PRISON BREAK - Robert Knepper ci parla del revival





Dovete riconoscere un merito a Robert Knepper: non è facile interpretare un uomo con una mano sola per tre stagioni e poi cambiare.

Nel ruolo di Theodore "T-Bag" Bagwell, tra i più spietati e determinati killer della serie "Prison Break", l'attore ha sostenuto molte sfide, entrando e uscendo da numerose prigioni di massima sicurezza e commettendo svariati omicidi durante la sua fuga attraverso l'America e riuscendo nel frattempo a guadagnarsi la simpatia del pubblico, persino dopo aver cannibalizzato un vecchio amico nel bel mezzo del deserto.

Ma tutto questo non era niente per T-Bag al confronto della perdita della sua mano sinistra, nel momento più importante del finale della prima stagione, una svolta sanguinosa che ha posto le basi per alcuni dei momenti più memorabili di alcuni personaggi - inclusa un'operazione di  rudimentale riattaccamento della mano nello studio di un veterinario e la successiva rimozione della stessa alcuni episodi dopo.


Quando la serie ritornerà, il 4 aprile, invece, T-Bag avrà di nuovo il suo arto, infatti nei trailer che si sono susseguiti, il personaggio ha una nuova mano cibernetica e perfettamente funzionante, segno che i tempi sono cambiati fin dal debutto dell'improbabile serie nel 2005. E ancora, è anche un riflesso di come le cose siano rimaste le stesse, con lo show che ce la mette tutta, nonostante quanto sia duro il cammino.

A poche settimane dalla premiere della quinta stagione, Knepper ha parlato con Hollywood Reporter della sua avventura in Prison Break, di come il suo lavoro in questi anni abbia influenzato la sua visione dei suoi compagni a Fox River, i suoi ricordi della notte in cui T-Bag perse la mano e il sorprendente successo della serie dopo tutti questi anni.

Prison Break ha finito il suo primo ciclo nel 2009, quali sono i tuoi ricordi del momento in cui hai smesso di interpretare T-Bag? Hai mai avuto il sentore che un giorno saresti tornato di nuovo in quei panni?

Voglio rispondere in due modi diversi: per l'ultima parte della domanda, ricordo di aver fatto una passeggiata dopo aver finito le riprese. Eravamo in un centro di detenzione giovanile in un liceo in cui T-Bag era stato incarcerato, anni prima e i ragazzi mi hanno chiesto se volessi un passaggio sul furgone fino al campo base. Ho risposto di no, che volevo fare una passeggiata e così ho fatto. Non c'era nessuno nei paraggi, era una bella giornata, il vento soffiava tra gli alberi, era tutto molto tranquillo, niente di caotico. Ho sentito questa voce dentro di me che diceva che non avrei mai più interpretato un prigioniero, poi ho ripensato ad Humprey Bogart e James Cagney e mi sono detto "fino alla prossima volta". Poi ho ripreso il ruolo ne "I signori della fuga" e quella era la prima volta che un personaggio di Prison Break finiva in una nuova serie. Quando Paul Scheuring (il creatore di Prison Break) mi ha chiamato all'inizio dell'anno per la quinta stagione, gli ho detto "Dai al personaggio qualcosa di nuovo, assicuraci che abbiamo qualcosa di nuovo", e così ha fatto. Ha dato nuovo materiale a molti dei personaggi insieme a qualcosa di vecchio, ed è stato fantastico.

L'altra risposta è questa: a Novembre e Dicembre ho avuto la fortuna di lavorare in un film per Investigation Discovery intitolato "The Dating Game Killer", ma non ero io il killer ma un tizio chiamato Rodney Alcala. Lui è ancora vivo, nel braccio della morte, è uno dei più prolifici, sennò il più prolifico serial killer in America. In qualche modo era sfuggito ai controlli, è arrivato allo show The Dating Game e a quel punto aveva già ucciso numerose donne, ma fu scelto tra tre concorrenti per essere colui che sarebbe uscito con la ragazza. Purtroppo, nel backstage, finite le registrazioni, lui la fece arrabbiare e gli disse di no, ragion per cui non fu uccisa. Ma lui quella notte andò in una discoteca, prese qualcuno e lo uccise. Rodeny era interpretato da Guillermo Diaz, io interpretavo il detective che gli dava la caccia, è stato fantastico interpretare quello che dava la caccia ad una specie di "T-Bag", portare il personaggio nel passato. Quale persona sarebbe stata più adatta per il ruolo di cacciatore di colui che una volta era la preda? Mi ha fatto ripensare al mio ruolo e chiedermi come avessi fatto per tutti quegli anni ad essere sempre un passo avanti alla legge. 

E' facilissimo immaginare T-Bag in uno show di appuntamenti galanti.

(Ride) Totalmente! Lui sa essere molto affascinante, proprio com'era Rodney, e sarebbe stato scelto. Mia moglie ed io ci scherzavamo su quando Prison Break era in onda. Come facevi a non essere attratta da T-Bag quando passava per strada? Quando ho incontrato John Walsh, il conduttore di America's Most Wanted agli upfront della Fox, è venuto da me a dirmi che amava tantissimo T-Bag, ma che dovevo dire ai miei autori, che, qualunque cosa facesse, sarebbe rimasto sempre un predatore. Io gli ho risposto che sicuramente lo sapevano e lui ha aggiunto che T-Bag era proprio il tipo di personaggio che cercava di inchiodare. 

In passato, hai parlato di T-Bag come di un animale. Considerati gli anni che sono passati, pensi che lui sia ancora così o sarà più umano?

Probabilmente è ancora così. Per tutti noi, ma probabilmente anche per me, perchè quel tipo era un killer , se qualcuno gli avesse detto qualcosa di sbagliato, lo avrebbe ucciso. Adesso invece c'è qualcosa di più profondo, lui ci pensa alle cose, ma non voglio svelarvi niente, è bello avere un po'di sorpresa. Molta trama del mio personaggio non è ancora venuta fuori, ma penso che lo troverete a combattere i suoi demoni più che nel passato. Prima avrebbe ucciso qualcuno senza batter ciglio, ora ci penserebbe meglio, perchè ci sarebbero delle conseguenze. 

Qualcosa però la sappiamo, e cioè il ritorno di "una " mano , enfatizzando su "una" perchè la mano originale ovviamente non potrà più riaverla. La mancanza di quest'arto è stato un aspetto importante dell'esperienza di T-Bag, ora che ce l'ha di nuovo, cosa cambierà per lui?

Ricordo che quando sono passato da Prison Break ad Heroes ho pensato "wow, ho di nuovo la mano sinistra, non ce l'avevo da quattro anni,ho fatto tutte quelle cose divertenti che normalmente si fanno senza pensare". Vedrete, ci saranno dei momenti divertenti quando scoprirò di avere di nuovo una mano.

Ti ricordi quando l'aveva persa la prima volta? E' accaduto nel finale della prima stagione, quando gli Otto di Fox River stavano scappando. Lui si ammanetta a Michael per rimanere parte della fuga, e a quel putno John Abruzzi gliela taglia. Cosa ti dissero gli autori a proposito di questa cosa?

Crescendo, non mi era permesso guardare la tv, perchè mio padre la odiava, per cui ne guardo sempre poca, il che è ironico, visto il mio mestiere, ma credo che fosse stato Paul ad avere l'idea. Io gli chiesi se era mai accaduto in tv, se la risposta era no, allora lo avrei fatto. Lui mi rispose chiedendomi quale mano avrei voluto che mi tagliassero. Ci ho pensato su e ho deciso per la sinistra, essendo destrorso, non sai mai quanto a lungo durerà uno show, c'è sempre speranza, ma non puoi saperlo. All'epoca della prima messa in onda fortunatamente non avevo tatuaggi, perchè non avevo ancora visto il pilot e non sapevo di tutti quelli che Michael (Wentworth Miller) aveva sul suo corpo per elaborare la fuga (ride). Poi ho pensato che, se ne avessi uno, sembrerei un duro. Per questo motivo, sul dito medio della mano sinistra, mi incisi "XO XO XO XO", ma fareste molta fatica a vederlo. Io (il mio personaggio) se lo fece dopo che non funzionò con Mrs .Hollander nella seconda stagione. Il significato era "amore e baci, amore e baci, amore e baci, fottiti", col dito medio alzato. Quando ho deciso di tagliarmi la sinistra non mi ricordavo di questa cosa, e ormai era sparito, ma per un po'mi aveva fatto sentire un duro.

Ti ha aiutato sapere in anticipo della perdita della mano? Non si trattava solo di quello, ma anche di un potente ricordo. 

C'erano molti ricordi insieme in ogni momento, non lo dimenticherò mai. Faceva tantissimo freddo il giorno che girammo quella scena. Wentworth ed io eravamo ammanettati, e Kevin, il regista dell'episodio, disse" Ecco come stanno le cose, tu stai per essere sbattuto contro il tettuccio della macchina. Le tue mani sono lì, Peter Stormare è lì e sta per sopraffarti. Poi ha chiesto a Peter come fosse la sua mira e se pensava di poter colpire tra le due mani". Credo che Wentworth disse" Assolutamente no, non esiste che lui ci colpisca". Ma quella era l'idea originale. "Staremo bene, hai buona mira, andrà tutto bene"!

Ho amato quella scena e i momenti successivi, quando Teddy correva nella foresta, in una notte nebbiosa, trascinandosi dietro la sua mano e gli strazianti suoni che uscivano dalla mia bocca. Sai, ho imparato tanto tempo fa che l'immaginazione è potente e devi arrenderti ad essa, altrimenti come la interpreti una scena così? E come ti prepari a ricucirti la mano senza anestetico? Usando l'immaginazione, dipende tutto da quello.

Cercando di descrivere una serie come "Prison Break", la prima parola che ti viene in mente è "improbabile", dato che il titolo mantiene la promessa alla fine della prima stagione, con l'evasione degli Otto di Fox River. Dopo cosa può succedere? Eppure, non solo è andata avanti, ma è stato girato anche un film, tu hai ripreso il tuo ruolo ne "I signori della fuga" e ora ci sarà una quinta stagione. E' una storia di un successo improbabile, come se lo spiega?

Fratello, mi hai beccato. Non sono sicuro, quello che penso è che il mondo era specifico. Dai miei studi di recitazione anni fa, ricordo che George Bernard Shaw disse "Lo scrittore scrive per se stesso e il mondo lo sente." Nella storia, quando ne scrivi una, che sia un romanzo, un film o per la tv, se il tuo mondo è molto specifico, allora avrai grandi sfumature, crei dei temi. Guardi gli show che lo hanno già fatto e lo fai, arricchisci i mondi e i personaggi, puoi andare in tante direzioni. Sto pensando al Trono di Spade per esempio, può accadere solo perchè il mondo stesso è così specifico. E' la mia unica sensazione. E poi, parlando semplicemente, si parlava di evasione, scusate il gioco di parole, di cui tutti noi abbiamo bisogno di tanto in tanto.



Un saluto alle nostre affiliate:











SE VOLETE COLLABORARE CON NOI SCRIVETECI! - Collabora con noi!
Stiamo cercando RECENSORI e newsers per EMPIRE, HOMELAND, LEGENDS OF TOMORROW, ORPHAN BLACK. ARROW, SUPERGIRL e le altre serie.


Non perdere neanche una notizia! Seguici su Facebook e Twitter.
Condividi su Google Plus

Articolo di Chiara F74

0 commenti: