THE X-FILES - “My Struggle IV”. Recensione 11x10


My Struggle IV” chiude il secondo reboot della serie culto degli anni ‘90. Nonostante ci siano stati degli episodi degni di nota, la stagione nel complesso non ha lo stesso slancio di quelle che l’hanno preceduta. Inoltre, ha lasciato in sospeso delle trame che verranno riprese in una probabile dodicesima serie orfana di Gillian Anderson. Per il momento concentriamoci sulla puntata conclusiva.



La cosa positiva dell’episodio è stato quello di aver fatto chiarezza su una storia lasciata aperta la scorsa stagione. Finalmente si è capito che il virus e la cospirazione ad esso legata, in realtà erano solo una visione del futuro d a parte di Scully. Ma soprattutto l’episodio è stato il trionfo del legame tra Fox e Dana, uniti nella ricerca e nel tentativo di salvare il figlio.


Mulder durante tutto l’episodio è all’inseguimento di William, mentre Scully ne rimane lontana, nonostante il legame che unisce madre e figlio. Il distacco della donna probabilmente è dovuto alla rivelazione che lascia spiazzato non solo Fox, ma tutti i telespettatori. Dana confessa all’uomo di essere incinta di suo figlio, anche se la cosa sembra impossibile e surreale.


Inoltre, il personaggio della Anderson, da definitivamente l’addio a Dana con una presa di coscienza di sé stessa e di ciò che deve fare per il bene di tutti. A seguito di una conversazione con Skinner, anche se non ci viene mostrata, la donna capisce che deve allontanarsi da William. Per lei il bambino dato in adozione anni prima è solo frutto di un esperimento il suo ruolo è stato quello di incubatrice. Ora la sua attenzione deve essere rivolta al figlio che ha in grembo e che deve essere allevato dai suoi genitori.


La scelta di Dana costituisce un taglio netto con il passato, un addio a quello che era, anche perché entrambi gli agenti sono convinti che William si sia sacrificato per salvare la vita di Mulder. In realtà è solo un espediente di Scully per allontanare Mulder dalla ricerca disperata del figlio con cui è in contatto telepaticamente. La donna è certa che con loro fuori dalla sua vita, William potrà avere un’esistenza serena. Il loro sacrificio vale meno rispetto alla tranquillità e alla felicità del ragazzo.


Da sottolineare è la morte dell’Uomo che Fuma per mano di Mulder. Finalmente la persona che più di tutte ha tramato per i propri interessi è uscita di scena, sempre se quello che abbiamo visto è reale. La puntata infatti è stata caratterizzata da ambientazioni cupe che spesso rendevano difficile capire o perlomeno intuire cosa stava accadendo. Il risultato ben riuscito di trasmettere quel senso di cupo disagio, ha sacrificato la chiarezza delle immagini.


Anche se la stagione ha avuto alti è bassi, con puntate fuori dal comune, si può dire che molte cose lasciate in sospeso nella precedente stagione potevano essere chiuse all’inizio di questa, per poi dedicarsi a qualcosa di nuovo riprendendo la linea della mitologia che è l’unica che funziona. Questa trama inoltre avrebbe valorizzato al meglio la bravura dei due attori, spesso un po' sacrificati nei loro ruoli. Molte cose rimangono ancora senza spiegazione, probabilmente la prossima stagione, orfana di Scully ci farà chiarezza anche se la sua assenza si farà sentire.


Recensione 11x01
Recensione 11x02
Recensione 11x03

Recensione 11x04
Recensione 11x05
Recensione 11x06
Recensione 11x07

Recensione 11x08
Recensione 11x09


Un saluto agli amici di: Serie tv conceptTelefilmiamo Talk about telefilmMultifandom il mondo che non c'èCinema, movie and popMultifandom.



  Non perdere neanche una notizia! Seguici sulla pagina Facebook o sul nostro Gruppo o su Twitter.
 
Condividi su Google Plus

Articolo di Francesca Baranello

Posta un commento