OUTLANDER - Recensione 2x08. Spoiler!




Dopo i colpi di scena della scorsa settimana, torniamo a qualcosa di più "normale".....
Attenzione: spoiler!











Siamo tornati a casa!
Eh si, grazie ad Outlander, ora ci sentiamo tutti un po' scozzesi nell'anima.
Il cambio di rotta è visibile da subito, dalla bellissima sigla tornata ad un ritmo più lento, strofe in inglese, suono di cornamuse ed immagini di guerra che si alternano ad altre legate al '900.
Anche le scene sono cambiate: lasciato il lusso e lo sfarzo francese, torniamo alle Highlands, ad una natura incontaminata e suggestiva e a Lallybroch, casa di Jamie dove regna la routine quotidiana, fatta di piccole cose e tanto amore che aiuta i nostri eroi a riprendersi in fretta dalla delusione parigina.


Il raccolto delle patate, che Claire ha voluto piantare, è andato benissimo, Jamie è tornato al suo bel kilt e tutto sembra andare per il meglio!
Ma.....c'è sempre un "ma" in Outlander....arriva una lettera con lo stemma degli Stuart: il nome di Jamie è stato inserito nella lista dei sostenitori di Re Giacomo e ora deve cercare degli alleati e uomini per vincere la rivolta!
Se c'è una cosa che Jamie e Claire hanno imparato in Francia è che il futuro si può cambiare. Allora, cambiano anche i piani: se prima volevano impedire la cruenta battaglia di Culloden, ora faranno di tutto per vincerla!


Anche se i firmatari di quella lettera sono traditori della corona inglese e la firma di Jamie è stata falsificata, bisogna fare qualcosa. Prince Charles ha incaricato Jamie di reclutare uomini per la sua causa e, quindi, il bel Fraser ha bisogno dell'appoggio di un parente che non vede da secoli: suo nonno, Lord Lovat.
Conosciamo un nuovo personaggio di cui, sinceramente, avremmo fatto volentieri a meno! Infatti, si tratta di un uomo cattivo, disgustoso e preoccupato solo dei propri affari. Non solo fa di tutto per farsi cedere Lallybroch, ma vorrebbe anche approfittare di Claire.....non ha fatto i conti con La Dame Blanche.....

Nel suo "ameno" castello di Beaufort, ritroviamo anche vecchie conoscenze di cui avremmo fatto volentieri a meno.....Colum, lo zio di Jamie, contrario alle sue idee e propenso alla neutralità del clan, e Laoghaire, la ragazzetta che stava per mandare Claire al rogo, ancora perdutamente innamorata di Jamie.
Si dice pentita, chiede il perdono della donna, ma non è credibile; infatti, Claire non ci casca, ma può tornare utile per "dare una svegliata" al giovane di casa, Simon, cugino di Jamie.

Tra discorsi, cene di clan, accordi, prepotenze e "visioni", si svolge un episodio fondamentale per capire cosa ci attende nelle prossime settimane.
Jamie dice "Dobbiamo unirci sotto il comando dell'unico vero Re, Giacomo, per la nostra terra e il nostro modo di vivere!".
Se, in un primo momento, questo discorso non aveva avuto risultati concreti, alla fine abbiamo un bel colpo di scena: Lord Lovat e i suoi uomini si uniscono a Jamie!
Si tratta di un piano ben delineato da nonno Fraser, perchè, in questo modo, sembrerà che abbia supportato Re Giacomo in caso di vittoria e non potrà essere giustiziato per tradimento; avendo, poi, firmato il patto di neutralità, sarà protetto in caso di vittoria degli Inglesi.
Insomma, comunque vada sarà un successo! Speriamo lo sia anche per Jamie e Claire.......

                                                                                                                                   Lidia

Saluti agli amici di MultifandomisawayoflifeTelefilmLoversSassenachTelefilmFilmMusic-and-MoreSamHeughanItalianFansSerie-tv-la-nostra-drogaanglophilegirlsdiarycrazystupidseriesMultifandomTelefilmGenerationtalkaboutelefilm


SE VOLETE COLLABORARE CON NOI SCRIVETECI! - Collabora con noi!

Non perdere neanche una notizia! Seguici su Facebook e Twitter.
Condividi su Google Plus

Scritto da Lidia Lyn

0 commenti: