MR. ROBOT - Il creatore ci parla dell'assurda sequenza iniziale





Ora che Mr Robot è a metà della seconda stagione, i telespettatori si sono abituati allo stile cinematografico unico di Sam Esmail. I fotogrammi saranno più vuoti, la colonna sonora più tranquilla, ma c'è da dire che nessuno si aspettava la svolta visiva avvenuta con “eps2.4_m4ster-s1ave.aes,” che sorpassa l'episodio dell'astinenza da morfina dell'anno scorso in termini di pazzia.

Se non avete visto l'episodio più recente di Mr Robot smettete di leggere ora...

Perchè dobbiamo parlare della faccenda della sitcom. Nel tentativo di preservare Elliot dal grave pestaggio di Ray, Mr Robot ha preso il suo alter ego più tranquillo, lo ha messo in un mondo più bizzarro, completato con risate in sottofondo e con un cameo da parte del secondo extraterrestre più famoso degli anni 80, Alf.


Ma come ci spiega il creatore Sam Esmail, il seme originale dell'idea è venuto da un posto di logica e ricerca, mescolando tutto con un po'di pazzia.

Dopo la rivelazione del vero lavoro di Ray e della sua vera natura, Elliot è in pessima forma come non era mai stato fin dall'astinenza. Mr Robot ha creato la sitcom come meccanismo di difesa per nascondere la mente di Elliot in un posto felice. "Lo scopo era mostrare i benefici di avere un alter ego" spiega Esmail, "tu hai visto la parte negativa. Non puoi disfarti di me nemmeno se lo vuoi, non puoi controllarmi, ma c'è un lato positivo nell'avermi intorno." Secondo Esmail, questa tecnica deriva dall'esperienza di persone che soffrono di un disordine dissociativo dell'identità.

Perciò la domanda per gli autori è diventata: Quale potrebbe essere un posto tranquillo per Elliot? Per rispondere a questo, Esmail ha preso spunto dai suoi ricordi d'infanzia, quando sulla ABC davano un gruppo di programmi chiamati TGIF (Thank God It's Friday, "grazie al cielo è venerdi)  che comprendeva delle sitcom notturne come Balki e Larry - Due perfetti americani, Gli amici di papà e Otto sotto un tetto. "Ricordo di essere stato invidioso di quelle famiglie in quelle sitcom perchè, anche se avevano dei piccoli conflitti ogni settimana, riuscivano sempre a risolverli "dice Esmail. "Tutti si amavano l'un l'altro, la vita era molto più semplice. Ogni casa sembrava carina e aveva tutto ciò di cui avevi bisogno, per questo motivo Elliot va in quel posto".

Concepire lo scenario è una cosa, girarlo è un'altra. Dovendo dirigere ogni episodio, Esmail ha dovuto imparare velocemente le tecniche della sitcom. Per questo si è rivolto a Blair Breard, produttore di Horace and Pete, una webserie statunitense. Il team di produzione di Mr Robot ha montato uno schermo verde, ha costruito l'interno e l'esterno di una finta pompa di benzina e mettere come sonoro quello di una comedy della durata di mezz'ora. Non era garantito che fosse credibile come una vera sitcom, ma il cast ce l'ha fatta. 

"Onestamente, ho pensato che avremmo dovuto faticare un po' perchè lo stile delle sitcom è molto diverso, ma alla fine abbiamo raggiunto l'obiettivo. E' stato molto divertente, soprattutto per Christian, che è stato fantastico", ha detto Esmail.

E poi c'è Alf. Per lo scioccante cameo, il marionettista che dà anche la voce al pupazzo, Paul Fusco, ha ripreso il ruolo dalla serie originale, anche se in questo caso è difficile separare colui che recita dalla sua performance. "Alf è fantastico", ha scherzato Esmail, "a volte può essere offensivo, esigente, ma ne vale assolutamente la pena."

Fonte: Ew 


Un saluto alle affiliate:




SE VOLETE COLLABORARE CON NOI SCRIVETECI! - Collabora con noi!
Stiamo cercando RECENSORI e newsers per AMERICAN HORROR STORY, EMPIRE, HOMELAND, LEGENDS OF TOMORROW, ORPHAN BLACK, DOCTOR WHO e le altre serie.


Non perdere neanche una notizia! Seguici su Facebook e Twitter.
Condividi su Google Plus

Scritto da Chiara F74

0 commenti: