THE SHANNARA CHRONICLES - Recensione s01e01 - 02 "Chosen"



Dopo mesi, per alcuni addirittura anni, l'attesa è finita e finalmente la trasposizione televisiva dell'opera di Terry Brooks ha visto la luce grazie ad MTV, che ha voluto fare ai fan il regalo di rilasciare le prime quattro puntate tutte insieme. In questa recensione ci occuperemo delle prime due, ma non temete, a breve parleremo anche delle altre. Intanto vediamo come è andata questa premiere, composta da ben due episodi! 

Cominciamo con una piccola premessa: queste recensioni si occuperanno di commentare la serie tv lasciando fuori quasi del tutto il paragone con i libri, a cui dedicheremo un'altra rubrica più specifica per i fan di nuova e vecchia data dell'opera letteraria. In questo modo potremo permettere a chi ha visto solo la serie di leggere più tranquillamente le nostre recensioni e speriamo di poter offrire un approfondimento maggiore a chi invece è interessato a discutere questo tema. Ma passiamo a parlare dell'episodio.

S02E01-2: "Chosen"
Scritta da: Alfred Gough e Miles Millar
Diretta da: James Marshall

Dopo una breve panoramica sui bellissimi paesaggi, la scena si apre con la presentazione di una dei protagonisti della storia, la giovane elfa Amberle, nipote del re; la ragazza si sta allenando per la corsa del giorno dopo, una gara senza esclusione di colpi per scegliere i nuovi Eletti, i guardiani dell'Ellcrys, l'albero sacro; ho apprezzato questa scelta di catapultare subito lo spettatore nell'azione, così da farlo sentire immediatamente coinvolto nelle vicende della ragazza. Quasi subito apprendiamo che la posizione di Eletto è tradizionalmente riservata agli elfi maschi, ma la nostra eroina è pronta a sfidare la tradizione per avere questa opportunità. In questo modo cominciamo a scoprire il carattere di una delle nostre protagoniste, una giovane determinata coraggiosa. La scena della gara mi è piaciuta molto, è riuscita sia a tenere col fiato sospeso, nonostante l'esito fosse più che scontato, sia a dare alcune notizie sulla complessa ambientazione della serie, mostrandoci ad esempio l'avversione di alcuni partecipanti verso Amberle e introducendo le prime visioni date dall'Ellcrys alla ragazza nel tentativo di aiutarla a vincere.

A proposito delle spiegazioni: molti si sono lamentati di un eccessiva presenza di "spiegoni" in questa puntata doppia che rischierebbero di appesantire la trama. Personalmente non sono d'accordo: è vero, facendoci attenzione è possibile notare in maniera abbastanza facile quali siano i punti in cui sono state inserite le note ambientative, ma non sono convinta che questo sia un male. Il mondo descritto dalla penna di Terry Brooks è molto complesso, dunque è necessario dare delle spiegazioni a chi si avvicina a questa storia per la prima volta, altrimenti si rischierebbe di rendere difficile la comprensione del mondo o, peggio ancora, di ridurre la serie all'ennesima storia di ragazzini che si imbarcano in una missione per salvare il mondo. Devo ammettere che la scelta di MTV, da sempre un'emittente con un target piuttosto teen, aveva fatto temere molti, me inclusa, che la storia sarebbe stata sviluppata in questo senso, ma la visione di questo episodio mi ha fatta ricredere. È vero che alcune scelte sono decisamente in linea con questo target, ad esempio la scelta degli attori e l'introduzione di alcuni elementi romantici, ma non mi sembra che questo abbia in nessun modo disturbato la narrazione.

In molti hanno paragonato questa serie all'ormai famosissima Game of Thrones, e certamente MTV ha sfruttato la passione momentanea per il genere fantasy, ma questo è un prodotto totalmente diverso. Il mondo di Terry Brooks, pur avendo la particolarità di essere post-apocalittico è decisamente High Fantasy, con razze diverse e magia, e i temi della storia sono molto più vicini a quelli del fantasy classico, quello di Tolkien per  intendersi, con il viaggio dell'eroe, una divisione più netta tra bene e male e la missione per salvare il mondo da una minaccia esterna. Proprio per questo motivo ritengo essenziale il dare delle spiegazioni: la storia è piuttosto classica, dunque la presentazione dei protagonisti e la bellezza dell'ambientazione sono fondamentali per poter apprezzare a pieno l'opera nella sua complessità. 

Anche dal punto di vista visivo l'ambiente è ricreato davvero bene: i paesaggi sono mozzafiato e l'introduzione di elementi in rovina del nostro mondo all'interno di immense distese naturali è sempre lì a ricordarci che stiamo parlando di un luogo post-apocalittico; abbiamo lo scheletro di una nave, un pezzo di elicottero e molto altro perfettamente integrati nel paesaggio ma pronti a richiamare al mondo che fu. Anche i costumi sono una sintesi di abiti fantasy e abiti moderni, secondo me molto ben riuscita: accanto corpetti di cuoio, cappucci, vesti e tiare troviamo giubbotti, t-shirt e abiti eleganti che sembrano usciti da un cocktail party, oltre ai bellissimi copri orecchie indossati dagli elfi che non so bene dove collocare, visto che nel nostro mondo non sono in molti ad avere le orecchie a punta.

Quasi tutta la prima parte della doppia puntata è focalizzata sulla presentazione dei protagonisti, mentre nella seconda entriamo subito nel vivo dell'azione. Abbiamo già parlato dell'entrata in scena di Amberle, la giovane principessa elfica, ma quasi subito facciamo anche la conoscenza di Allanon, ultimo druido ancora in vita, interpretato da un bravissimo Manu Bennet; nonostante non sia la figura mentoriale a cui siamo abituati a pensare, dal momento che è sprovvisto di lunga barba bianca ma è provvisto di un fisico niente male, si capisce comunque subito che è un personaggio che sa molto e non dice tutto, oltre che una guida per i giovani eroi. Il rispetto che il saggio re elfico Eventine, John Rhys-Davies, gli porta è evidente, nonostante i rapporti tra gli elfi e gli umani non siano certo dei migliori, e apprendiamo che si conoscono da molto tempo e che conosce notizie essenziali alla salvezza dell'Ellcrys e del mondo che questo protegge. Ma nel corso delle due puntate si capisce anche che non sta dicendo tutto, in particolare nella scena con Wil in cui trovano il Codice di Paranor è abbastanza evidente che non vuole dire al ragazzo tutto quello che ha appreso dalla lettura.

Dei tre protagonisti Wil, un giovane mezz'elfo, è certamente il più infantile, un ragazzo che ha appena perso la madre e sta cercando il suo posto nel mondo. Durante tutta la puntata e nelle interazioni con gli altri personaggi sembra sempre sentirsi fuori posto e cerca di negare il suo destino. La sua ingenuità viene resa molto chiara in particolare nella scena in cui viene sedotto e derubato dalla Rover Eretria, terza protagonista della storia. Ho apprezzato molto le scene tra loro due, ben costruite e descrittive del carattere e delle particolarità dei due personaggi: mentre Wil è un giovane ingenuo che deve costruirsi un futuro, Eretria è, nonostante la giovane età, una ragazza cinica, che conosce bene le ingiustizie del mondo ed è pronta a sfruttare l'ingenuità del ragazzo a suo vantaggio. Le pietre magiche in possesso di Wil saranno la scusa per i loro successivi incontri, visto che la loro importanza è ben nota sia ad Allanon, che raggiungerà e guiderà il ragazzo, sia a Cephalo, capo dei Rover e padre di Eretria che le desidera per il loro grande potere.

La società dei Rover viene brevemente descritta, ma capiamo fin da subito che non c'è posto per la debolezza o la compassione, è una società spietata dove ognuno deve preoccuparsi per se stesso anche a scapito dei suoi compagni. Cephalo non si mostra certo amorevole con Eretria, ma anzi la minaccia continuamente per ottenere ciò che vuole. Penso che Eretria sia un personaggio molto interessante, una giovane donna forte e cinica, indurita dalla vita che vuole avere il controllo su se stessa ed è disposta a fare molte cose per ottenerlo, ma allo stesso tempo non è una persona malvagia e, nonostante tenti di nasconderlo, ha ancora degli scrupoli. Le sue interazioni con gli altri personaggi saranno certamente interessanti, vista l''ingenuità di Wil e il contrasto con l'idealismo e lo spirito di sacrificio di Amberle.

Nonostante non conoscessi gli attori che interpretano i tre protagonisti devo dire che li trovo molto adatti come fisionomia e penso che abbiano fatto tutti un buon lavoro nell'interpretare i loro personaggi e nel renderli vivi. Ancora non abbiamo avuto un approfondimento psicologico completo, solo una presentazione, ma le loro differenze traspaiono comunque abbastanza bene, così come la caratterizzazione, anche nel caso di Eretria che non si è vista molto in queste due puntate. Spero che in futuro sarà fatta un'analisi più approfondita, ma per ora, con tutte le cose che dovevano essere presentate in questa premiere, posso considerarmi abbastanza soddisfatta.

Anche la presentazione di Arborlon e della società elfica mi sono piaciute. A parte la sensazione strana nel vedergli interpretare un elfo (è stato Gimli nel Signore degli Anelli), John Rhys-Davies ha fatto davvero un buon lavoro come Eventine, e ho apprezzato il modo in cui sono stati introdotti i contrasti con i due figli, in particolare con l'erede al trono, e il conflitto interiore tra l'uomo anziano che vuole abdicare e riposarsi lasciando il regno al figlio e il re che sa di dover restare nel momento in cui il suo popolo ha bisogno di lui. 

Ultimi ma non meno importanti, parliamo degli antagonisti della storia: i Demoni. Dal momento che l'Ellcrys sta morendo questi, una volta intrappolati dal Divieto, stanno tornando nel mondo per conquistarlo e distruggerlo. Abbiamo avuto solo una presentazione breve, ma sia il Dagda Mor che il Camaleonte non sembrano affatto buone notizie! Il primo è la mente dietro il piano, mentre il secondo, con il potere di cambiare forma a piacimento, è stato la mano che ha ucciso tutti gli Eletti a parte Amberle, che era fortunatamente fuggita, e adesso si nasconde nel palazzo in attesa di causare altri danni. Abbiamo inoltre visto la comparsa di un altro demone, la Furia, che ha causato la morte della zia di Amberle, Pyria, da cui la ragazza si era rifugiata. Visivamente sono molto ben costruiti, anche se forse non particolarmente originali, mentre per la caratterizzazione dovremo aspettare di avere più elementi.

Nel complesso ho apprezzato molto questa premiere e credo che gli autori siano riusciti a dosare molto bene azione e presentazione del mondo, l'ora e venti dell'episodio è passata quasi senza che me ne accorgessi e la storia è riuscita a catturare la mia attenzione. Da un punto di vista visivo ho trovato tutto davvero bello, ma questo non è certo strano visto il budget che hanno investito nella creazione del mondo, mentre dal punto di vista della struttura narrativa l'ho trovata abbastanza funzionale. Il compito di rendere vivo il mondo fin da subito e al contempo di evitare di annoiare lo spettatore non era certo facile, ma credo che nel complesso sia riuscita piuttosto bene. Forse questo ha un po' penalizzato l'approfondimento dei personaggi, ma come primo episodio penso che la presentazione sia stata più che sufficiente, lasciando spazio alle aggiunte più avanti. L'unica pecca sono forse gli eccessivi tagli agli spostamenti dei protagonisti, che rischiano di creare un po' di confusione riguardo alle reali dimensioni del mondo e al trascorrere del tempo, ma con tutte le cose che dovevano essere inserite in questa premiere direi che è uno dettaglio che si può perdonare.

Per adesso è tutto, visto che MTV ha deciso di rilasciare i primi quattro episodi insieme ci rivedremo molto presto per le recensioni del terzo e del quarto episodio di questa storia che è già riuscita ad appassionarmi davvero molto!

Come sempre, un saluto alle affiliate:
Series Generation - Serie tv, la nostra droga - Telefilm Lovers - Fantasy Italia - Le cose belle della vita sono a puntate - Manu Bennet Italia - The Shannara Chronicles italia



ATTENZIONE! Stiamo cercando collaboratori che ci aiutino con le news di: Empire, Supergirl, Arrow, The Flash, Hawaii Five-0, Game of Thrones, Homeland e Legends of Tomorrow. Per Hawaii Five-O ci servono anche RECENSORI.

Non perdere neanche una notizia! Seguici su Facebook e Twitter.
Condividi su Google Plus

Articolo di Venere B.

Posta un commento