STAR TREK: DISCOVERY - Recensione 1x14 "The War Without, The War Within"


La prima stagione di Star Trek: Discovery sta per volgere al termine e lo capiamo abbastanza bene da questo penultimo episodio, meno dinamico e più riflessivo, ma non per questo negativo. Diretto da David Solomon (Buffy The Vampire Slayer, Once Upon a Time) e scritto da Lisa Randolph (The Wolf Inside), il quattordicesimo episodio, intitolato "The War Without, The War Within", ci riproietta nella trama principale della serie, dopo un'esplosiva parentesi nell'universo dello Specchio. La USS Discovery è ritornata a casa, anche se nove mesi più tardi e come previsto le cose saranno molto diverse per l'equipaggio.


-Spiegazioni: L'episodio si apre con Saru che va ad accogliere Burnham in sala teletrasporto, ignaro che lei non sia sola. Alla vista dell'Imperatrice Georgiou lui si rivolge a lei come al suo defunto capitano. Lei lo tratta con disprezzo, come se fosse uno dei suoi schiavi. Burnham cerca di spiegare la situazione e Georgiou fa riferimento anche al fatto di aver cenato con carne Kelpiana. Saru capisce che Burnham gli ha mentito sulla sorte del suo popolo nell'altro universo e fa' teletrasportare Georgiou nella sala degli ospiti, ordinando che la sua presenza sia secretata. Intanto Saru viene convocato in infermeria e lui invita Burnham a seguirlo. Lei spiega a Saru che ha salvato Georgiou in parte perchè avrebbe aiutato capire un po' di più del suo universo, ma in realtà non se la sentiva di perderla per la seconda volta. Saru afferma che il suo gesto potrebbe risultare in un errore di giudizio ma al tempo stesso soltanto lei poteva portare a termine la missione. Poi la informa che dal comando di Flotta non arrivano risposte e che aveva chiesto di essere avvertito qualora Tyler si sarebbe ripreso, spiegandole dell'intervento fatto da L'Rell. Il medico li raggiunge, dicendo che si è svegliato e Saru consiglia a Burnham di parlargli, per accelerare la sua guarigione, ma lei si rifiuta, dato il carico emotivo che deve sopportare.


-Trauma: Il dottore informa Saru che ora Tyler è se stesso e che il suo metabolismo è totalmente umano, non presentando tracce Klingon. Ciò non da' una chiara risposta sulla sua natura, non senza una comprensione attenta del processo attuato da L'Rell e sarebbe utile chiedere a Tyler quanto più possibile al riguardo. Così il Kelpiano va da Tyler e lui spiega che può accedere ai ricordi di Voq, ma vi è come una disconnessione da questi, come se guardasse la vita di qualcun'altro. Lui dice di ricordare che cosa gli è stato fatto: il protocollo di riassegnazione della specie, volto ad infiltrare agenti nella Flotta Stellare. Voq era il primo test e lui ha assistito alle varie dolorose fasi dell'intervento, a cui si è volontariamente sottoposto per la sua causa e per l'amore verso L'Rell. Poi lui chiede a Saru se Burnham è viva e lui risponde di sì, suggerendogli di concentrarsi sulla sua guarigione. Il tenente è sconvolto per le azioni da lui commesse, ma Saru sostiene che è stato Voq a farlo e che lui non vede alcun segno della sua presenza di fronte a lui. Ciononostante i privilegi di Tyler sulla nave sono stati limitati e la sua libertà non verrà in alcun modo intaccata.


-Strana accoglienza: Intanto una nave federale si avvicina verso la Discovery, con le armi attive. A un tratto un team sale a bordo con le armi puntate sull'equipaggio della Discovery, dando il via libera ad altri due ospiti: l'ammiraglio Cornwell e Sarek. L'ammiraglio punta il phaser su Saru e dopo aver chiesto dove sia Lorca, assume il controllo totale della nave. Poi ordina a Sarek di effettuare una fusione mentale su Saru e una volta fatta il Vulcaniano conferma che sono il vero equipaggio della Discovery e Cornwell viene a sapere da Burnham che Lorca è morto.


-Status quo: L'ammiraglio Cornwell apre una riunione speciale assieme a Sarek, Burnham, Saru e Stamets. Lei non credeva che Lorca fosse un impostore, come Sarek, il quale sostiene che ha ingannato tutti. Cornwell afferma di aver visto i detriti della Discovery nove mesi prima, distrutta dai Klingon, ma Saru conferma che si trattava della versione dello Specchio, che aveva preso il posto della principale nel momento in cui sono entrati. L'ammiraglio ritiene che il vero Lorca sia morto, dato che lo Specchio è tutt'altro che ospitale. Il loro ritorno porta un'enorme vantaggio tattico nella guerra, grazie all'algoritmo elaborato per oltrepassare l'occultamento, ma la situazione è ben più grave del previsto: in nove mesi la Flotta Stellare ha perso un terzo delle navi e svariate stazioni e colonie sono stati distrutte. Burnham nota che i loro attacchi non hanno una logica e Sarek sostiene che sia a causa dell'assenza di un vero leader nell'Impero Klingon, per cui ogni casato combatte per conto proprio, in una lotta alla supremazia. Cornwell ordina subito che la Discovery ritorni alla base stellare 1 e che ogni informazione sullo Specchio venga cancellata, dato l'elevato rischio che comporta la conoscenza di questo universo (ciò spiega perchè Kirk nel famoso episodio della serie originale non ne sapesse nulla), come rivedere persone ormai morte. Stamets spiega che non possono saltare, dato che la scorta di spore si è esaurita e purtroppo non resta che utilizzare la curvatura. Burnham invita l'ammiraglio a seguirla e le presenta l'Imperatrice Georgiou, a cui chiede di darle delle risposte. Lei vuole soltanto tornare a casa, ma Burnham propone di chiedere l'asilo politico, visto quello che ha passato. Cornwell suggerisce di portarla alla base stellare, in attesa di stabilire quale è la cosa migliore da fare e ordina di fare in modo che sia a suo agio.


-Ritorno difficile: Tyler esce dall'infermeria e incontra Stamets, al quale dice di essere davvero dispiaciuto per quello che è successo, anche se le parole non bastano. Stamets reagisce male e gli dice che ha ucciso una brava persona, che lui amava e che se ciò gli fa male, lo renderebbe forse più umano. Poi si dirige in sala mensa e si siede al suo posto, osservato da tutti. Tilly lo nota e si siede accanto a lui e lei lo invita a mangiare e a fare una chiacchierata insieme e alla fine, anche altri ufficiali si uniscono a loro, dandogli il bentornato.


-Il nemico è alle porte: La Discovery arriva alla base stellare, ma non riescono a stabilire un contatto e Saru inizia ad avere paura. L'ammiraglio chiede di mettere la base sullo schermo e vede che essa è stata distrutta dai Klingon, in particolare dal casato D'Ghor, e ciò significa che loro sono molto vicini alla Terra. Cornwell ordina di allontanarsi subito per evitare di essere visti e va in prigione, per fare visita a L'Rell. Cornwell dice di essere contenta che sia sopravvissuta e L'Rell afferma che T'Kuvma si sbagliava sugli umani e sul loro coraggio. L'ammiraglio le spiega che il suo popolo sta vincendo la guerra e che ora quel sogno di unità a cui tanto aspiravano si è tramutato in un massacro gratuito perpetuato da singoli casati. L'Rell afferma che ciò è necessario per preservare la loro identità e Cornwell dice che nessuno vuole distruggere la loro cultura e che T'Kuvma era un folle a pensare questo, chiedendole che cosa vuole davvero il suo popolo. L'Rell dice che la guerra non finirà, almeno che loro non vengano conquistati.


-Consigli estremi: Burnham aggiorna Georgiou sulla base distrutta e che dovrà restare di più sulla nave. A lei sembra non importare e Burnham le conferma che non le sarà fatto alcun male. Georgiou le chiede del suo rapporto con Sarek e lei spiega che l'ha cresciuta. Georgiou si stupisce del fatto che fosse orfana anche nel suo universo e Burnham le chiede un consiglio su come finire questa guerra, che lei afferma di avere iniziato, vista la sua conoscenza in campo bellico. Lei le chiede perchè l'abbia portata in questo universo e Burnham sostiene di averlo fatto per mostrarle il suo mondo, ma in realtà Georgiou dice che l'ha fatto per non perderla di nuovo, un tratto che mostra la sua debolezza. Alla fine afferma che i Klingon sono un popolo continuamente diviso e che per annientarli bisogna colpire alla loro fonte.


-Il piano: Così Burnham propone a Cornwell un piano per distruggere i Klingon, che lei presenta subito al comando di Flotta: attaccare Qo'nos, pianeta natale dei Klingon. In particolare modo i loro bersagli saranno le installazioni militari e le difese planetarie, che li costringerebbe a ritirarsi. Il comando non è d'accordo e invita la Discovery ad unirsi a loro per difendere la Terra. Sarek afferma che le loro tattiche non bastano più e che devono adattarsi se devono sopravvivere. Il comando dice che la loro strategia è inutile senza avere una mappa del pianeta e l'atmosfera densa di Qo'nos non consente analisi dettagliate, ma Cornwell sostiene che la nave non sarà in cielo. Burnham espone il piano agli ufficiali: Qo'nos presenta una serie di vulcani sotterranei dormienti e alcuni di loro potrebbero ospitare una nave come la Discovery, permettendo loro di mappare il pianeta dal suo interno. Saru afferma che è un salto rischioso da compiere e che non hanno le spore per farlo, ma Stamets sembra essere in grado di compierlo e chiede una piccola deviazione nel sistema Veda. Infatti lui e Tilly stanno sperimentando un modo per terraformare la luna di Veda per poter coltivare le spore in grande quantità.


-Proposta: Sarek va a trovare Georgiou nel suo alloggio e la invita a non fare paragoni con la sua Burnham, chiedendole perchè lo ha convocato. Lei sostiene di voler aiutare loro a finire questa guerra e Sarek afferma che le informazioni fornite a Burnham si sono rivelate utili. Ma lei ha svelato solo quanto fosse più sopportabile, mentre in verità nel suo universo Qo'nos è praticamente inesistente e che i Klingon rimasti lottano per sopravvivere. Il loro piano si rivelerà utile, ma solo per qualche tempo, dato che si riuniranno per distruggere la Federazione in maniera definitiva. Così lei propone di mostrare loro come metterli in ginocchio per sempre e Sarek afferma che le tattiche dell'Impero Terrestre non sono proprio condivise. Georgiou chiede se sarebbero disposti a tutto per non farsi annientare e fa' una proposta indecente al Vulcaniano: la sua libertà in cambio della vittoria della Federazione.


-Amare il nemico: Sarek informa Burnham che deve urgentemente tornare su Vulcano per discutere delle importanti questioni. Lui le svela che durante la fusione con Saru, ha visto il suo affetto per Tyler e la verità su di lui, notando che questo l'ha scossa molto. Lei dice di sentirsi bene, ma lui vede l'ironia della situazione, dato che non vi è mezzo migliore alla pace se non amare il proprio nemico. Burnham sostiene di aver fatto delle scelte sbagliate e Sarek le dice che le ha fatte perchè è umana e che ciò non è tanto anomalo:

"There is no telling what any one of us may do where the heart is concerned. We are at war. Logic dictates that each farewell may be our last. Do not regret loving someone, Michael." 

Burnham va ad aiutare Tilly per la terraformazione e le confida che il suo addio a Sarek sembrava come se fosse definitivo. Lei le chiede se sapeva che avrebbe visto la morte come ufficiale della Flotta Stellare e lei dice di averlo già sperimentato da bambina e che ne era consapevole. Il cadetto invece afferma di non saperne niente e ciò la rende molto ottimista, dispensando un buon consiglio per Burnham:

"When we were in the Terran universe, I was reminded how much a person is shaped by their environment. And I think the only way that we can stop ourselves from becoming them is to understand the darkness within us, and fight it." 

Poi le dice che Tyler ha bisogno di lei e Burnham afferma che ha cercato di ucciderla e ha assassinato il dottor Culber. Tilly è d'accordo sulla brutalità dei crimini, ma sostiene che Tyler non ne è responsabile e che ora lui è una persona nuova, che cambierà se verrà trattato in un certo modo. Burnham dice che ci tiene a lui ma sa che non dovrebbe, mentre Tilly vuole convincerla a dirgli addio, visto che ora lui non sarà mai più un ufficiale come prima.


-Nuova vita: La Discovery arriva nel sistema Veda e Stamets si prepara a lanciare le sonde, le quali contengono i germogli necessari per coltivare le spore. Una volta che le sonde sono atterrate sulla luna, la nave invia un impulso elettromagnetico per stimolare la crescita dei germogli e il processo si attua, facendo crescere molte piante, le cui spore arrivano fino alla Discovery, con grande soddisfazione del tenente Stamets.


-Rottura: Burnham va a trovare Tyler nel suo alloggio, dicendo di non sapere da dove cominciare. Lui inizia dicendo che è dispiaciuto per quello che ha fatto e che anche se non può provarlo, ormai Voq non c'è più. Burnham crede a questo ma gli chiede se ci sia mai stato Ash Tyler, l'uomo che lei amava. Lei si sente tradita, visto che non è andato da lei quando ne aveva necessità, quando sapeva di non poter gestire la sua situazione. Tyler, disorientato, crede che lei stia trovando una scusa per troncare la loro relazione e le dice che gli altri membri dell'equipaggio sono stati più gentili di quanto dovevano, mentre lei ha deciso di voltargli le spalle, poichè le cose stanno per complicarsi e che si è innamorata di un Klingon, appartenente al popolo che ha ucciso i suoi genitori. Lei pensa che abbia ragione ma quando lo guarda lei sente ancora le mani attorno al collo, lo sguardo dell'uomo che voleva ucciderla, Voq. Lui afferma che sarebbe dovuto essere una spia Klingon e grazie al suo amore lui non si è fatto abbindolare da L'Rell. Burnham gli racconta del trapianto di spore sulla luna, di come la vita abbia attecchito in una landa desolata, di come si sentisse persa dopo la battaglia delle Stelle Binarie ,di come il suo cammino sia arduo e doloroso e del fatto che fosse da sola in questo, facendo capire che lui dovrebbe fare lo stesso, anche se non è facile lasciarlo andare.


-Un "nuovo" comandante: Cornwell riporta il successo del trapianto di spore e questo permetterà il salto a Qo'nos. Intanto il consiglio federale ha mandato un rapporto sulle informazioni relative allo Specchio e ha preso una decisione estrema, perchè alla fine si parla di sopravvivenza. Così l'ammiraglio comunica all'equipaggio cosa li aspetta:

"We have all mourned the enormous loss of life due to this war. The acts of violence committed against us are the acts of a foe without reason, without honor. And they will not stop coming after us in the hopes of destroying everything that we hold dear. These are desperate times and they call on us to do more than merely protect our people, defend our borders. I stand before you with a mission. At 2100 hours, the USS Discovery will jump for the Klingon homeworld in order to map its surface and isolate vulnerabilities and military targets. This brave team will be the first to visit this inhospitable planet since Captain Archer and the crew of the Enterprise NX-01, nearly 100 years ago."

Poi presenta loro il nuovo capitano della Discovery, che guiderà loro in questa missione, Philippa Georgiou, dicendo che è stata recuperata in un cargo prigionieri. E così l'Imperatrice, nel suo nuovo ruolo, si siede sulla poltrona non prima di salutare Burnham, definendo la loro riunione redditizia, e concludendo il penultimo episodio.


VERDETTO 

A un passo dalla fine della prima stagione possiamo dire che il livello della storia è decisamente migliorato rispetto alla prima parte. Questo ritorno nella vicenda principale della serie è un'altra dimostrazione di come questa seconda parte sia più intensa e ben costruita della precedente. La Discovery è tornata a casa, ma non proprio nel periodo che si aspettavano. Infatti la realtà davanti a loro è ben più dura del previsto e la loro missione su Qo'nos sarà decisiva per le sorti della guerra, resa possibile grazie alla terraformazione lunare operata da Stamets. Non a caso sarà il capitano/imperatrice Georgiou a guidare la nave e la sua visione oscura e aggressiva potrebbe essere fatale per l'esito della missione, o forse no. Il quattordicesimo episodio ha dato spazio anche ai congedi, in particolare la separazione amara fra Burnham e Tyler, la quale è sicuramente oggetto di discussione, e l'addio con Sarek, che lei sentiva come definitivo, sicuramente un segno di pericolo. Insomma un buon trampolino di lancio per un intenso e interessante finale di stagione, che non vediamo l'ora di vedere e commentare insieme a voi.

Continuate a seguirci per notizie in tempo reale sul nuovo capitolo di Star Trek!


Non perdere neanche una notizia! Seguici sulla pagina Facebook o sul nostro Gruppo o su Twitter.
 
Condividi su Google Plus

Articolo di Ada_Bowman

Posta un commento