LEGENDS OF TOMORROW - Recensione 2x07 "Invasion"





Dopo aver viaggiato in lungo e in largo, le nostre Leggende tornano nel loro tempo per una missione diversa dalle solite, e di sicuro molto più importante: salvare la terra dagli alieni. L'ultima volta che sono tornati nel 2016 Sara aveva appreso della morte di sua sorella Laurel, ora speriamo di non doverci ritrovare altre vittime.



Ma andiamo con ordine per capire cos'è successo, perchè i nostri viaggiatori non faranno tutto da soli, ma avranno un po'di aiuto da alcuni amici. Tutto comincia a Star City, e precisamente negli Star Labs, dove arriva un segnale di allarme riguardo una meteora che si starebbe dirigendo verso il centro città, ma quando Barry va a controllare, si accorge che non è affatto quello che pensavano, ma si tratta invece di un'invasione aliena. Il governo ovviamente vorrebbe insabbiare la faccenda, ma grazie alle informazioni ottenute da Layla, la moglie di Diggle, ora a capo dell'A.R.G.U.S. si scopre che questi ospiti non proprio gentili erano già stati sul nostro pianeta negli anni 50 e che vengono chiamati Dominatori (non proprio incoraggiante come nome). Il loro scopo era scoprire più informazioni possibili sugli umani tramite rapimento (che cafoni, bastava chiedere). La versione dei Dominatori è piuttosto contradditoria rispetto al loro comportamento, in quanto affermano che sono stati gli abitanti della Terra ad iniziare una guerra contro di loro, e se lo rifaranno di nuovo, ci sarà una reazione piuttosto violenta. A peggiorare le cose c'è il fatto che siano ben quattro le navicelle spaziali con dentro questi simpaticoni, ma Layla chiede a Barry di farsi da parte perchè l'Onu se ne sta già occupando e da solo non sarebbe mai in grado di sconfiggerli, dato che nemmeno un esercito potrebbe. 

Ovviamente nessuno vorrebbe perdersi una simile battaglia (cosa non si fa per la gloria) quindi il nostro velocista corre (è proprio il caso di dirlo) a chiamare un suo amico molto bravo con arco e frecce, che risponde al nome di Oliver Queen. Thea, la sorella di Oliver, si era ritirata dall'azione, ma appena saputo dell'invasione, decide di dare il suo contributo, ma anche così saranno sempre troppo pochi, ragion per cui a Barry viene in mente di chiamare anche le Leggende. Manca però un ultimo componente, visto che bisogna combattere gli alieni è meglio averne una dalla nostra parte, come afferma proprio Barry, ragion per cui lui e Cisco si recano a cercare Kara Danvers, alias Supergirl, sul suo pianeta. 



Una volta finite le presentazioni e fatto un po'di riscaldamento contro Kara per vedere quanto sia ...super, Stein e Jax decidono di far ascoltare a Barry il messaggio trovato nello scomparto segreto della Waverider, inviato inizialmente a Rip. Mandato proprio dallo stesso Barry ma 40 anni dopo, si parla di una guerra causata, sembrerebbe, dai suoi cambiamenti nella linea temporale. Al contrario di Cisco, incavolato a morte perchè a causa di quest'alterazione, suo fratello è morto, Oliver si mostra molto comprensivo, dopotutto anche lui se ne avesse avuta l'occasione, avrebbe salvato suo padre sulla barca o sua madre da Slade Wilson. Per il momento però preferisce non parlarne col resto del team, meglio concentrarsi sulla loro missione.



Intanto, Stein continua ad avere delle visioni su una ragazza misteriosa che lui non ricorda di aver mai visto, perciò decide di andare a casa sua per sciogliere questo enigma finalmente. Scopre così di avere una figlia, probabilmente anche questi causato dalle alterazioni temporali. A proposito di questo, quell'impiccione di Cisco trova il messaggio per cui Barry è costretto a rivelare quello che ha fatto al resto della squadra. Come sempre, a tutti viene facile giudicare le vite altrui, e tra tutti, Sara avrebbe meno diritto di parlare, considerato che voleva vendicarsi di Darhk per la morte della sorella, ma è stata fermata perchè la sua morte "prematura" avrebbe portato a conseguenze peggiori. Per fortuna Oliver, forse il più maturo in questo momento, ha grande fiducia in Barry, ma non prova molta simpatia per Kara, mentre Mick sembra molto affascinato dalla ragazza. 

La discussione su Barry e i suoi casini però dovrà essere rimandata, in quanto i Dominatori hanno rapito il Presidente. Oliver vorrebbe che il gruppo fosse compatto ma sono ancora tutti scossi per i cambiamenti avvenuti  quindi Kara si offre di prendere il posto di Barry e Oliver rimane con lui.  Il rapimento si rivela una trappola e Kara e le Leggende (esclusi Nate e Amaya che erano rimasti sulla Waverider fin dall'inizio) vengono condizionati mentalmente a rivoltarsi contro i loro stessi compagni.
Cisco e Felicity scoprono che il segnale proviene da una miniera di sale nelle vicinanze, ma dato che è impossibile fermarlo, Barry, che nel frattempo si era accorto che la situazione stava peggiorando e non a favore dei buoni, cerca di attirare Kara proprio nella miniera perchè forse è l'unica in grado di eliminare il controllo mentale. Una volta tornate in sè stesse, le Leggende si dimostrano molto più comprensive nei confronti di Barry (dopotutto vi ha salvato la vita, e anche Wally ha dato un piccolo aiuto, quindi il minimo che possano fare è ringraziarlo. 

I Dominatori però non si arrendono, e tramite una specie di teletrasporto stile Star Trek rapiscono alcuni di loro per portarli sulla loro nave. Cisco, arrivato nella Bat-cave...no, scusate, quello era un altro, nell'Arrow-cave, usa i suoi poteri per capire dove siano tenuti prigionieri Oliver e gli altri e soprattutto se sono ancora vivi. A quanto pare i nostri eroi sono tenuti addormentati diciamo, e, come se stessero sognando, vivono una specie di realtà alternativa (forse il desiderio inconscio di avere una vita normale, senza superpoteri?). 
In questa "nuova vita" i genitori di Oliver sono vivi, lui si sta per sposare con Laurel, Ray è fidanzato con Felicity e Diggle...è Arrow, roba da non crederci vero? Meno male che è tutto un "sogno"perchè è tutto sbagliato. Ad un certo punto però tutti loro cominciano ad avere dei ricordi della loro vita vera, un po'come succedeva a Barry dopo Flashpoint, e pensano che ci sia qualcosa di strano. A quanto pare la via di fuga è rappresentata dall'edificio della Smoak Technology (alias Queen Consolidated alias Palmer Technology). Finalmente liberi, approdano sulla Waverider, dove vengono accolti da un simpatico Nate che fa battute sui vestiti di Oliver, chiedendogli se avesse fatto shopping da Alien Gap (non conosciamo i gusti in fatto di moda dei Dominatori, ma non mi pare che se ne preoccupassero molto visto che praticamente giravano nudi ahha). Fortuna che la Waverider ha una specie di stampante 3D (io l'avrei usata per stamparmi una bella pizza, i viaggi nel tempo e i combattimenti alieni mettono appetito, è risaputo:)) ma il nostro Oliver ha una dignità e quindi c'è bisogno di vestiti di questo secolo diciamo.

Sembra che lo scopo dei Dominatori, che all'inizio avevano dato la colpa ai terrestri per quanto successo negli anni '50, non abbiano intenzioni poi così pacifiche e abbiano usato le allucinazioni dei prigionieri per indagare su di loro e raccogliere informazioni. Nonostante ce l'abbiano coi meta umani (quanto razzismo) hanno scelto proprio coloro che non lo sono, perchè non avrebbero potuto difendersi. Faceva tutto parte di un piano per distrarli mentre loro invadevano di nuovo la Terra.

L'unica soluzione possibile sembrerebbe quella di rapire uno dei Dominatori ed interrogarlo ma nel frattempo serve anche un'arma, ma che sia qualcosa di molto piccolo. Per questo motivo Caitlin ha invitato la figlia sconosciuta del dott.Stein, il quale però vorrebbe mantenere le distanze. Del resto come fai a spiegare a tua figlia che lei non è mai nata e che tutto quello che racconta della sua infanzia per suo padre non ha alcun senso perchè nella sua linea temporale non è mai accaduto?
A quanto pare però la nascita di Lily Stein non è colpa di Barry, almeno stavolta, ma di Martin stesso, il quale interagendo con la sua versione del 1987, lo ha convinto a non trascurare sua moglie in favore della carriera, ed ecco il risultato. 
Nel frattempo Mick, Nate ed Amaya, incaricati di trovare un esemplare di Dominatore, vengono imprigionati insieme all'alieno dal governo, che gli toglie anche i poteri in maniera da non farli scappare. A quanto pare, dato l'elevato aumento di metaumani sulla Terra, i Dominatori vogliono capire se rappresentano una minaccia per loro e non sono gli unici. Dato che i cambiamenti di Barry hanno avuto influenze in tutte le epoche, quando ha creato Flashpoint, ha anche rotto la tregua che i terrestri avevano con i Dominatori. L'unico modo per impedire una nuova invasione è consegnargli lo stesso Barry, altrimenti tutti i metaumani saranno sterminati ("exterminate, exterminate" , chiedete a Malcolm Merlyn, conosce un certo Capitan Jack che di alieni se ne intende, o alle brutte chiamate il...Dottore:))

Di nuovo tocca a Cisco e Felicity salvare la situazione, una volta liberati i loro amici e rimandato a casa l'alieno (visto che non siamo poi così cattivi), i nostri amici si mettono in viaggio per tornare nel 2016, ma l'alieno che avevano liberato 65 anni prima (come vola il tempo, sembra ieri che sia successo:)) invece di ringraziare (alieno ingrato) li avvisa delle loro intenzioni, che ovviamente, non sono certo pacifiche, ogni scusa è buona per scatenare una guerra. 

Cisco usa i suoi poteri per mettersi di nuovo in contatto con l'alieno liberato, il quale però ribadisce l'intenzione dei Dominatori di far fuori la razza umana per evitare che qualcun altro, diventando metaumano, possa sterminare la loro. Discorso abbastanza assurdo, sarebbe come dire "non mangio una mela perchè potrebbe farmi male", non ha senso. A questo punto Cisco rinsavisce e capisce che anche lui ha pasticciato col tempo, quando ha deciso di liberare l'alieno e quindi non può prendersela più con Barry. 
Quest'ultimo è intenzionato a sacrificarsi per il bene del mondo, ma per fortuna interviene di nuovo Oliver, che a quanto pare è riuscito a far rinsavire anche il resto del gruppo e a mettere da parte le ostilità. Da notare la frase di Mick che dice "quando hai una squadra, non ti sacrifichi per essa", peccato che il suo amico Snart lo abbia fatto, avrebbe dovuto esserci anche lui in questa battaglia.

Di nuovo i Dominatori stanno cercando di sviare l'attenzione sul loro vero scopo, ovvero far esplodere il pianeta con una bomba mentre tutti sono impegnati a respingere l'invasione. Per fortuna il professor Stein ha messo a punto un congegno che procurerà enormi sofferenze agli invasori. Distruggere la bomba non è cosa da poco, quindi il compito passa a Firestorm. Per motivare Jax, Stein gli rivela di avere una figlia e che non ha intenzione di perderla.



Per fortuna la bomba viene distrutta e il nostro team Arrow/Flash/Supergirl/Legends riceve anche un riconoscimento da parte della nuova Presidente. Cisco fa finalmente pace con Barry, Oliver si scusa con Kara per averla tenuta a distanza, insomma un lieto fine alla "tutto è bene quel che finisce bene".

CONSIDERAZIONI PERSONALI:

Questa settimana è stato davvero complicato scrivere questa recensione, che doveva riguardare solo le Leggende, ma essendo tutto collegato, per far sì che il lettore capisse tutta la storia siamo dovuti partire proprio dall'inizio e seguire la linea temporale diciamo:) Troppi personaggi per fare un discorso per ognuno, i punti salienti sono stati Ray che afferma che Kara somiglia a sua cugina (l'attore Brandon Routh ha interpretato Superman nel film del 2006 "Superman returns" e guarda caso era prodotto dalla Legendary Pictures , tutto torna haha), il suo fidanzamento con Felicity però era troppo strano, dato che lui per un periodo era stato il suo capo, come Oliver del resto. 

Barry che chiede dove sia Snart e si rattrista alla notizia della sua morte , in fondo gli voleva bene a quel criminale da strapazzo che tornerà a deliziarci la prossima settimana. Mick che ci prova con Kara è davvero uno spasso, è incredibile come un tipo grande e grosso come lui debba essere aiutato da una ragazzina. Mi piace molto il percorso che sta facendo questo personaggio, lo avevamo conosciuto in "The Flash" solo come un piromane, ma dietro quell'aria da duro si nasconde una persona migliore di quello che vuole sembrare. All'inizio della stagione si sentiva un po'un outsider, come se non fosse accettato dalla squadra, ora invece riesce anche a ridere delle battute che gli altri fanno su di lui. Oliver è stato il vero capo di questa squadra e anche il più saggio, è stato merito suo se il resto della squadra ha perdonato Barry per avergli incasinato la vita, oltre a lui solo Kara lo aveva sostenuto fin dall'inizio. 

Sara sta dimostrando sempre di più il suo valore come capo delle Leggende, anche se ovviamente il suo punto debole rimane sempre Dahrk. Nella realtà creata dagli alieni per lei è stato bello riavere per un attimo accanto sua sorella e magari anche vederla sposata con Oliver. Abbiamo avuto anche un mini crossover nel mega crossover quando, al ricevimento di nozze di Oliver e Laurel, Malcolm, che a quanto pare non era un criminale, ha detto che Tommy non era potuto venire perchè i turni all'ospedale di Chicago non glielo avevano permesso. Ricordiamo che Colin Donnell, l'interprete di Tommy, è attualmente nel cast di Chicago Med, nel ruolo del dott.Connor Rhodes, davvero un bel gesto degli autori nei confronti di un personaggio tanto amato dal pubblico. Lo stesso Donnell aveva espresso tutto il suo affetto per la serie che l'aveva visto protagonista.

Dopo questa lunga ( e noiosa) spiegazione vi saluto e vi dò appuntamento alla prossima puntata, che sarà anche il mid-season finale e vedrà finalmente il ritorno dell'unico vero Capitano. Stay tuned.


Un saluto alle affiliate:

Stiamo cercando RECENSORI e newsers per EMPIRE, HOMELAND, LEGENDS OF TOMORROW, ORPHAN BLACK. ARROW, SUPERGIRL e le altre serie.

SE VOLETE COLLABORARE CON NOI SCRIVETECI! - Collabora con noi!
Stiamo cercando RECENSORI e newsers per EMPIRE, HOMELAND, LEGENDS OF TOMORROW, ORPHAN BLACK. ARROW, SUPERGIRL e le altre serie.


Non perdere neanche una notizia! Seguici su Facebook e Twitter.
Condividi su Google Plus

Scritto da Chiara F74

0 commenti: