TWIN PEAKS - Kyle MacLachlan dice "Hellooo-ooo-ooo" ai fan e Naomi Watts imita David Lynch! (Tutto sul Panel e sulle interviste al ComiCon di San Diego)



David Lynch ha rubato la scena al Comic-Con, al panel di Twin Peaks: The Return, senza nemmeno presentarsi. Il co-creatore e co-sceneggiatore e regista del cult prodotto da Showtime ha salutato i 7000 fans nella sala H con un video di scuse per non essere stato presente, in tipico stile Lynch, che ha completamente sovvertito la tipica forma dei classici video di saluti del Comic-Con.

Il filmato richiamava una commedia dell’assurdo, basata su effetti sonori, oggetti di scena scelti apposta, e sulla ben collaudata figura di Lynch sullo schermo. La scena si apre con il regista, vestito in nero, seduto su una sedia in una stanza buia, la sua faccia oscurata dalle ombre. Non ha ancora iniziato a salutare che si sente il rumore di una porta che si apre. Lynch comincia a urlare a un uomo fuori dallo schermo “Hey amico, non uscire da quella porta! Siamo al quarto piano, non a terra!” Abbandona la sua sedia e va via; la telecamera rimane ferma e non cambia inquadratura per seguirlo. Udiamo suoni che suggeriscono l’idea che l’uomo abbia trovato la morte precipitando nella strada sottostante. (Viene da chiedersi se Lynch potrebbe essere stato la causa della caduta del pover'uomo).
Ritorniamo a Lynch, seduto sulla sua sedia, e stavolta tiene in mano quello che sembra un braccio amputato con il pugno chiuso. “Devo mostrarvi qualcosa” dichiara, e apre il pugno del braccio, rivelando una pallina da golf. “Questa dovrebbe essere l’ultima pallina da golf, colpita da O.J. Simpson prima che finisse in prigione”
La scena cambia ancora e torniamo a Lynch sulla sedia, che cerca di presentare gli attori al panel. Viene interrotto ancora una volta da un caos che non vediamo, scoppiato nella sua buia dimora. “Hey, non potete portare un cavallo qui dentro! Cosa state facendo?” dei suoni suggeriscono che sia scoppiato l’inferno, il cavallo potrebbe essersi imbizzarrito e potrebbe essere arrivata anche una donna e una pistola “Oh, grazie mille, il vostro cavallo ha calpestato il gatto!” Lynch allora si rivolge all’importunato felino, facendogli cenno di avvicinarsi “Vieni qui, piccolino…”
Il video finisce qui. (Non c'è ancora in rete, purtroppo ma state certi che appena lo sarà ve lo mostreremo, perciò restate con noi!)

Articoli Correlati: TWIN PEAKS- Il veto di Lynch sulla nuova stagione ha portato il marketing di Showtime a improvvisare


Il panel è stato gestito da Damon Lindelod, creatore di Lost e The Leftovers, “Twin Peaks: Damn Good Panel” e ha visto la partecipazione di star della serie come Kyle MacLachlan, Naomi Watts, Tim Roth, Dana Ashbrook, Kimmy Robertson, James Marshall, Everett McGill, Matthew Lillard e Don Murray.



Lindelof ha iniziato con un tributo personale a Twin Peaks, condividendo come le prime stagioni lo abbiamo fatto sentire meno strambo come adolescente e ha confessato che non ci sarebbe stato “Lost” senza l’influenza dello show e l’eredità lasciata da Twin Peaks. (E noi iniziammo a seguire Lost per questo, e poi venne aperto il blog e poi...lacrimuccia...) Entertainment Weekley ha chiesto di poter avere una copia del suo intervento, e Lindelof ha loro inviato le pagine per mail. Possiamo notare alcune correzioni dell’ultimo minuto, che includono un taglio alla sua lunga introduzione al video di Lynch, in modo da lasciare spazio all’effetto sorpresa per tutti.





Un benvenuto adeguato, è stato dato ai fan, in seguito al video di David Lynch, da Kyle MacLachlan che ha dato inizio ufficiale al panel, urlando un lungo “Hellooooooo!” così come aveva fatto il suo personaggio nel casinò, guadagnandosi il soprannome di Mr. Jackpot. (“È la mia suoneria” scherza Lindelof”)
Erano tutti pronti a tornare
Ogni attore ha raccontato in quale modo sia stato coinvolto nella nuova serie. “È stata una telefonata criptica” ricorda MacLachlan, che ha sempre sperato che prima o poi Lynch e Frost pensassero a un revival. Il regista, ha chiesto all’amico e collaboratore di lunga data, che interpreta l’Agente Cooper, di incontrarlo di persona a New York in un hotel. “O ero nei guai, oppure voleva parlare di qualcosa di cui speravo volesse parlare” Lynch gli ha offerto del caffè e ha detto a MacLachlan che non era lì per una ramanzina. “Mi ha detto che lui e Mark avevano scritto e trovato un modo per tornare a Twin Peaks e mi ha chiesto se fossi disposto a compiere questo viaggio. Gli ho detto che non avevo mai lasciato Twin Peaks. Ero pronto a partire”.

Articoli Correlati: TWIN PEAKS - Kyle MacLachlan rivela dettagli sul malvagio doppleganger di Cooper

James Marshall e Everett McGill


Chiamando Everett McGill

McGill, un altro membro del cast originale, racconta che Lynch aveva apparentemente perso il suo numero di telefono e che Frost ha usato Twitter  per trovare qualcuno che sapesse come contattarlo. McGill stava visitando una proprietà che frequenta di rado, una casa dove tiene alcune macchine, quando il vecchio telefono a disco giallo fissato al muro ha iniziato a squillare. Era Lynch. “Mi piacciono i ritorni” dice McGill, il cui personaggio ancora non è comparso nello show.




Voglio leggerti qualcosa

Naomi Watts, che ha recitato nel fallimentare pilot per la tv di David Lynch, diventato poi il capolavoro cinematografico Mulholland Drive, ci racconta che è approdata a Twin Peaks, dopo aver fatto visita a David Lynch a casa sua con un un’altra collaboratrice di vecchia data del regista, Laura Dern. Erano andate lì in missione, per convincere  Lynch a fare un altro film. “Ci stava raccontando di diverse idee mentre fumava, e sorrideva un sacco ma non ci diceva né sì, né no”. Quello che Naomi Watts non sapeva, e quello che Lynch non le stava dicendo, era che stava sviluppando Twin Peaks. “Ho finalmente sentito le voci che Twin Peaks stava tornando. Non facevo parte del cast originale, perciò pensavo non sarebbe stato cortese spingere per farne parte. Ma David mi ha chiamato e ha detto ‘Naomi, vieni a casa, voglio leggerti qualcosa’. Mi ha dato una busta e mi ha offerto una tazza di caffè, mi ha fatto accomodare su una sedia che ha costruito lui, vicino al tavolo che ha costruito lui, e mi ha fatto leggere per un ora buona o più quelle pagine”  (anche Laura Dern è entrata a far parte del cast di Twin Peaks, interpretando la segretaria dell'Agente Cooper, Diane, un personaggio rimasto sempre fuori schermo)
Che cosa ha appena detto la Watts?
La Watts risponde al saluto di MacLachlan, regalando al pubblico l’urlo orgasmico che Janey-e ha emesso nell’ultimo episodio. “DOUGIEEEE!”.
“Quando David chiama, noi rispondiamo alla chiamata” dice “Anche se ci chiede di indossare un costume da coniglio!” e poi aggiunge “No, questo è un altro progetto che abbiamo fatto insieme”.
Indimenticabili i Rabbits di David Lynch, non pensavo che dei conigli antropomorfi potessero essere così terrificanti, e ammetto che la scatola di conigli di cioccolato di Lucy e il Jack Rabbits Palace, nominato da Bobby nell’episodio 10, hanno stuzzicato la mia fantasia. Non è che c'è davvero un collegamento?

Articoli Correlati: TWIN PEAKS - Naomi Watts e il suo Ask Me Anything su Reddit



Shaggy, andremo a risolvere misteri !

L’ex attore di Scream e Scooby Doo, Lillard , è stato elogiato dai suoi colleghi per l’ottima scena di poche settimane fa del suo personaggio, Bill Hastings, che ha avuto un isterico e piagnucolante crollo psicologico. Gli è stato chiesto di fare chiarezza su un mistero che ossessiona i fan più accaniti. Bill Hastings, ha scritto 20/09 o 28/09, quando ha identificato e cerchiato la foto del Maggiore Briggs? Lillard pensa che stesse cercando di scrivere 20/09, ma non se lo ricorda benissimo, poiché è stato più di un anno fa, e confessa che la sua calligrafia sia disordinata.

Articoli Correlati : TWIN PEAKS - "The Search For The Zone" Il blog di Bill Hastings ci racconta di dimensioni parallele



Kimmy Robertson, racconta che quando David Lynch l’ha chiamata si trovava a letto ed è rimasta così scioccata dalla notizia da scivolare sul pavimento. Rientrare nei panni di Lucy per lei è stato più che altro indossare lana e maglioni.



Tim Roth, dal canto suo, è sempre stato un fan dei primi lavori di Lynch, in particolar modo Erasehead e Velluto blu, ma non ha mai seguito Twin Peaks quando è andato in onda perché ai tempi era troppo impegnato a girare "Le Iene" di Quentin Tarantino . È stato particolarmente entusiasta di scoprire che avrebbe girato di nuovo delle scene insieme a Jennifer Jason Leigh, dopo che i due hanno lavorato insieme in The Hateful Eight, sempre di Tarantino.

L’attore veterano Don Murray (Bushnell “Battling Bud” Mullens) dice che le lunghe, lunghe pagine di dialogo contrapposte a un Dougie in silenzio sono state tra le sfide più impegnative della sua carriera, ma “La cosa più straordinaria di David è che mostra apprezzamento per il lavoro degli altri. Torni a casa dopo una giornata di lavoro con David e ti senti bene con te stesso e con il mondo per aver avuto questa esperienza”



Molti degli spettatori presenti, non si aspettavano sul serio delle risposte alle domande più succose come “Dov’è Audrey?” e “Quando ritornerà il vero Agente Cooper?” ma non hanno fermato le persone dal continuare a chiederglielo. L’unico problema è che la maggior parte del cast non ha visto la serie. Naomi Watts ha viaggiato in posti con una pessima connessione internet (“Come il Canada” scherza MacLachlan), Tim Roth ha pianificato una maratona di tutte le stagioni dall'inizio con la sua famiglia. “Non so quali conseguenze avrà su di noi come famiglia ma lo voglio fare!”.


MacLachlan parla anche delle scene girate nella black lodge e dice che sia come se ci fosse un energia differente, sentiva elettricità nell’aria e tutto intorno a sé. Faceva tanto anhe il pavimento. Solo lui sa di Twin Peaks tanto quanto David Lynch stesso, ricordiamo che è anche l’unico attore ad aver avuto il privilegio di leggere l’intero copione, ma il lato artistico del regista occupa un posto che è puramente David, di lui come artista. A quel punto, “divento come un fan”. Lynch è chiaramente una figura che ispira tutti coloro che lavorano con lui. “David mi ha iniziato nel mondo del cinema” dice MacLachlan. “Sono stato viziato nel lavorare con David. C’è un momento in cui va in posto che è puramente David, lui come artista. A quel punto, divento come un fan. È intoccabile”.

E ora veniamo alle interviste rilasciate per Los Angeles Times:



Naomi Watts si apre sul suo rapporto con David Lynch, dice che si frequentano spesso e lo considera un vero amico e un mentore. Di solito si incontrano a casa di lui, al suo tavolo da lavoro, per chiacchierare, a volte di cose stupide e divertenti, altre volte invece vengono coinvolti in discorsi più profondi.
Tim Roth, invece, scherza raccontando che non sapeva nemmeno che Naomi Watts fosse nel cast fino all'ultimo, ("Non sapevo nemmeno chi tu fossi" dichiara indicando Kyle MacLachlan). Infatti ogni attore (escluso Kyle, che però tiene tutti i segreti per sè) ha ricevuto soltanto il copione con le sue scene.
"Io non ho nemmeno visto David, perciò sono stato molto sorpreso di essere stato coinvolto nella cosa" confessa Don Murray, rispondendo a come sia stato entrare a far parte del mondo di Twin Peaks.


E per Entertainment Tonight:



Come è stato riportare indietro Twin Peaks per una nuova generazione? 
"È fantastico" dice MacLachlan " c'è un intera e nuova fan base, insieme ai vecchi appassionati, e le persone cresciute con Twin Peaks hanno fatto conoscere la serie ai loro figli, che lo abbiano apprezzato o no, ma è fantastico, è eccitante. E il fatto che David Lynch sia al comando, rende questa serie totalmente sua. è stato un viaggio incredibile".
"David non ha cercato di fare qualcosa di strano o bizzarro" risponde Tim Roth alla domanda su come avevano modificato il nuovo Twin Peaks perché colpisse il mondo televisivo esattamente come le prime stagioni.
È semplicemente un altro mondo" dichiara Naomi Watts." Lavorando con lui hai il divertimento garantito. La sua visione è così chiara che ti fidi di lui, perchè è così. è convincente, e per quanto sia surreale e bizzarro ciò che crea è sempre basato sulla verità"
Viene domandato come sia stato tornare insieme e Kimmy Robertson sorride e risponde "Great! questa è la mia sola parola non posso più parlare poi" dice tra le risate generali "è come una famiglia, anche se non ho mai incontrato questo tipo prima d'ora" ride indicando Tim Roth, seduto accanto a lei.
"Il casting di David è stato impeccabile" dice MacLachlan. gli viene anche chiesto come sia stato leggere l'intero copione della serie "Beh, ci sono volute cinque o sei ore, e anche più di qualche tazza di caffè. Mi è sembrato molto coeso, ma sai io lavoro con David da tanto tempo quindi sono abituato alla sua visione"
"Ti incasina il cervello" ride Naomi Watts.
Come è stato essere sul set di David Lynch?
"Intimidatorio" dice Matthew Lillard "Ti senti come se stessi correndo con delle leggende. è travolgente, ma è bello. è fantastico essere in questa compagnia"
"Ti senti a tuo agio, perciò ti senti in grado di fare e ti senti libero" dichiara Dana Ashbrook "Ti affidi a lui per guidarti in qualunque cosa, non importa quale"
"è il set più felice di cui abbia mai fatto parte" dice Don Murray "Anche se i personaggi fanno cose bizzarre. Non c'è alcun tipo di stress tra le persone"







Come sempre, un saluto alle nostre affiliate:
 Horror Italy Twin Peaks Italia Twin Peaks - La Gazzetta Italiana  Twin Peaks Italians  Bob Twin Peaks I Drogati Di Telefilm Cinema,movie and pop Serie tv Concept



Collabora con noi!
Stiamo cercando autori per news e recensioni di The X-Files, The Flash, Supergirl, Hawaii Five-O, Homeland, Empire, House of Cards, Mr. Robot, Supernatural, The Big Bang Theory, How To Get Away With Murder, IZombie, Legion, Luther, Scandal, This Is Us, Orphan Black e Westworld. Inoltre newsers per Stranger Things, Game of Thrones, The Originals, The Handmaid’s Tale e Narcos.
È richiesta un'ottima conoscenza della lingua italiana e una buona conoscenza della lingua inglese.
SCRIVETECI! contatti@lostinaflashforward.it


Non perdere neanche una notizia! Seguici su Facebook e Twitter.
Condividi su Google Plus

Articolo di Cristina F.

Posta un commento