FEAR THE WALKING DEAD - Dave Erickson abbandona la serie


Dave Erickson, lo showrunner di Fear The Walking Dead, che ha sviluppato la serie insieme al creatore Robert Kirkman, ha deciso di abbandonare lo show per dedicarsi ad un altro progetto sulla AMC.






Il presidente della AMC e della Sundance TV ha dichiarato:
Siamo infinitamente grati a Dave per il meraviglioso lavoro svolto con le prime tre stagioni di 'Fear the walking dead'. Con lui come showrunner la serie ha ampiamente mantenuto la parola di espandere in modo creativo l'universo di 'The walking dead' in un modo totalmente unico rispetto alla serie principale, fino a diventare la serie numero 2 della tv via cavo dietro solo alla stessa 'The walking dead'. Siamo molto contenti del fatto che Dave ha scelto di restare alla AMC per il suo prossimo appassionante progetto. Non vediamo l'ora di avere con lui altre collaborazioni di successo.
Erickson ha lavorato precedentemente per Sons of anarchy targato FX, Low winter sun della AMC e Marco Polo per Netflix. Non è ancora stato scelto il suo sostituto nella serie FTWD, e nemmeno è stata annunciata la data di messa in onda della terza stagione, che però avverrà in questo 2017. Quello di Erikson non è l'unico cambiamento, qualche giorno fa infatti abbiamo saputo che Daniel Sharman è stato aggiunto al cast (ne abbiamo parlato QUI).


Che ne pensate di questa notizia? Io ci sono rimasta male, sono una grande fan del lavoro di Dave Erickson. Spero soltanto che, chiunque prenda il suo posto, sia all'altezza dei progressi che questa serie sta facendo e che possa valorizzarla ancora di più.

Alle prossime news!
Daria


Fonte: TV Guide
Photo credit: i diritti delle immagini presenti nell'articolo vanno ai legittimi proprietari

Affiliate:


SE VOLETE COLLABORARE CON NOI SCRIVETECI! - Collabora con noi!
Stiamo cercando RECENSORI e newsers per EMPIRE, HOMELAND, LEGENDS OF TOMORROW, ORPHAN BLACK. ARROW, SUPERGIRL e le altre serie.


Non perdere neanche una notizia! Seguici su Facebook e Twitter.
Condividi su Google Plus

Articolo di Daria Schiavolin

Posta un commento