THE WALKING DEAD: Recensione S06E06 Always Accountable



Giornata intensa per me quella di oggi! Perché? Sono diventata zia per la terza volta, di un altro bel maschione e sono al settimo cielo quindi mi scuserete se sono in ritardo pauroso con la recensione! Auguri a me!!! Ma torniamo a cose serie va…


Regia: Jeffrey F. January
Sceneggiatura: Heather Bellson
Giudizio: 9/10

Con la puntata di oggi ci raccapezziamo anche sulla posizione di Daryl, Sasha e Abraham, perché abbiamo bisogno di sapere dov’è la nostra famiglia. Purtroppo assistiamo ad un attacco massiccio di chissà chi. Saranno gli Wolves? Sarà qualcun altro? Chiunque sia mette a rischio la vita dei nostri e non glielo possiamo perdonare! Per fortuna solo ferite lievi ma sono costretti a separarsi. Daryl finisce nel bosco mentre Sasha e Abraham trovano un nascondiglio in una città lasciando molli chine di pane come Pollicino per farsi ritrovare da Daryl che, nel frattempo sta avendo qualche problemino con tre persone incontrate lungo il cammino.

Ora, CHIUNQUE guardasse questa puntata non solo non ci capirebbe nulla ma
penserebbe anche che è stata una palla. Chiunque lo farebbe. Non io. Perché?
Primo: una puntata pressoché incentrata su Daryl non può mai nella vita essere una palla e non solo perché è il miglior personaggio di sempre.
Secondo: avevano la necessità di farci capire che purtroppo non si può stare così tranquilli e che le minacce sono molte più di una.
Terzo: Abraham che impazzisce NON può far parte di una brutta puntata.
Quarto: le tre domande di Rick. La storia che si ripete. La scelta del metodo di famiglia.
Quinto: La richiesta d’aiuto finale.

Sarò io che sono innamorata, sarò io che non ho le capacità intellettive, sarò io che non ho la capacità cognitiva per ‘lamentarmi’ di questo show ma ragazzi, questa è arte vera, arte pura! Poi vabbè, io sono un pelino di parte. Comunque, parliamo di Abraham che è meglio.
Lui, esattamente come Sasha qualche tempo fa, è fuori controllo. Non riesce a rimettersi in carreggiata il che è l’anticamera della follia. Non si tratta della follia di Morgan della quarta stagione, è una follia più subdola. Abraham non sente niente, non prova niente. Vuole tornare ad avere sensazioni e rischia! Rischia il tutto per tutto e lo fa mettendo a repentaglio la sua vita.
Fin qui non sarebbe nemmeno un problema ma se poi a rimetterci fosse uno dei nostri? E lui lo sa, Sasha lo sa e per questo non potevano scegliere coppia migliore per affrontare il viaggio.

Sasha sta provando ad uscirne e probabilmente è l’unica a poterlo portare
indietro. Sasha è pragmatica, vuole salvarsi, vuole salvare quello che le resta di caro sulla terra, vuole sentirsi parte di qualcosa. Abraham ha perso questa capacità e non ragiona, non pensa a nulla. La dimostrazione lampante di quello che dico è il momento in cui rischia la vita per prendere un lanciarazzi da uno zombie. Non sceglie la via più facile, cioè quella di colpire la testa e, una volta morto, prendergli l’arma. Vuole staccargliela da dosso, senza ucciderlo, col rischio di venire morso o cadere nell’impresa. Questo non è coraggio, è incoscienza. Ovviamente la fortuna gli sorride e lo zombie cade da solo lasciando il razzo penzoloni. Così prende i razzi e trova anche dei sigari.

Daryl. Vogliamo parlare di Daryl? Daryl che è abituato alla solitudine ma che ne è terrorizzato?! Daryl, che tiene la sua moto e la sua balestra come fossero figli. Daryl che fa di tutto per tenere lontane le persone. Daryl, che prova comunque a salvare quelli che lo volevano uccidere o usare come merce di scambio.
Incontra tre persone sulla sua strada che lo catturano ma riesce a scappare. Notando una medicina salva vita torna indietro e li salva da quelli che li stavano cercando che sono gli stessi che li hanno attaccati poco prima. Li salva in più di un modo e prova anche a salvare la deficiente del millennio (piccola nota a margine. Una che incontra due morti ‘chiusi’ in una bara
di vetro e si poggia, delicatamente, sopra i cadaveri non aspettandosi che risorgano COME FANNO DA SEI STAGIONI A QUESTA PARTE non merita di vivere). E loro come lo ripagano?! Rubandogli la moto e la balestra. Per una persona normale sarebbe un vero trauma ma non per Daryl visto che trova un container di benzina proprio nel punto in cui era finito mentre scappava.

La battuta del secolo, con ogni probabilità, è quella dei due sopravvissuti che gli dicono ‘Ci dispiace’ e lui gli risponde, candido, ‘Vi dispiacerà’ perché si, decisamente vi dispiacerà cari miei. Come disse Rick una volta ‘Avete fatto incazzare le persone sbagliate’. Ma la cosa che ho amato di più di questo episodio (se non contiamo la richiesta d’aiuto di cui vi parlerò tra un po’) è stato il fatto che Daryl ha provato il test di Rick. L’ha usato perché li reputava degni di entrare a far parte della famiglia. Voleva che fossero degni. Il problema è che non è oro tutto ciò che riluce e non merita aiuto chiunque lo richieda. Rick l’ha imparato e Daryl lo farà e credetemi, lo faranno anche quei due.

Parliamo un minuto della richiesta d’aiuto. TUTTO il fandom, me compresa, ha
pensato che potesse essere Glenn. TUTTO. Ora, ci sono due problemi. Per prima cosa Norman ha detto che NON è Glenn la voce del finale (grazie amore per massacrarmi le speranze come non ci fosse un domani), secondo poi, se la versione in inglese è poco chiara vi assicuro che quella in italiano lo è eccome. NON E’ GLENN!!! Questa cosa ucciderà un sacco di miei fan (soprattutto Veronica) che sicuramente sperava lo fosse… Niente, non ci diranno MAI più che fine ha fatto ‘sto cristiano oppure ce lo diranno nel midseason finale che non è nemmeno tanto lontano visto che mancano due lunedì.

Con la consapevolezza di avervi ammorbato più del dovuto vi saluto e vi do appuntamento alla prossima settimana con un nuovo episodio. Buonanotte walkers!
 



ATTENZIONE! Stiamo cercando collaboratori che ci aiutino con le news di: Empire, Supergirl, Arrow, The Flash, Hawaii Five-0, Game of Thrones, Homeland, Fear the Walking Dead e Legends of Tomorrow.

Non perdere neanche una notizia! Seguici su Facebook e Twitter.
Condividi su Google Plus

Scritto da MiKyCaRtEr84

2 commenti:

barby ha detto...

secondo me romperanno il cazzo(scusa,passami la licenza,rende meglio detto cosi) anche su negan...ma veramente,se leggi anche i commmenti su cineblog e vari siti,non dovresti guardare più neanche nessun film. titanic oggi verrebbe irriso sulla capacità della gravità che prende vita e pure su leo mezzo effemminato(solo per dire,io stra-amo leo),anche se già si sono scatenati sul fatto che c'era posto sulla porta LOL. fine sarcasm mode.

riguardo la puntata,aspettavo proprio quella in italiano per togliere ogni dubbio,me lo hai distrutto sighhh glenn dev'essere vivo nonostante sia impossibile e impraticabile e impossibile e impraticabile (sorry).ci stanno buggerando,come ci prendono in giro su chi morirà,e dopo le parole di abraham tremo per lui,è un idolo-caso chiuso. la sua voglia di sentirsi vivo la comprendo benissimo.

su deryl,secondo me devono rivedere il criterio di scelta,lui e rick, per reclutare gente: è una cosa che non ho mai capito,le domande sono fini a se stesse,come si è visto,ma è anche vero che se uno vuole ti può fregare comunque.è ardua la vita in quel mondo e non per gli zombie...io pensavo che quei tre,anzi due,volessero infiltrarsi dopo che deryl gli parla di alessandria,mi sarebbe piaciuto molto ma poi avrebbero dovuto anticipare le cose che tutti nei fumetti conoscono... quella moto farà poca strada-cit CHE BARBA CHE NOIA CHE NOIA CHE BARBA ECCHECAZZZZZZZZ ma un colpo de sonno quando scrivono non gli viene mai?

MiKyCaRtEr84 ha detto...

In realtà lui parla di comunità, non di Alexandria, purtroppo o per fortuna non dice loro dove si trova la sua comunità... Boh, secondo me la moto farà la fine della balestra di qualche stagione fa. Quando gliela rubano e la ritrovano a culo xD