ragazzo con la complicità di Victor, per poi allontanarlo dalla città, dove sarà più al sicuro. Il loro addio è stato molto tenero, dopotutto in qualche modo, Oswald deve rinunciare all’ennesimo affetto. Mai una gioia.


Ora però è pronto per la guerra, non potranno più minacciarlo in nessun modo e Victor è tornato dalla visita alla nonna giusto in tempo per assister il suo boss  negli scontri.
Victor è ogni volta una delle cose migliori della puntata, è un personaggio un po’ macchiettistico ma funziona molto bene, forse anche perché usato col contagocce , e mi diverte tantissimo. Passa dal godere come un matto mentre usa un lanciarazzi contro un edificio o perché qualcuno deve essere torturato, a intenerirsi davanti al Pinguino e al piccolo Martin. Non mandate più Anthony Carrigan e il suo Victor Zsasz in visita dalla nonna, vi prego, o nel caso, fatecelo seguire.



In tutto ciò, per Jim Gordon si prospettano delle gran giornatacce. Il neo Capitano si è liberato della figura di Sofia nella sua vita personale, ma ora con la guerra tra Sofia e Oswald avrò il suo bel daffare a mantenere l’ordine in città.
Il suo personaggio inoltre, si rivela essere ben lontano dall’eroe senza macchia. Cerca di fare la cosa giusta ma Gotham è una città che ti spinge a compromessi. Ha accettato una carica ottenuta grazie all’influenza mafiosa pur di ottenere ciò che voleva, e ora si ritrova solo, contro tutti i criminali della città e prima o poi tutto questo lo porterà di nuovo al limite, sebbene ora cerchi di mantenere la pace.


Inoltre, il Professor Pyg, è evaso di prigione, segno che anche il venire arrestato non era poi tanto lontano dai suoi piani. In compenso però, la sua incarcerazione ha permesso di studiarlo e scoprire di più sul suo passato. Scopriamo che si è totalmente rifatto i connotati del viso e sembra che sotto l’epidermide di sia uno strato di metallo in qualche modo. Quando Jim lo colpisce con un pugno, la mascella si scompone per poi tornare al suo posto. Un po’ mi ha ricordato Maryl Streep e Goldie Hawn in “La morte ti fa bella”.  Grazie a Lucius Fox, inoltre, ora sanno il suo vero nome, Lazlo Valentine.  Noi ve lo avevamo già anticipato parlando del personaggio e d’altra parte per chi mastica un po’ dei fumetti e dell’universo DC non è una sorpresa.


Perché però è ossessionato con Jim ?
Il professor Pyg gli dice che sono uguali, che è il suo riflesso. È una distorsione da psicpatico, oppure una volta Lazlo Valentine era come Jim Gordon?
Chissà che una soluzione del genere non possa far decidere a Jim di mantenere la retta via una volta per tutte, senza gli exploit della seconda e della terza stagione.
Onestamente, spero che il suo personaggio continui a muoversi come sta facendo in questa stagione, perché a parte la nomina ottenuta in modo poco etico, è tornato a essere il Jim Gordon della prima stagione, anche se forse meno ingenuo e più avvezzo ai compromessi.


Il codice delle Narrows “Ogni disputa si risolve sul ring” è radicalmente cambiato. Lee è in carica ora e ha instaurato una sorta di tribunale per tentare di risolvere i problemi pacificamente. Tutto funziona per circa cinque minuti finchè l’autorità di Lee non viene minacciata da Sampson, il capo di un altro quartiere. Ed, che è diventato il suo secondo, pensa che Lee debba rispondere alla violenza con la violenza e mandare Grundy, ma Lee decide di avvelenarlo e poi minacciarlo con l’antidoto. 


Non so esattamente, una volta ottenuto l’antidoto cosa abbia fermato Sampson dall’ucciderli, ma vabbeh. Lee, anche grazie a Ed ha consolidato il suo potere sulle Narrows e proprio per questo la Dottoressa decide di svelargli la verità sul suo stato. Può tornare a essere l’Enigmista quando vuole, ma a lei piace l’uomo che è adesso Ed Nygma, il suo amico.
Seriamente, ora lo considera suo amico? Lee, va bene tutto ma lui è pur sempre quello che ha incastrato Jim e ucciso Miss Kringle. A Jim per la morte di MarioChi gliel’hai menata per secoli.


Comunque fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio perché non appena ha scoperto che il suo problema è soltanto psicologico, la doppia personalità di Ed è tornata a riaffacciarsi, segno che l’Enigmista sta tornando e ci sarà anche qualcun altro da cui Oswald dovrà guardarsi.
Mi chiedo a quel punto cosa ne sarà delle Narrows e dell’alleanza con Lee e Grundy.
Un episodio un po’ sottotono, ripetitivo, chiuso in uno schema di rapimenti e ricatti che ha fatto un po’ arenare l’episodio. “Things go boom” rimane comunque un episodio abbastanza buono per gli standard di Gotham e  prepara il campo per un mid season finale che potrebbe essere parecchio interessante

Qui troverete tutti i nostri articoli su Gotham


Come sempre, un saluto alle nostre affiliate:

David Mazouz Italia Justice Of Shield Italia Cameron Monaghan Italy Gotham Italia - "There will be light" Crazy Stupid Series I Drogati Di Telefilm Cinema,movie and pop Telefilmiamo Subtitles On Demand


Non perdere neanche una notizia! Seguici sulla pagina Facebook o sul nostro Gruppo o su Twitter.
 
Condividi su Google Plus

Articolo di Cristina F.

Posta un commento