THE X-FILES - “Nothing Lasts Forever”. Recensione 10x09


Nothing Lasts Forever” è stata la penultima puntata di una stagione controversa in cui spesso la trama principale è stata sacrificata per concentrarsi su digressioni a volte riuscite, altre volte meno. Il merito di Carter è stato quello di avere come punto focale le tematiche attuali, che spesso ha avuto il coraggio di criticare. Anche questa puntata non è stata da meno. Al suo interno c’è stata la convivenza tra avvenimenti contemporanei ad argomenti splatter.




Fantascienza, elementi crudi, ma una digressione sentimentale, sono stati gli argomenti portanti di questa puntata. Nelle prime sequenze dell’episodio vediamo un gruppo di persone intente a trafficare organi umani. Gli stessi ad un certo punto diventano cannibali. Ad interrompere i loro riti arriva l’attacco di una vigilantes. La situazione appare paradossale e fuori dal comune, per questo sull’episodio indagano Fox e Dana.


I due agenti cercano di arrivare alla verità andando ad indagare i segreti della comunità, ma non riescono subito a scoprire la presenza di una comunità spirituale. Al capo c’è Barbara Beaumont, interpretata da Fiona Vroom. La donna è una diva degli anni‘50 che passa le sue giornate a rivedere i film della sua giovinezza. Le notti insonni dell’attrice sono accompagnate da frullati di organi umani. E’ grazie a questa bevanda che Barbara conserva inalterata la sua bellezza. E’ a capo di un culto che vive la vecchiaia come una malattia da debellare in ogni modo, ricorrendo agli espedienti più assurdi.


Nonostante queste digressioni un po' macabre il fulcro della puntata è il tempo e il rapporto tra i due agenti. In seguito alle dichiarazioni della Anderson, che ha deciso di abbandonare i panni di Scully, questa è l’ultima serie in cui li vediamo insieme. Quindi il loro legame doveva avere una degna conclusione. Mulder deve molto alla donna che ha sempre amato e che gli è stato sempre vicino, nonostante le sue convinzioni. Dana è sempre stata una donna razionale, per lei la scienza e l’oggettività della materia sono tutto. A prescindere dai suoi principi, ha deciso di seguire e appoggiare le scelte irrazionali e fuori da ogni logica di Fox.


Scully è sempre stata una donna dalla profonde contraddizioni interiori. Alla sua devozione alla scienza, si affiancava quella per la religione, due mondi opposti e spesso inconciliabili. Sarà questo il motivo per cui non si è mai tirata indietro e ha deciso di seguire Mulder? E’ proprio in una chiesa che Fox chiede perdono alla donna che ama. L’uomo raggiunge la sua compagna di vita in una cappella mentre sta pregando. Mulder appare invecchiato e stanco ed è proprio in questo stato d’animo che le chiede scusa. Si assume le colpe di averla trascinata per anni in avventure fuori dal comune, mettendo spesso a rischio la propria vita. Questo le ha impedito di vivere una vita tranquilla, quella che meritava.


La puntata nel complesso è riuscita a mescolare bene la tradizione della serie con l’attualità, nonostante in certi passaggi si sia rivelata eccessivamente cruenta, quasi splatter. In generale è stato un episodio di passaggio che ci traghetta verso il finale di stagione e l’uscita dalla serie di Gillian Anderson. Per questo si poteva dedicare un po' più tempo al rapporto tra i due e alla storia che ci ha tenuto compagnia per diversi anni. Non ci resta che vedere l’ultimo episodio e capire come il produttore ha deciso di salutare la protagonista della serie.

Recensione 11x01
Recensione 11x02
Recensione 11x03

Recensione 11x04
Recensione 11x05
Recensione 11x06
Recensione 11x07

Recensione 11x08


Un saluto agli amici di: Serie tv conceptTelefilmiamo Talk about telefilmMultifandom il mondo che non c'èCinema, movie and popMultifandom.
Non perdere neanche una notizia! Seguici sulla pagina Facebook o sul nostro Gruppo o su Twitter.
 
Condividi su Google Plus

Articolo di Francesca Baranello

Posta un commento