SCANDAL - “People Like Me”. Recensione 7x16


La terzultima puntata di Scandal, intitolata “People Like Me”, è quella della resa dei conti tra due personaggi che si somigliano sotto molti punti di vista e che hanno fatto di tutto pur di ottenere il potere.




Cyrus e Olivia finalmente sono arrivati ad un confronto. Il Vice Presidente è stato rapito e rinchiuso in una stanza dopo che Mellie ha chiesto alla Pope di eliminare l’uomo e di salvare la presidenza. Anche se con grande fatica Olivia ha deciso di aiutare la Grant e di eliminare Cy con un piano un po' troppo elaborato per essere realmente realizzato. La donna ha deciso di imprigionare il Vice Presidente e rubargli il cellulare per cercare le prove che lo incriminano per il dirottamento dell’Air Force Two. Nel caso in cui la testimonianza di un suo coinvolgimento non fosse reperibile, Olivia lo ucciderebbe avvelenandolo. La richiesta di Mellie risulta incoerente, Il Presidente ha destituito il Capo Gabinetto dopo aver scoperto che è un’assassina. Inoltre la scomparsa del Vice Presidente risulterebbe sospetta dopo che Mellie è stata accusata pubblicamente di essere la mandante dell’attentato. Forse questo è stato un escamotage degli sceneggiatori per consentire a Cy e Liv di avere un confronto.


I due rimasti soli in una stanza iniziano a riflettere sul loro passato e sugli incontri che hanno segnato la loro vita. Mentre per Olivia conoscere Fitz le ha cambiato la vita, le ha fatto fare cose che non avrebbe pensato di poter realizzare, per Cyrus non sarebbe cambiato molto. A lui non interessa che a capo della presidenza ci sia Mellie, poteva esserci anche Vergas, il suo obiettivo sarebbe stato sempre lo stesso: impadronirsi della Casa Bianca a tutti i costi. Mentre i due si confrontano, Olivia scopre che l’hacker che poteva scagionare Mellie è stato ucciso. L’ammissione e la consapevolezza che Cyrus è un passo avanti a loro, spinge Liv a portare avanti il suo piano. In realtà la donna pur essendosi macchiata di altri omicidi, sembra non essere in grado di rifarlo nuovamente. La Pope con fatica versa il bicchiere di vino con il cianuro, potrebbe darlo subito a Cy, ma temporeggia. L’intervento di Jake arrivato a fermarla, non cambia di molto la situazione.


Per quanto riguarda Jake, nelle ultime due puntate lo abbiamo visto avere un cambio di rutta. Anche se non è mai stato un santo, c’era quella consapevolezza che anche se in piccola parte era buono, che non sarebbe mai arrivato ai livelli di cattiveria di Eli. In queste puntate è diventato un’altra persona, attacca Liv accusandola che persone come lei e Fitz si sono sempre servite di individui come lui e Charlie per fare il lavoro sporco. Anche se non si sono mai macchiati le mani, in realtà non sono migliori, sono colpevoli quanto loro. Probabilmente ora Jake vuole dimostrare di essere un leader, che non è la seconda scelta di nessuno.


Jake appare un uomo vendicativo che non riesce più ad essere oggettivo. Per Il nuovo alleato di Cyrus, Olivia merita di andare in carcere per i crimini che ha commesso. La sua posizione sembra giusta, se solo non fosse che sia lui che Cy non sono meno colpevoli di Liv. Inoltre, la Pope in questa puntata sembra essere ritornata quella di una volta, la donna capisce quando è il momento di fermarsi. Pur avendo la possibilità di avvelenare Cyrus e di uccidere Jake, non lo fa.


Dopo che il suo piano è fallito, Liv suggerisce a Mellie di uscire allo scoperto di dire la verità. Per ora ancora non si sa come si risolverà la situazione o come andrà la deposizione di Olivia. Cosa certa è che avranno entrambe il sostegno degli OPA e di Fitz. Non ci resta che aspettare le ultime puntate della serie.


Recensione 7x01
Recensione 7x02
Recensione 7x03
Recensione 7x04
Recensione 7x05
Recensione 7x06
Recensione 7x07
Recensione 7x08
Recensione 7x09
Recensione 7x10
Recensione 7x11
Recensione 7x12
Recensione 7x13
Recensione 7x14
Recensione 7x15

Un saluto agli amici di: Serie tv conceptTelefilmiamo Talk about telefilmMultifandom il mondo che non c'èCinema, movie and popMultifandom.

  Non perdere neanche una notizia! Seguici sulla pagina Facebook o sul nostro Gruppo o su Twitter.
 
Condividi su Google Plus

Articolo di Francesca Baranello

Posta un commento