THE WALKING DEAD - Norman Reedus parla di Daryl e del season finale (Negan compreso)


Le testate The Holliwood Reporter e Deadline hanno intervistato Norman Reedus riguardo il finale terribile e shockante della scorsa puntata (6x15 "East"): Daryl è davvero morto? Cosa succederà nel finale di stagione? Come sarà l'arrivo di Negan? E poi, come reagirà il leader, Rick, una volta scoperto che cinque dei suoi non sono ancora rientrati tra le mura di Alexandria?



Norman è molto chiaro: "il sangue che avete visto è quello di Daryl". Non ci è dato sapere se è stato ferito alla spalla o altrove, ma sicuramente è stato ferito. Prosegue: "Dwight sa quando Daryl si sta avvicinando, e che se si avvicina non è per un chiacchierata. Se Daryl gli sta attorno è per attaccarlo, per ucciderlo". Ovviamente l'attore non può confermare o meno che il suo personaggio sia stato ucciso, ma senza ombra di dubbio è stato ferito. Fortunatamente per noi, ad un certo punto, qualcuno parlerà di quello che è accaduto a Daryl, sicuramente gli hanno sparato e vedremo esattamente come sono andate le cose [resta solo da sperare che ce lo mostrino nel season finale, non possono lasciarci così fino a Ottobre :O]. THR gli ha chiesto, nel caso Daryl fosse davvero morto, se sarebbe contento del modo in cui abbandonerebbe lo show e Norman, ridendo, afferma che non potrebbe mai esserne contento: "tutti i personaggi della serie hanno ancora molto da raccontare e negli ultimi due o tre anni si è focalizzata l'attenzione soprattutto su alcuni di loro. Non potrei dire di essere contento in nessuno caso. Non dico che non lo capirei, ma avete visto cosa è successo - gli hanno sparato, è il suo sangue quello sullo schermo" [sì Norman abbiamo capito, non c'è bisogno che ci accoltelli così nella schiena ogni due parole ='(]. Prosegue dicendo una cosa ancora più sconvolgente e cioè "dovete davvero preoccuparvi per Daryl". Le ultime parole di Dwight potrebbero essere riferite a chiunque, a Rosita, Glenn e Michonne per esempio, oppure ad un altra persona che arriva subito dopo. "Vi abbiamo buttato lì questa battuta per farvi rimuginare" [grazie davvero -.-]. Molti fans, a questo punto, pensano che sia lui la persona che Negan ucciderà nel prossimo episodio; altri lo dicono di Maggie; altri ancora di Glenn; "insomma ci sono teorie di questo genere su ogni personaggio, e sicuramente qualcuno avrà fatto centro", ma dobbiamo aspettare Domenica 3 Aprile per sapere chi di noi aveva ragione. Dwight è un personaggio interessante: se davvero sapeva che Daryl lo stava inseguendo, perchè non lo ha ucciso prima? "Sarebbe la domanda giusta per Scott Gimple. Qui noi stiamo raccontando due storie. Abbiamo visto cosa è successo alla faccia di Dwight e sappiamo per colpa di chi [Negan lo ha punito per aver abbandonato il gruppo]. Probabilmente Daryl ha visto in lui uno spiraglio per poterlo aiutare ad uscire dalla miseria, per riabilitarsi. E Dwight ha visto qualcosa in lui dopo la chiacchierata che

hanno fatto nel sesto episodio, in cui Daryl gli chiedeva chi volesse essere, se voleva ritrovarsi ad essere qualcuno che si inginocchia ma senza sentirsi al sicuro. Daryl ha sbagliato a pensare che poteva portare Dwight e le sue compagne ad Alexandria, e questo sbaglio ha finito per fargli male. E in questo mondo non puoi permetterti certi errori, perchè se ti si ritorcono contro sei morto" [speriamo non nel senso letterale del termine in questo caso specifico]. Norman parla poi di Negan dicendo che a lui non importa di aver ucciso altre persone, la sua logica è chiara e pulita: tu hai ucciso i miei uomini quindi io ti faccio fuori. Negan è un po' la star del suo film personale. "L'ultima puntata sarà la più intensa che abbiate mai visto nello show. Da sempre. E' stata diretta magistralmente da Greg Nicotero ed è anche stata recitata molto bene. E' terrificante. E' straordinaria. Tutti i nostri sforzi si sono compiuti nel realizzare questo che sarà il miglior episodio girato dello show". L'episodio riprenderà dal punto in cui lo abbiamo lasciato. THR gli ha infine chiesto le reazioni che hanno avuto leggendo il copione, "be' Andy [Andrew Lincoln a.k.a. Rick] è arrivato tardi al lavoro perchè è rimasto alzato tutta notte a leggerlo, Josh [Joshua McDermitt a.k.a. Eugene] ha lanciato via il copione, Lauren [Lauren Cohan a.k.a. Maggie] ha vomitato. Io ero super curioso e ciò che succederà ti fa stare male, sarà doloroso" [okey non so davvero se sarò pronta per questa puntata, sono terrorizzata!].

Alla testata Deadline, Norman racconta di come è rimasto senza parole per un'ora dopo aver visto il taglio netto dato alla scorsa puntata, con quelle tre parole di Dwight buttate sulla schermata nera: "you'll be alright" (cioè "starai bene"). Gli viene fatto notare il fatto

che di recente è stato impegnato in molti progetti (tre film e una serie di sei episodi, in onda prossimamente, sulla cultura motociclistica) e gli hanno chiesto se il motivo è che sta per lasciare The Walking Dead. Norman ripete che non può dirci cosa ne sarà del suo personaggio e che di recente ha lavorato davvero molto quindi capisce come può sembrare. Inoltre, Daryl è un personaggio originale della serie, nel senso che non è presente nei fumetti, quindi questo potrebbe voler dire che è un personaggio precario; ma come ben sappiamo tutti "nello show tutti i personaggi sono precari. Rick potrebbe andarsene e Andrew lo sa. Tutti coloro che fanno questo mestiere sanno che c'è l'eventualità di dover abbandonare. Anche perchè il fumetto non ha un riscontro completo nella serie, molte cose sono diverse, ad esempio ci sono personaggi nel fumetto che nello show non sono più vivi" [Andrea per esempio, che per altro ha una storia con Rick... orrore!]. Con l'arrivo dei Saviors e di Negan, gli equilibri cambiano: non è più una guerra uomo vs mostro, ma più una battaglia per decidere quali sono i buoni e quali i cattivi. In effetti gli zombie ultimamente vengono lasciati un po' sullo sfondo: sappiamo che ci sono, sono sempre lì, sempre presenti, ovunque; ma il vero focus è posto nelle relazioni tra le varie comunità: sono tutti sopravvissuti e dovrebbero aiutarsi per la causa comune, invece di scannarsi a vicenda, diamine! Ma la legge della natura è così, e anche l'uomo deve risponderne. In conclusione, Mr Reedus ha spiegato perchè, secondo
lui, The Walking Dead continua ad essere una serie di successo: "abbiamo creato delle vere relazioni tra di noi sul set, e tutto questo risuona nel pubblico, le persone lo percepiscono e si sentono più connesse con la serie e più coinvolti nella storia che
riguarda i personaggi. Per me è molto divertente vedere le puntate e rendermi conto che il modo in cui Daryl e Glenn parlano è identico a quello di Norman e Steven. Sapete ci sono delle parole chiave che Glenn pronuncia in questa puntata, come ad esempio l'enfasi sul termine 'home' [casa], che mi colpiscono personalmente perchè per me Steven, e tutti gli altri, sono davvero una famiglia. Penso che il modo in cui i personaggi interagiscono è da sempre il motivo per cui questa serie ha successo".


Alle prossime news!
Daria


Fonti: THR, Deadline
Affiliate: The Walking Dead ItaliaThe Walking Dead Fans Mania ItaTelefilm LoversTelefilm film music and moreSeries GenerationHorror ItalyMultifandom is a way of life, Fantasy ItaliaAndrew Lincoln ItalyCaryl ItaliaMultifandom.


SE VOLETE COLLABORARE CON NOI SCRIVETECI! - Collabora con noi!

Non perdere neanche una notizia! Seguici su Facebook e Twitter.
Condividi su Google Plus

Scritto da Daria Schiavolin

0 commenti: