THE SHANNARA CHRONICLES - Recensione 1x07 "Breakline"



Ormai manca poco alla conclusione di questa prima stagione e finalmente qualche situazione sembra sbloccarsi in questo settimo episodio, caratterizzato da un buon ritmo e da qualche grossa ingenuità narrativa, cosa che ormai sembra caratterizzare la serie tv. 







S01E07: Breakline

Scritto da: Alfred Gough, Miles Millar
Diretto da: Jesse Warn

A tre sole puntate dalla fine sembra evidente la direzione presa da questa serie tv, divisa in due filoni non solo dalla narrazione ma anche dai temi trattati e dallo stile: da una parte abbiamo Arborlon, con le sue trame dal sapore decisamente fantasy, mentre dall'altra abbiamo il viaggio dei tre protagonisti, più concentrato sul rapporto tra i personaggi e caratterizzato da ambientazioni e temi propri del post-apocalittico. Confermo ancora una volta la mia idea che sia più riuscita la parte riguardante le vicende del regno elfico, mentre il viaggio dei ragazzi presenta un certo numero di problemi narrativi e in alcuni punti pecca un po' di superficialità, ma l'insieme è comunque godibile e scorre abbastanza bene.


Per la prima volta nel corso di queste sette puntate la parte iniziale mi ha lasciata decisamente perplessa: alla fine dello scorso episodio avevamo visto i ragazzi cadere nel vuoto insieme al Mietitore da una montagna molto alta e innevata, come è possibile che li ritroviamo a valle, in un fiume alto qualche centimetro, con solo un paio di graffi, mentre il gigantesco demone sembra morto? Va bene l'espediente narrativo della caduta nel fiume, ma avrebbero potuto impegnarsi per rendere il tutto un po' più credibile!

Mi spiace un po' dirlo, ma sono sempre più convinta che, tra i tre protagonisti, Wil manchi decisamente di carisma rispetto alle due ragazze, al punto che, in questa puntata dove sono separati, la sua assenza nel trio non si sente, ma lascia invece spazio a un po' di approfondimento del rapporto tra Eretria e Amberle. Finalmente infatti sembra che le due ragazze riescano a passare sopra alla rivalità in amore e comincino a dimostrare un po' di interesse reciproco e unità di intenti, sia con le parole che con i fatti. Nonostante alla fine debbano essere salvate dall'intervento di Wil, del suo nuovo compagno Perk e la sua cavalcatura, le due riescono a collaborare con un certo successo nel tentativo di fuggire dalla scuola e dimostrano più volte preoccupazione per la salute dell'altra. Il tutto culmina nel finale, quanto Amberle insiste per andare a cercare la Rover che non è riuscita a sfuggire ai cacciatori di elfi.

Per quanto riguarda Wil, la sua parte della storia scorre bene e il personaggio di Perk risulta simpatico, ma è abbastanza palesemente un riempitivo per dargli un po' di spazio nell'episodio. Tra i tre purtroppo è l'unico che non ha ancora trovato davvero il suo posto, nonostante ci fosse stato presentato come personaggio imprescindibile, addirittura l'erede di Shannara. Spero che nelle prossime puntate trovi un suo spazio e vengano spiegati meglio la storia e il funzionamento delle pietre, perchè per adesso hanno avuto una parte piuttosto marginale, trasformando Wil più nell'oggetto della contesa tra le due ragazze che nell'eroe che dovrebbe diventare nel corso della storia. Forse in questo il triangolo amoroso lo ha un po' penalizzato, concentrandosi più sulla confusione dei suoi sentimenti per Amberle ed Eretria invece che sulla sua crescita interiore da ragazzo ad uomo.

L'ambientazione, come avevo già accennato, è decisamente post-apocalittica, sia nella scenografia che nel tema: la banda di cacciatori di elfi ricorda molto di più, nei costumi e nell'atteggiamento, le bande tipiche di questo setting, dedite a recuperare rimasugli di oggetti del mondo passato per rivenderli e disinteressate del destino delle altre persone e del mondo stesso. Più volte ho detto che questo tipo di ambientazione non mi dispiaceva affatto, ma questa volta mi sembra che gli sceneggiatori abbiano un po' esagerato: va bene che si tratta di un mondo di fantasia, ma ho i miei seri dubbi che dei palloncini possano sopravvivere per migliaia di anni senza sgonfiarsi e se la plastica si mantiene davvero in quel modo sarà proprio il caso di dedicare molta più cura al riciclaggio! Da giocatrice di ruolo convinta non ho potuto fare a meno di gioire del ritrovamento da parte di Amberle di dadi simili a quelli usati da me e dai miei amici nelle nostre serate, elemento simpatico che strizza l'occhio a quella che sicuramente sanno essere una fetta del loro pubblico. Non sono invece rimasta molto convinta dalla mappa ritrovata per caso appesa al muro; va bene il destino, ma anche qui con un po' di sforzo si sarebbe potuto fare di meglio, soprattutto visto che si tratta della trama principale.

Passando adesso all'altro filone, mi fa piacere notare che almeno da questa parte si sia arrivati alla conclusione di una trama, con la definitiva scomparsa del Camaleonte e l'ascesa al trono di un riluttante Ander. Nonostante quello che ho detto più volte mi è dispiaciuto della morte di Arion, in particolar mondo perchè è avvenuta proprio quando stavamo iniziando a scoprire un altro lato del personaggio, d'altronde era piuttosto prevedibile. Ho apprezzato molto il piano ordito dal Dagda Mor, anche se in quest'ultima puntata era diventato davvero troppo evidente che ci fosse qualcosa che non andava e la decisione dei due fratelli di seguire comunque gli ordini del padre senza discutere non è certo stata delle più sagge, come anche il ritrovamento del covo dei demoni completamente sgombro non era certo un caso, in effetti mancava solo un bel cartello con scritto "trappola". Ma gli eroi, si sa, devono per forza fare questo genere di errori, e i due fratelli si sono lanciati dritti nelle braccia del Dagda Mor, portandogli come gentile regalo la spada, ovviamente maledetta, e solo un tempestivo intervento di Allanon ha potuto salvare Ander.

Nel complesso dei bei dialoghi e un combattimento spettacolare anche se breve hanno reso questa parte molto scorrevole e appassionante, nonostante qualche piccola ingenuità narrativa. Non mi è piaciuto molto che non abbiano spiegato per niente il modo in cui Allanon sia riuscito a sfuggire alla morte, ma l'intervento del suo maestro Bremen che lo ha aiutato a ritrovare le forze e, da bravo maestro, gli ha ricordato i suoi compiti e le sue responsabilità, è stato intenso anche se non molto lungo. Con il druido nuovamente tra noi, Bandon libero e Ander sul trono direi che le armi per iniziare a combattere davvero i demoni ci sono tutte, quindi non posso fare a meno di sperare in qualche epica battaglia nei prossimi episodi, perchè ammetto che è un elemento che mi è mancato parecchio. Infondo qualcosa dovranno pur fare mentre i ragazzi cercano il modo di salvare il mondo!

Voi cosa ne pensate? Ci vediamo presto con le prossime recensioni e le novità!

Come sempre, un saluto alle affiliate:

ATTENZIONE! Stiamo cercando collaboratori che ci aiutino con le news di: Empire, Supergirl, Arrow, The Flash, Hawaii Five-0, Game of Thrones, Homeland, The Blacklist e Legends of Tomorrow. Per Hawaii Five-O e The Blacklist ci servono anche RECENSORI."

Non perdere neanche una notizia! Seguici su Facebook e Twitter.
Condividi su Google Plus

Articolo di Venere B.

Posta un commento