AGENTS OF SHIELD - Recensione episodio 4x09 "Broken Promises"


AIDA ha preso coscienza di sé ed è ora un rischio per tutti mentre la senatrice Nadeer scopre le sue carte.

Scritto da Brent Fletcher 

Diretto da Garry A. Brown

Voto: 9/10

[SPOILER]


Agents of Shield torna dopo la pausa invernale con il secondo arco narrativo della stagione. Dopo il viaggio nella magia di Ghost Rider entriamo nella fantascienza più classica con i LMD e la serie lo fa senza perdere continuità narrativa. Infatti, la storia riprende esattamente dove si era interrotta con AIDA che ha rapito e sostituito May con un androide. Lo scopo è presto rivelato: AIDA vuole recuperare il darkhold dallo Shield. Il passaggio avviene in maniera lineare ed organica ma quello che stupisce è che ciò che pensavamo all'inizio dell'episodio viene ribaltato nell'arco dei 42 minuti.


Scopriamo, infatti, che dietro al piano c'è Radcliffe che ha sbirciato nel Darkhold e ne è rimasto affascinato al punto da lavorare alle spalle di tutti per portare a termine il suo obiettivo. AIDA - o meglio una delle sue copie - è solo una prima opportunità che, una volta fallita, fa spazio alla secondo cioè LMDMay. Questo perché Radcliffe non vuole scoprire le sue carte e fa ricadere la colpa su AIDA stessa potendo così restare all'interno dello Shield. Fitz non fa parte del piano ma l'episodio mette comunque in dubbio la sua scelta morale.


E all'interno c'è anche la finta May e qui si apre un nuovo interessante scenario: la May androide ha i ricordi e i sentimenti della vera, catturati dal cervello dell'originale quando May è stata salvata da Radcliffe, ma non ha coscienza di essere un androide. Combatte al fianco di Coulson come la vera May fino a che AIDA non la ferma con il suo comando. La serie avrebbe potuto costruire la storia della finta May come una spia infiltrata ma scegliendo questa strada si apre tutta una serie di ragionamenti sulla vita e sulla coscienza, una direzione alla Blade Runner. Radcliffe discute con Fitz sul fatto che se AIDA  ha dei sentimenti è da considerare umana ed ucciderla sarebbe un omicidio; Mack è più pratico e la considera solo un robot, andandole a tagliare la testa senza troppi ripensamenti; Coulson pur mostrando empatia verso AIDA, aveva già esposto le sue perplessità. Non c'è dubbio che il tema assumerà contorni tragici nel momento in cui verrà rivelato come questa May sia un androide.


 














Le implicazioni saranno rilevanti e non passa inosservata la battuta nella quale Radcliffe dice di non aver fatto sesso con AIDA e lo stacco della mdp va su Coulson che sembra sollevato dall'affermazione. La serie non lascia nulla al caso e questa scena potrebbe essere un suggerimento al fatto che Coulson potrebbe fare sesso con l'androide credendola May aprendo scenari etici spinosi. Infatti, per tutto l'episodio, Coulson e May flirtano e quando vengono rinchiusi insieme, LMDMay suggerisce a Coulson di essere meno cauto nella sua vita e di prendersi dei rischi e l'uomo le promette di farlo. Successivamente, vediamo che i due continuano il loro gioco di seduzione cenando insieme e vediamo Coulson con gli occhi di LMDMay estremamente felice e a suo agio, cosa che sappiamo durerà poco visti i trascorsi sentimentali di Coulson.


Sempre nella scena in cui Coulson e LMDMay sono rinchiusi insieme, è interessante notare come l'uomo riveli di non sentirsi se stesso da tempo e LMDMay gli dice che non lo aveva mai mostrato. Ciò mette in evidenza una delle caratteristiche migliori della serie cioè il fatto di avere memoria di sé e di sviluppare a fondo i personaggi: infatti non dobbiamo dimenticare che Coulson è stato riportato in vita forzatamente e la cosa deve necessariamente creare delle conseguenze. Le prime due stagioni avevano affrontato il tema in modi differenti ma la cosa non è andata persa. Nella scorsa stagione Coulson aveva rivelato a Rosalind che il braccio amputato gli faceva sempre male ed ora rivela alla finta May che non si sente se stesso. Sono piccole scene e battute che servono ad inquadrare lo sviluppo dei personaggi nell'arco narrativo della storia a lungo termine.




La seconda storyline vede Mace, Daisy e Simmons scontrarsi con la senatrice Nadeer. Per prima cosa, vediamo l'interazione tra Mace e Daisy con l'uomo disposto ad aprirsi verso Daisy ma senza lasciar passare il fatto che fino a pochi giorni prima era una ricercata. Dal canto suo, Daisy è ora una donna matura con molta esperienza alle sue spalle e capisce che lavorare con lo Shield ha i suoi lati positivi oltre a donarle stabilità e risorse.

La storia della senatrice evolve in maniera drammatica con la donna che arriva ad uccidere il fratello con un call-back all'invasione dei chitauri e alla promessa che i due si erano scambiati per proteggersi dagli alieni. In questo modo il personaggio di Nadeer assume tratti decisamente malvagi anche se la sua scelta viene mostrata come dolorosa e il fratello che sopravvive allo sparo e sottacqua creando un nuovo bozzolo, apre al possibile arrivo di un nuovo Secret Warrior.


In definitiva, AoS torna alla grande con la storia del LMD e mette sul piatto una storia che, come nella tradizione della serie, si svilupperà sulla pelle dei protagonisti e senza aver paura di affrontare temi eticamente sensibili.
Dal promo del prossimo episodio si preannuncia un episodio molto action con il ritorno di Talbot (già citato in questo episodio) e delle rivelazioni su Mace. Vediamo anche che May si sveglierà e scoprirà il suo destino.


Alle prossime news!



SE VOLETE COLLABORARE CON NOI SCRIVETECI! -
Collabora con noi!
Stiamo cercando RECENSORI e newsers per EMPIRE, HOMELAND, LEGENDS OF TOMORROW, ORPHAN BLACK. ARROW, SUPERGIRL e le altre serie.

Non perdere neanche una notizia! Seguici su
Facebook e Twitter.

Condividi su Google Plus

Scritto da Barbara Maio

0 commenti: